In Italia la vaccinazione diventa obbligatoria per le persone con più di 50 anni

Remo Caselli via Reuters In Italia la vaccinazione diventa obbligatoria per gli over 50 (immagine illustrativa: Primo Ministro italiano Mario Draghi, 22 dicembre 2021 di REUTERS/Remo Casilli)

Remo Caselli via Reuters

Italia – Ci trasferiamo in Italia. Il governo italiano, a fronte di un forte aumento della contaminazione da Covid-19, ha deciso mercoledì 5 gennaio di introdurre la vaccinazione obbligatoria per tutte le persone di età superiore ai 50 anni.

“Vogliamo rallentare la curva dell’inquinamento e incoraggiare gli italiani che non sono ancora stati vaccinati a farlo”, ha giustificato il presidente del Consiglio Mario Draghi durante il governo che ha adottato il provvedimento, citando un comunicato stampa del governo.

“Stiamo intervenendo specificamente nelle fasce di età più a rischio di ricovero per alleviare la pressione sugli ospedali e salvare vite umane”, ha aggiunto.

28 milioni di persone colpite

Nel dettaglio, il decreto-legge impone l’obbligo di vaccinazione per gli over 50 che non lavorano, e il possesso della vaccinazione passa dal 15 febbraio a tutti i dipendenti over 50, anche in luoghi pubblici solo in segreto.

È infatti obbligo vaccinare tutti gli over 50, poiché il permesso di vaccinazione, approvato in Italia la “Tessera Sanitaria Potenziata”, si ottiene solo con un corso vaccinale completo o dopo la guarigione dal Covid.

L’Italia ha una popolazione di 59 milioni di abitanti, di cui 28 milioni di età superiore ai 50 anni, secondo l’Istituto Nazionale di Statistica (Istat).

La vaccinazione obbligatoria dovrebbe essere estesa a tutti.

In risposta a una domanda dell’Agence France-Presse di mercoledì sera nella piazza centrale di Roma, il dipendente Emilio Santamaria si è detto favorevole a questo provvedimento: “Penso che la vaccinazione obbligatoria dovrebbe essere estesa a tutti, o almeno a tutti gli adulti. Quindi lo vedo positivamente”.

READ  I giganti americani tagliano i rapporti con Mosca

Il 29 dicembre il governo ha già deciso di richiedere dal 10 gennaio la tessera di vaccinazione nei trasporti, negli hotel, nelle terrazze dei ristoranti, nelle mostre e nei convegni, oltre che nelle piscine e nelle palestre.

Finora, per prendere il treno e l’aereo, bastava avere un permesso sanitario “base”, che si può ottenere grazie alla vaccinazione ma anche con test negativo. La tessera di vaccinazione è attualmente richiesta per alcuni gruppi professionali come operatori sanitari, personale scolastico e polizia.

Di fronte ai suoi vicini con un fortissimo ritorno all’inquinamento dovuto alla variante Omicron, la penisola ha registrato negli ultimi giorni un gran numero di nuovi casi positivi: più di 189.000 mercoledì e più di 170.000 martedì. In totale, in Italia sono attualmente oltre 1,4 milioni le persone contagiate.

L’Italia, primo Paese europeo duramente colpito dalla pandemia, dall’inizio del 2020 ha registrato oltre 138.000 morti.

Vedi anche su L’HuffPost: Castix convocato per scusarsi per Macron in assemblea, esortando i parlamentari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.