“Drago Bianco”: nel bando nazionale produzione di idrogeno “verde” in Macedonia occidentale

Aggiornamenti in tempo reale: Aggiornato da

Il punto di partenza per richiedere l’adesione all’Europa Un importante progetto di comune interesse europeo (IPCEI) Per sviluppare tecnologie e sistemi a idrogeno, il progetto “White Dragon” sarà completato questa settimana. Questo perché la presentazione da parte di DEPA e il file completo del progetto a Un invito dei Ministeri dello Sviluppo e dell’Energia Per i business plan greci nel campo dell’idrogeno, al fine di formare una proposta di progetto nazionale per partecipare all’IPCEI.

L’invito a manifestare interesse è stato pubblicato all’inizio di aprile ed è già stata presentata una sintesi del “Drago bianco”. Lo scopo principale dell’invito dei due ministeri è Probabilità di partecipazione del nostro Paese al programma europeoSelezionando proposte progettuali che possono essere incluse in esso.

La manifestazione di interesse è quindi il punto di partenza per la presentazione del “Drago Bianco” per la valutazione a Bruxelles e per competere con tutte le altre proposte europee per una “posizione” nell’IPCEI e, di conseguenza, per il finanziamento da risorse europee.

Condivisione dei più grandi gruppi energetici

Coordinato da DEPA e budget Più di 2 miliardi di euroWhite Dragon ha 10 società, inclusi i più grandi gruppi energetici in Grecia. Pertanto, il progetto include, tra le altre cose DEFA, Il Mitilene, Il ΤΕΡΝΑ, Il PPC, α Il B e il olio motore. Come il “regalo” è dato dalla sua unione TAP pipelineCosì come l’azienda polacca Solaris.

Con la sua attuazione, la Macedonia occidentale rimarrà il centro energetico del Paese, anche dopo il ritiro della lignite. Ora, però, il distretto manterrà questo ruolo creandone uno Infrastrutture “verdi” per la produzione di idrogeno, cioè idrogeno prodotto esclusivamente elettrolita da RES.

READ  Real Sociedad vs Man United: pronostici Europa League, notizie sulla squadra, canale TV, trasmissione in diretta, risultati testa a testa, quote

A tal fine, nella regione saranno sviluppati impianti fotovoltaici fino a 3 GW, al fine di garantire ca 16.000 tonnellate di gas rinnovabile su base annuale. Il “carburante” sarà stoccato localmente, in modo da coprire prima gli usi all’interno della regione, ad esempio per le industrie della ristorazione o per il riscaldamento degli edifici. In questo contesto, è prevista anche la creazione di stazioni di rifornimento di idrogeno nella Macedonia occidentale.

rete di gasdotti

Il metodo di trasporto del carburante nella regione è attraverso di esso Gasdotto verso la Macedonia occidentale Progettato da DESFA, la cui costruzione è iniziata con la recente approvazione della RAE per il Programma di sviluppo 2021-2030.

Il gasdotto sarà costruito per essere compatibile con il trasporto dell’idrogeno da zero. Pertanto, con le opportune modifiche, potrà trasportare gas rinnovabile.

In caso di aumento della produzione è possibile esportare in Italia quantitativi di idrogeno rinnovabile Tramite gasdotto TAP. Infatti, con modifiche minime, il gasdotto Trans-Adriatico potrà far circolare fino al 10% di idrogeno, come miscela in circolazione di gas naturale.

Nella seconda fase, quando l’uso dell’idrogeno sarà ulteriormente ampliato, DESFA costruirà un nuovo gasdotto per collegare Atene E il Salonicco, che termina in Kavala E il giacimento di gas esaurito è lì, con il potenziale per essere convertito in un giacimento di gas rinnovabile sotterraneo.

L’orizzonte temporale per questo progetto è fissato nel 2040, quando si prevede che ci sarà una domanda significativa di idrogeno “verde” da industrie e raffinerie nella più ampia regione dell’Attica e Salonicco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *