La crisi climatica sta portando a ondate di calore e incendi. Ecco come

Oltre alle temperature che superano i 40 gradi Celsius (104 gradi Fahrenheit), gli incendi stanno imperversando in tutta l’Europa meridionale con evacuazioni nelle città italiane e greche.

Il caldo torrido fa parte di un modello globale di riscaldamento, che gli scienziati attribuiscono all’attività umana.

Il cambiamento climatico sta rendendo le ondate di calore più calde e frequenti. Questo è il caso per la maggior parte delle regioni della Terra ed è stato confermato dall’International Panel of Climatologists (IPCC) delle Nazioni Unite.

Le emissioni di gas serra delle attività umane hanno riscaldato il pianeta di circa 1,2°C sin dall’epoca preindustriale. Questa linea di base più calda significa che è possibile raggiungere temperature più elevate durante eventi di caldo estremo.

“Ogni ondata di caldo che stiamo vedendo oggi sta diventando sempre più calda e frequente a causa del cambiamento climatico”, ha affermato Frederic Otto, uno scienziato del clima presso l’Imperial College di Londra che è anche co-leader della collaborazione di ricerca sull’attribuzione meteorologica globale.

Ma ci sono anche altre condizioni che influenzano le ondate di calore. In Europa, la circolazione atmosferica è un fattore importante.

Uno studio pubblicato su Nature questo mese ha rilevato che le ondate di calore in Europa sono aumentate da tre a quattro volte più velocemente rispetto ad altre medie latitudini settentrionali come gli Stati Uniti. Gli autori mettono in relazione questo con i cambiamenti nella corrente a getto – una rapida corrente d’aria da ovest a est nell’emisfero settentrionale.

Per scoprire come il cambiamento climatico influenzi una particolare ondata di caldo, gli scienziati conducono “studi di attribuzione”. Dal 2004, più di 400 studi di questo tipo su eventi meteorologici estremi, inclusi calore, inondazioni e siccità, sono stati condotti per calcolare il ruolo del cambiamento climatico in ciascuno di essi.

READ  Ultime notizie sulla crisi di confine tra Ucraina e Russia: aggiornamenti in tempo reale

Ciò comporta la simulazione del clima moderno centinaia di volte e il confronto con la simulazione di un clima senza emissioni di gas serra causate dall’uomo.

Ad esempio, gli scienziati che utilizzano la World Weather Attribution hanno determinato che un’ondata di caldo record nell’Europa occidentale nel giugno 2019 aveva ora una probabilità 100 volte maggiore di verificarsi in Francia e nei Paesi Bassi rispetto a se gli esseri umani non avessero cambiato il clima.

Le ondate di caldo continueranno a peggiorare

Il riscaldamento globale sta già guidando eventi di caldo estremo.

“In media sulla Terra, le temperature estreme che si sarebbero verificate una volta ogni 10 anni senza l’influenza umana sul clima sono ora tre volte più frequenti”, ha affermato Sonia Seneviratne, scienziata del clima presso l’Istituto europeo di tecnologia di Zurigo.

Le temperature smetteranno di aumentare solo se gli esseri umani smetteranno di aggiungere gas serra nell’atmosfera. Fino ad allora, le ondate di caldo peggioreranno. L’incapacità di affrontare il cambiamento climatico porterà a un’escalation delle temperature estreme ancora più pericolosa.

I paesi hanno concordato in base all’accordo globale di Parigi del 2015 di ridurre le emissioni abbastanza velocemente da limitare il riscaldamento globale a 2°C e puntare a 1,5°C, per evitarne gli effetti più pericolosi. Le politiche attuali non ridurranno le emissioni abbastanza velocemente da raggiungere nessuno dei due obiettivi.

Il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici afferma che l’ondata di caldo ogni decennio nell’era preindustriale si verificherà 4,1 volte per decennio a 1,5°C e 5,6 volte a 2°C.

Lasciare passare 1,5°C di riscaldamento significa che la maggior parte degli anni sarà “influenzata da eventi caldi in futuro”, ha detto Sniferatne.

READ  מטורף: חברה סינית בנתה בניין של 10 קומות ביום אחד | צפו:

Il cambiamento climatico sta provocando incendi

Il cambiamento climatico sta aumentando le condizioni calde e secche che aiutano gli incendi a diffondersi più rapidamente, a bruciare più a lungo e a diventare più intensi.

Nel Mediterraneo, ciò ha contribuito a far iniziare prima la stagione degli incendi e bruciare più terra. L’anno scorso, più di mezzo milione di ettari di terra sono bruciati nell’Unione Europea, rendendola la seconda peggiore stagione di incendi boschivi nell’Unione dopo il 2017.

Il caldo drena anche l’umidità dalla vegetazione, trasformandola in combustibile secco che aiuta a propagare gli incendi.

“Le condizioni più calde e più secche in questo momento lo rendono più comune [fires] È più serio, ha detto Mark Barrington, il capo scienziato di Copernico.

Paesi come il Portogallo e la Grecia soffrono di incendi per la maggior parte dell’estate e hanno le infrastrutture per cercare di gestire, nonostante entrambi abbiano ricevuto aiuti di emergenza dall’Unione Europea quest’estate. Ma temperature più elevate spingono anche gli incendi in aree con cui non hanno familiarità e quindi meno preparate ad affrontare.

Anche la gestione forestale e le fonti di accensione sono fattori importanti. In Europa, più di nove incendi su 10 sono accesi da attività umane, come incendi dolosi, barbecue monouso, linee elettriche o vetri sparpagliati, secondo i dati dell’UE. Ma la crisi climatica di solito crea condizioni che peggiorano notevolmente gli effetti di questi incendi.

I paesi, inclusa la Spagna, affrontano la sfida di una popolazione rurale in calo, poiché le persone si spostano nelle città, lasciando la forza lavoro più piccola a ripulire la vegetazione ed evitare il “carburante” dell’accumulo di incendi boschivi.

READ  L'ondata di caldo in India e Pakistan "mette alla prova i limiti della sopravvivenza umana"

Alcune azioni possono aiutare a ridurre gli incendi intensi, come gli incendi controllati che imitano gli incendi a bassa intensità nei cicli degli ecosistemi naturali o l’inserimento di lacune all’interno delle foreste per impedire che gli incendi si diffondano rapidamente su vaste aree.

Ma gli scienziati concordano sul fatto che senza forti tagli ai gas serra che causano il cambiamento climatico, le ondate di calore, gli incendi, le inondazioni e la siccità peggiorerebbero esponenzialmente.

“Se guardiamo indietro all’attuale stagione degli incendi tra un decennio o due, probabilmente sembra moderata in confronto”, ha affermato Victor Risco de Dios, professore di ingegneria forestale presso l’Università spagnola di Lleida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.