India e Cina si astengono dal firmare un piano per triplicare le energie rinnovabili

India e Cina si astengono dal firmare un piano per triplicare le energie rinnovabili

Questo obiettivo ambizioso mira a ridurre la dipendenza dai combustibili fossili

Dubai:

Sabato India e Cina si sono astenute dal firmare l’impegno al vertice sul clima COP28 di triplicare la capacità mondiale di energia rinnovabile entro il 2030, anche se Nuova Delhi si era già impegnata in tal senso come parte della sua presidenza del G20. Durante i colloqui sul clima delle Nazioni Unite, 118 paesi si sono impegnati a triplicare la capacità globale di energia rinnovabile entro il 2030 in un’iniziativa che ha ricevuto ampio sostegno.

Questo obiettivo ambizioso mira a ridurre la dipendenza dai combustibili fossili nella produzione totale di energia mondiale.

I paesi che hanno sostenuto l’impegno includono Giappone, Australia, Canada, Cile, Brasile, Nigeria e Barbados.

Sebbene Cina e India abbiano espresso sostegno per triplicare l’energia rinnovabile entro il 2030, sabato nessuna delle due ha sostenuto formalmente l’impegno globale.

Questo impegno prevede l’espansione dell’energia pulita riducendo al contempo l’uso di combustibili fossili.

L’impegno prevedeva l’eliminazione graduale dell’energia a carbone e la fine dei finanziamenti per le nuove centrali elettriche a carbone.

I combustibili fossili “implacabili” si riferiscono generalmente all’uso continuato di carbone, petrolio e gas senza sforzi per ridurre le emissioni. Tuttavia, attualmente non esiste una definizione precisa e universalmente accettata di questo termine.

L’Agenzia internazionale per l’energia afferma che il mondo deve triplicare la propria capacità di energia rinnovabile e raddoppiare il proprio tasso di efficienza energetica entro il 2030 per ridurre la domanda di combustibili fossili e limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius entro la fine del secolo.

La decisione dell’India ha suscitato reazioni contrastanti da parte degli esperti indiani.

READ  Un ex insegnante in Cina viaggia per il mondo indossando abiti tradizionali Hanfu per diffondere la cultura cinese in tutto il mondo

Madhura Joshi, socio senior e responsabile della transizione energetica indiana presso E3G, ha espresso disappunto per la decisione dell’India di non firmare l’impegno globale che mira a triplicare le energie rinnovabili e raddoppiare l’efficienza energetica entro il 2030.

“Queste decisioni cruciali sono state inizialmente approvate dalla presidenza indiana del G20 e poi approvate dai leader del G20 nel settembre 2023”, ha affermato Joshi.

Joshi sottolinea l’importanza di abbandonare i combustibili fossili, in particolare il carbone, per raggiungere gli impegni di zero emissioni nette. Nonostante gli ambiziosi obiettivi dell’India in materia di energie rinnovabili, con piani per raggiungere 450 GW entro il 2030, la speranza è che Nuova Delhi approvi questi obiettivi globali alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28), sfruttando la sua posizione di leadership nel settore delle energie rinnovabili.

Vibhuti Garg, direttore dell’Asia meridionale presso l’Istituto per l’economia energetica e l’analisi finanziaria, sottolinea l’impegno dell’India a triplicare l’obiettivo delle energie rinnovabili nell’ambito del G20, come ha ribadito il primo ministro Narendra Modi alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) a Dubai.

Mentre l’India mostra serie ambizioni nel campo delle energie rinnovabili, Garg ha sottolineato il silenzio del paese sull’abbandono del carbone.

“Il raggiungimento degli obiettivi di energia rinnovabile dell’India richiederà il triplo degli investimenti, spingendo il Paese a chiedere ulteriore sostegno finanziario al Nord del mondo attraverso meccanismi di finanza mista, tra cui la Banca multilaterale di sviluppo (MDB), obbligazioni verdi, investitori azionari, assicurazioni e pensioni”, Ha aggiunto.

Ulka Kelkar, direttore esecutivo per il clima presso il World Resources Institute (WRI) in India, ha ribadito l’obiettivo globale di triplicare la capacità di energia rinnovabile adottato durante la presidenza indiana del G20.

READ  Decretan duelo oficial en Cuba por deceso del presidente de Tanzania

Ha sottolineato la portata dell’obiettivo del contributo determinato a livello nazionale (NDC) dell’India, che richiede al paese di costruire tanta energia rinnovabile quanta ne esiste attualmente nell’intero continente sudamericano.

Kelkar sottolinea l’impatto trasformativo su vari settori, consentendo a veicoli, edifici, fornelli e industrie di funzionare con elettricità pulita.

Inoltre, riconosce che l’efficienza energetica è una componente fondamentale della transizione verso l’energia pulita ed è in grado di offrire vantaggi tangibili, soprattutto per le piccole, piccole e medie imprese.

Il dottor Ajay Mathur, direttore generale dell’International Solar Alliance, ha espresso la sua soddisfazione per l’impegno globale a triplicare la capacità rinnovabile entro il 2030.

Ha sottolineato il duplice vantaggio di promuovere lo sviluppo e mitigare gli effetti del cambiamento climatico, sottolineando l’urgenza di accelerare la crescita delle fonti energetiche rinnovabili per una transizione di successo verso l’energia pulita. PTI UZM GVS PY (Questa storia è stata prodotta come parte della 2023 Climate Change Media Partnership, una borsa di studio giornalistica organizzata dall’Earth Journalism Network di Internews e dallo Stanley Center for Peace and Security.)

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *