Divieto di TikTok: la Cina attacca la “logica del bandito” nel voto alla Camera

Divieto di TikTok: la Cina attacca la “logica del bandito” nel voto alla Camera
  • Scritto da Bernd Debusmann Jr
  • Notizie della BBC, Washington

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

I creatori di TikTok hanno tenuto una piccola protesta fuori dalla Casa Bianca dopo che il disegno di legge è stato approvato dalla Camera.

La Cina ha attaccato un disegno di legge presentato al Congresso che potrebbe portare alla messa al bando di TikTok negli Stati Uniti, accusandolo di comportarsi “ingiustamente” come “banditi”.

Il disegno di legge approvato dalla Camera dei Rappresentanti darebbe alla società madre di TikTok sei mesi per cedere la società o affrontare il divieto dell’app.

La battaglia al Senato è ancora dura, ma il presidente Joe Biden dice che lo firmerà se il Congresso lo approverà.

Pechino si è impegnata ad adottare le “misure necessarie” per proteggere i propri interessi.

TikTok è di proprietà della cinese ByteDance, una società con sede a Pechino e registrata nelle Isole Cayman.

I legislatori statunitensi hanno espresso preoccupazione per l’app, affermando che i dati degli americani potenzialmente in mani cinesi la rendono un rischio per la sicurezza nazionale. I proprietari di TikTok hanno respinto queste accuse.

Mercoledì, in una rara dimostrazione di bipartitismo, la Camera ha votato a stragrande maggioranza a favore dell’approvazione del disegno di legge, con 352 rappresentanti che hanno votato a favore della proposta di legge e 65 contrari.

Giovedì, in una conferenza stampa a Pechino, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha affermato che il voto sul disegno di legge “è contrario ai principi di concorrenza leale e giustizia”.

“Quando qualcuno vede una cosa buona che qualcun altro ha e cerca di appropriarsene, questa è assolutamente la logica del bandito”, ha aggiunto Wang.

Un altro funzionario cinese, il portavoce del Ministero del Commercio He Yadong, ha affermato che la Cina “adotterà tutte le misure necessarie per proteggere i suoi legittimi diritti e interessi”.

Non è chiaro se il disegno di legge abbia abbastanza sostegno per passare al Senato degli Stati Uniti. È anche possibile che il disegno di legge non venga mai messo ai voti, lasciando intatto lo status quo.

Il repubblicano Donald Trump ha affermato che ora si oppone al divieto, dopo averlo precedentemente sostenuto.

Dopo la sua approvazione alla Camera dei Rappresentanti, il CEO di TikTok Xu Ziqiu ha affermato che il disegno di legge toglierà “miliardi di dollari dalle tasche dei creatori e delle piccole imprese”.

“Ciò metterà a rischio anche oltre 300.000 posti di lavoro americani e ti toglierà TikTok”, ha detto Chiu in un video pubblicato su TikTok e X, precedentemente noto come Twitter.

Mercoledì, diversi “creatori” di TikTok hanno dichiarato alla BBC che temevano per i loro mezzi di sussistenza e per le loro attività se il disegno di legge diventasse legge.

“Compro articoli da piccole imprese e li espongo sulla mia piattaforma, e lavoro per migliorarli”, ha affermato Ophelia Nichols, una creatrice con sede in Alabama con oltre 12 milioni di follower sulla piattaforma. “Saranno le piccole imprese a soffrire… di questo devi preoccuparti.”

Chiu di TikTok ha anche esortato i suoi utenti a pronunciarsi contro il voto e a rivolgersi ai legislatori, uno sforzo che ha già portato alcuni membri del Congresso a essere inondati di chiamate da parte di elettori arrabbiati.

Spiegazione video,

Guarda: cosa pensano i giovani americani del divieto di TikTok?

Questo approccio ha fatto arrabbiare i legislatori americani. Uno degli sponsor del disegno di legge, il repubblicano del Texas Chip Roy, ha dichiarato alla BBC in un'intervista che crede che TikTok “si sia dato la zappa sui piedi” con i suoi sforzi di lobbying.

“[That is] “Dimostrano di voler usare il potere della loro tecnologia per persuadere e informare le persone con il loro punto di vista”, ha detto, aggiungendo che lo sforzo equivale “all’angolo di propaganda che vediamo da TikTok”.

TikTok è vietato in Cina insieme ad altre piattaforme di social media.

Gli utenti cinesi utilizzano invece un’app simile, Douyin, disponibile solo in Cina ed è monitorata e censurata dal governo.

Nel frattempo, il governo canadese ha rivelato giovedì che è in corso una revisione della sicurezza nazionale della prevista espansione di TikTok nel paese, iniziata in sordina a settembre.

Parlando ai giornalisti a Ottawa, il primo ministro Justin Trudeau ha rifiutato di commentare la revisione o di dire se il Canada stia prendendo in considerazione un divieto simile a quello proposto negli Stati Uniti.

“Ovviamente stiamo osservando la controversia negli Stati Uniti”, ha detto ai giornalisti.

L’ex segretario al Tesoro Steven Mnuchin ha dichiarato giovedì che sta mettendo insieme un team di investitori per fare un’offerta per TikTok.

“È una grande azienda”, ha detto alla CNBC, aggiungendo che sarebbe di proprietà di una società americana.

Ha aggiunto: “Non è possibile per i cinesi permettere a una società americana di possedere qualcosa di simile in Cina”.

Anche l'uomo d'affari canadese Kevin O'Leary, star dello show televisivo Shark Tank, ha detto di essere interessato all'acquisto della società.

Quando l’amministrazione Trump ne ordinò la vendita nel 2020, alcune delle più grandi aziende degli Stati Uniti si presentarono per esplorare le offerte, che secondo quanto riferito valutavano la società circa 50 miliardi di dollari.

Alla fine Microsoft ha perso contro un team che includeva Walmart e il colosso del software Oracle. L'accordo è fallito tra le sfide legali e il passaggio a una nuova gestione.

Oggi, la portata e le entrate pubblicitarie di TikTok sono aumentate notevolmente, con una valutazione stimata di 268 miliardi di dollari.

READ  Kinijos užsienio reikalų ministro žodžiai JAV: liaukitės žaisti su ugnimi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *