Imporre una tassa storica alle aziende tecnologiche globali.. si parte dal 15% e si sale

I paesi del Gruppo dei Sette hanno concordato, sabato, di aderire a un’imposta globale minima sulle società di almeno il 15%, come determinato da ciascun paese.

“Ci impegniamo a raggiungere una soluzione equa sull’assegnazione dei diritti di tassazione, per cui i paesi avranno il diritto di tassare almeno il 20% dei profitti che superano il margine del 10% delle società multinazionali più grandi e redditizie”, ha affermato una dichiarazione di i ministri delle finanze dei paesi del gruppo, visti da Reuters. .

“Forniremo il necessario coordinamento tra l’attuazione delle nuove norme fiscali internazionali e l’abolizione di tutte le tasse sui servizi digitali e altre misure simili relative a tutte le società”, ha aggiunto.

A sua volta, il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire ha considerato sabato, secondo “AFP”, che l’accordo raggiunto dal Gruppo dei Sette per imporre una tassa globale sugli utili aziendali è un “passo storico” nella “battaglia” contro “l’evasione fiscale”. e il suo miglioramento».

E a proposito dell’aliquota “almeno il 15%” concordata dai ministri delle finanze del G7 a Londra, il ministro ha sottolineato in un video diffuso su Twitter: “E’ un punto di partenza e cercheremo nei prossimi mesi di far sì che questa aliquota è sollevato il più in alto possibile”.

“La battaglia continuerà nel G20 e nell’Ocse, ma il passo che è stato fatto qui a Londra, nell’ambito del G7, è un passo storico che dovrebbe rendere orgogliosi noi tutti francesi”, ha aggiunto.

I ministri delle finanze del G7 speravano in un accordo “storico” su un’imposta globale minima sugli utili societari e una migliore distribuzione del gettito fiscale per le multinazionali, in particolare i colossi digitali, dopo una riunione di due giorni a Londra.

Dalla riunione dei ministri degli esteri del G7 a Londra

READ  Conosci il tipo di intelligenza di tuo figlio .. 8 tipi di intelligenza umana identificati dagli psicologi

In precedenza, il ministro francese Bruno Le Maire, di fronte ad alcuni giornalisti a margine di una riunione, la prima dallo scoppio dell’epidemia di Covid-19, ha affermato: “Se raggiungeremo un accordo (sabato), questo costituirà un progresso storico”. .”

Il ministro delle finanze britannico Rishi Sunak, il cui Paese detiene attualmente la presidenza del Gruppo dei Sette, ha ritenuto che il gruppo abbia condotto”Negoziati fruttuosi sulla riforma del sistema fiscale globale globale le sfide dell’economia digitale.

I G7 (Gran Bretagna, Francia, Italia, Canada, Giappone, Germania e Stati Uniti) stanno beneficiando della rinascita dell’interesse americano sulla questione da quando Joe Biden è arrivato alla Casa Bianca, e vogliono realizzare una riforma globale del sistema societario fiscale nello spirito del lavoro svolto nell’ambito dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

La riforma si rivolge alle grandi aziende tecnologiche che pagano tasse basse nonostante i grandi profitti che ottengono, pari a decine di miliardi e persino centinaia di miliardi di dollari, stabilendo la propria sede in paesi in cui l’aliquota dell’imposta sulle società è bassa o addirittura inesistente.

Le Maire e i suoi omologhi tedeschi, italiani e spagnoli hanno notato in un articolo congiunto pubblicato venerdì sul quotidiano britannico The Guardian che i giganti digitali hanno beneficiato della crisi e “raccolgono profitti a un livello senza precedenti rispetto ad altri settori”.

Ciò avviene in un momento in cui i paesi di tutto il mondo stanno cercando di compensare i soldi spesi nel quadro del sostegno economico o dei programmi di ripresa di fronte alla crisi epidemica.

Una fonte europea ha affermato che “prima della crisi era difficile capire, dopo la crisi è diventato impossibile accettarla”.

READ  Samsung SmartThings Labs offrirà agli utenti un accesso anticipato a nuove funzionalità

L’OCSE propone una riforma basata su due pilastri: da un lato, una migliore distribuzione del diritto di tassare le multinazionali, dove rilasciano i dati di vendita, e, dall’altro, l’imposizione di un’imposta minima globale sulle società profitti.

Gli Stati Uniti hanno prima introdotto un’imposta sulle società minima del 21% prima di ridurla al 15% nel tentativo di ottenere il sostegno di più paesi.

Venerdì sera sono proseguite dure trattative su questo punto. Bruno Le Maire ha ritenuto che la soglia del 15% per l’imposta sulle società rappresentasse un “minimo”.

grande slancio

“Con i nostri partner del Gruppo dei Sette, del Gruppo dei Venti e dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, vogliamo provare a raggiungere un ritmo più ambizioso”, ha aggiunto.

Ritiene che “se si raggiunge un accordo nel Gruppo dei Sette (sabato), questo darà un grande impulso ai negoziati del G-20”, riferendosi a una riunione di quest’ultimo prevista per luglio a Venezia, in Italia.

D’altra parte, ha avvertito che “se falliremo” sabato, sarà “complicato” dopo “trovare dinamiche nel G-20” e il raggiungimento di un accordo potrebbe essere rinviato “a tempo indeterminato”.

Cantan Parinello dell’organizzazione non governativa Oxfam ha ritenuto che “il 15% sarebbe assolutamente insufficiente” e che “un accordo senza menzionare una percentuale specifica sarebbe un vero fallimento” che costituirebbe una battuta d’arresto per diversi anni.

La maggior parte degli attori si rende conto che dovrà allearsi con i paesi del G-20 e poi con circa 140 paesi che lavorano al progetto di riforma fiscale all’interno dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

La sfida sarà soprattutto convincere i paesi che hanno costruito le proprie economie su basse aliquote d’imposta sulle società, come l’Irlanda, che ha attratto le sedi europee di molte multinazionali, soprattutto nel campo della tecnologia e della farmaceutica, oltre che di società americane.

READ  Video: coreografia degli incredibili robot da ballo Boston Dynamics

Le sue attività hanno un peso significativo sul PIL irlandese, che è cresciuto del 7,8% nel primo trimestre dell’anno grazie a queste società, mentre senza di esse avrebbe registrato un calo dell’1% a causa delle restrizioni sanitarie.

Secondo una fonte europea, l’Ue dovrà trovare un modo per accompagnare paesi come l’Irlanda a trovare un altro modello economico.

Bruno Le Maire vede l’attuale crisi come una dimostrazione che “l’evasione fiscale e la corsa al livello di tassazione più basso possibile” costituiscono uno “stallo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *