Punteggio nutrizionale sulle bottiglie di vino? L’Italia chiede aiuto a Macron

Marco Bottagili / Getty Images Di fronte al potenziale emergere di un grado di imbottigliamento del vino in Europa, l’Italia è preoccupata e chiede a Emmanuel Macron di intervenire contro i progettisti francesi del sistema di etichettatura (foto illustrativa scattata in Piemonte, nella regione vinicola di Lange Roero).

Marco Bottagili / Getty Images

ALIMENTATION – Vent debout contre le nutri-score, le gouvernement et les producteurs de vin en Italie ont dénoncé ce samedi 5 février le projet des concepteurs du système d’étiquetage alimentare francese al Macrons demandyséssonésré identificatore Attitude.

“Vorrei sapere cosa ne pensa Macron dell’ultima proposta dei designer di Nutri-Score, che ora propone di mettere una F nera su tutte le bevande che contengono anche una minima quantità di alcol. Il presidente francese è d’accordo?”, ha chiesto il ministro dell’Agricoltura, Jeanne Marco Centeno.

Ha criticato la “notevole follia” delle etichette che penalizzano “alimenti naturali e salutari come l’olio d’oliva” nonché “prodotti a marchio originale” derivati ​​da “concessioni regionali”. L’Italia è il più grande produttore di vino del mondo davanti a Spagna e Francia, secondo l’Organizzazione internazionale per i vigneti e il vino (OIV).

“F” nera sulle bevande alcoliche?

Il ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli ha incontrato venerdì il suo omologo sloveno Jose Podgorcic e gli ha chiesto di sostenere l’Italia, che teme che il punteggio alimentare, lanciato in Francia nel 2017, diventi uno standard europeo.

In un comunicato il Consorzio Agricoltura Confagricoltura ha denunciato “l’etichettatura inaccettabile di prodotti di alta qualità che contribuiscono anche a una migliore qualità della vita. Il deposito!” Senza nominare Emmanuel Macron, il suo presidente, Massimiliano Giansante, ha chiesto “chiarimenti a livello politico perché il logo dei punti di alimentazione è gestito dall’Agenzia nazionale francese per la sanità pubblica”.

READ  "The Dome": l'Italia con un colpo di scena

Il settore vitivinicolo italiano ha risposto ai recenti commenti di Serge Herzberg, un epidemiologo il cui lavoro è stato alla base della creazione del punteggio nutrizionale da parte di Public Health France. “I designer di #NutriScore hanno suggerito che tutte le bevande alcoliche siano etichettate con un’etichetta F nera esclusivamente per le bevande contenenti alcol anche in piccole quantità”, ha twittato questa settimana Serge Herzberg. Richiede che tutte le bevande alcoliche siano distinte dalla quantità di alcol, zucchero e numero di calorie.

Il presidente del sindacato ha chiamato “il professor Herzberg per rivedere la sua proposta dopo aver bevuto un bicchiere di buon vino. Italiano ovviamente”. Lo scienziato francese ricorda nei suoi tweet che l’articolo 16.4 del regolamento europeo sull’informazione dei consumatori sui prodotti alimentari esclude le bevande contenenti più dell’1,2% di alcol.

Vedi anche su HuffPost: Fine dei sali nitriti nella carne di maiale: questo parlamentare chiede una “vera transizione nel settore”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.