In Italia il gas è gratuito per i residenti in Basilicata

In Italia il gas è gratuito per i residenti in Basilicata

Lucia vive in un piccolo appartamento nel cuore di Potenza dove è nata, ed è una delle prime a farsi pagare il conto. In uno scoppio di risate, si chiede se non lo inquadrerà:

«Qui si vede che la materia prima, il gas, non mi viene fatturata. Mi risparmio 24 euro perché dobbiamo ancora pagare i costi fissi: commercializzazione, distribuzione e trasporto del gas. Ma ho diritto solo se Sto risparmiando energia, non posso far funzionare la caldaia in modo continuo per consumare il più possibile e devo risparmiare almeno il 15% rispetto al mio consumo precedente.”

Lucia viene a sapere della bolletta del gas di ottobre, e non paga più le materie prime
Lucia viene a sapere della bolletta del gas di ottobre, e non paga più le materie prime

© Radio Francia
-Bruce de Galzen

Pertanto, le garanzie sono state messe in atto dalla regione, che ha negoziato questo accordo con i colossi petroliferi Eni, Total e Shell, che gestisce il più grande deposito onshore d’Europa in Basilicata. La regione ha ottenuto dalle compagnie petrolifere 200 milioni di metri cubi di gas gratis ogni anno per dieci anni, mentre la sua popolazione di 550mila persone consuma 160 milioni di persone.

Hanno diritto al gas gratuito solo le persone residenti in Basilicata

Ne beneficeranno quindi i residenti residenti in Basilicata. Ma la Regione non vuole dare l’impressione che i combustibili fossili siano il futuro, spiega Cosimo Latronico, vicepresidente della Regione Basilicata con delega ad Ambiente, Territorio ed Energia:

“Utilizzeremo una parte delle risorse che ricaviamo dai combustibili fossili per finanziare una campagna per l’autonomia energetica delle famiglie da fonti rinnovabili. Oltre a regalare il gas, abbiamo lanciato un bando che partirà il 5 dicembre. Famiglie che lo desiderano può optare per l’autonomia fotovoltaica o termica farlo grazie ad un contributo della regione da 5.000 a 10.000 euro.

READ  In punti di riferimento mondiali blu e bianchi nel corso dei 200 anni dalla rivoluzione greca

È vero che la Basilicata è all’avanguardia anche in termini di energie rinnovabili con il più grande parco eolico del Paese. Ma la regione vive in parte delle ingenti provvigioni e tasse pagate dalle compagnie petrolifere che non sempre vengono messe a frutto secondo la Corte dei Conti, che ha più volte ammonito la Basilicata ei comuni del bacino minerario. Piuttosto, la Corte ritiene che ci sia un eccesso di risorse rispetto a quanto può essere speso. Stiamo parlando della sola Basilicata con oltre due miliardi di euro già raccolti negli ultimi 25 anni.

La mancanza di infrastrutture colpisce anche attraversando questa terra di nessuno tra Calabria e Puglia. Molte strade sono state bloccate e i cantieri abbondano. Michele Catalano, presidente della Federconsumatori lucana, è in parte soddisfatto dell’accordo sul gas libero, ma ritiene che le risorse avrebbero dovuto essere utilizzate diversamente:

“Questo reddito della regione potrà essere utilizzato per creare un fondo sovrano in cui investire sul territorio, sulle infrastrutture e sul passaggio all’energia pulita. L’energia sarà gratuita per i privati ​​ma anche per le aziende che vorranno investire. In Basilicata. It sarà un catalizzatore molto importante per lo sviluppo del settore”.

Michele Catalano, Presidente di Federconsumatori Basilicata nel suo ufficio a Potenza, capoluogo della regione
Michele Catalano, Presidente di Federconsumatori Basilicata nel suo ufficio a Potenza, capoluogo della regione

© Radio Francia
-Bruce de Galzen

Solo che al momento le aziende non possono usufruire del servizio gratuito a causa delle norme europee sugli aiuti di Stato.

ENI continuerà ad estrarre petrolio e gas per almeno dieci anni

A un’ora di macchina da Potenza (quando non è tagliata), arriviamo davanti all’enorme centro di cura del colosso petrolifero ENI a Viggiano. I camion entrano ed escono. Qui lavoriamo 24 ore su 24, 365 giorni all’anno. Eugenio Lubomo è Presidente della Divisione Sud di Eni. Grazie all’accordo con la regione potrà continuare ad estrarre petrolio e gas per dieci anni. Secondo lui, non dovremmo andare troppo veloci nella trasmissione dell’energia:

READ  Tsipras: Mr. Mitsotakis non crede ai memorandum con la Macedonia del Nord per paura di tutti i tipi di Bogdan da ND

“La transizione energetica deve avvenire gradualmente, sia in termini di disponibilità di fonti energetiche sia in termini di impatto sociale sul nostro settore petrolifero e del gas. Il gas è il vettore energetico più vantaggioso e il meno dannoso per l’ambiente! Quindi dobbiamo continuare a usarlo nei prossimi anni perché finché non avremo fonti alternative e costantemente rinnovabili diverse dal vento e dal sole, il gas continuerà ad essere l’energia meno inquinante per gestire questa transizione”.

ENI impiega 420 persone nel suo centro di lavorazione Val d'Agri ma crea 4.000 posti di lavoro indiretti
ENI impiega 420 persone nel suo centro di lavorazione Val d’Agri ma crea 4.000 posti di lavoro indiretti

© Radio Francia
-Bruce de Galzen

E qui Eni ha tutto il potere, l’azienda dà lavoro a tutti. Dispone di 24 pozzi in Val d’Agri. Il piccolo comune di Viggiano ei suoi 3.000 abitanti sfruttano appieno le commissioni pagate dai colossi petroliferi: fino a 20 milioni di euro di commissioni in un anno! Così nel comune sono presenti una piscina semiolimpionica, un moderno complesso sportivo e un campo da calcio illuminato.

Il comune di Viggiano, che percepisce ogni anno diversi milioni di euro di commissioni, può realizzare una piscina, un complesso sportivo e un campo da calcio.
Il comune di Viggiano, che percepisce ogni anno diversi milioni di euro di commissioni, può realizzare una piscina, un complesso sportivo e un campo da calcio.

© Radio Francia
-Bruce de Galzen

Ma non tutti i residenti hanno la stessa fortuna. A centinaia di metri dal centro di lavorazione Eni, le strade non sono illuminate, sono molto strette. Arriviamo a Christina, che ha costruito la sua casa trent’anni fa. Quindici anni fa ha combattuto ma ora è molto sola contro Eni perché la maggior parte dei suoi vicini se n’è andata. Tuttavia, ha creato un’associazione molto forte ma ini:

“Non abbiamo ottenuto niente! È una lotta contro i mulini a vento, qui l’ENI è lo Stato purtroppo, decide tutto! Non abbiamo infrastrutture, né strade dove abito io: niente fognature, niente illuminazione pubblica. Non abbiamo nemmeno gas acceso Anche se siamo a 300 metri dal centro in linea d’aria, alcuni giorni dobbiamo chiudere porte e finestre perché non riusciamo a respirare, dobbiamo stare chiusi in casa e aspettare che passi … Succede spesso.”

Eni è stata condannata principalmente per traffico e smaltimento abusivo di rifiuti pericolosi. È iniziato un altro processo: Eni è accusata di disastro ecologico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *