Il 6 gennaio l’imputato rivendica l’autodifesa nel caso di aggressione della polizia

Tommaso WebsterD., un veterano di 56 anni del Corpo dei Marines e un agente di polizia in pensione del NYPD che ha dovuto affrontare sei conteggi per le sue azioni quel giorno, giovedì ha detto a una giuria che stava cercando di difendersi da un poliziotto “canaglia” che lo ha aggredito. In primo luogo, che non ha tenuto la maschera antigas all’ufficiale fino a quando non si è occupato dell’ufficiale in modo che potesse “vedere la mia mano”.

L’imputato ha affermato di essere inizialmente in conflitto sulla partecipazione a una manifestazione per “fermare la rapina” e ha trovato i discorsi inefficaci, aggiungendo di essere salito davanti al Campidoglio degli Stati Uniti dopo aver visto le persone allontanarsi dalle vittime e ha detto a una giuria di essere stato “programmato” per aiutare in questi casi.

Secondo Webster, ha ingaggiato l’ufficiale, Noah Rathbone, dopo che Rathbone lo ha deriso per essere corso contro la linea di recinzione per un combattimento e per avergli preso a pugni in testa. Webster ha detto che il colpo è stato “come essere colpito da un martello”, aggiungendo che ha iniziato a vedere le stelle ed era spaventato.

La versione dell’evento di Webster contraddice grosso modo la testimonianza dell’agente Rathbone di mercoledì. Secondo Rathbone, è stato Webster a schernirlo per il combattimento e ha urlato a un ufficiale di “togliermi di dosso”, secondo la testimonianza di Rathbone. L’ufficiale dice anche di non aver mai preso a pugni Webster e di “aver avuto un contatto casuale con la sua faccia” dopo che Webster ha continuato a spingere contro la recinzione di ferro che separava i rivoltosi e la polizia.

READ  Soldato britannico chiede un risarcimento di un milione di euro per i danni alla salute causati dall'inverno estone / articolo

Dopo la chiamata, Webster dice di aver ruotato l’asta della bandiera della recinzione metallica per respingere Rathbone. “Vedevo le stelle”, ha testimoniato Webster.

Secondo Webster, Rathbone ha poi diviso il recinto. Webster ha testimoniato mentre pensava in quel momento: “Mi sta inseguendo, temo. È diventato un canaglia”.

Poi si è imbattuto in Rathbone e l’ufficiale “è caduto”, ha detto Webster, aggiungendo che “ha afferrato il ‘filtro della maschera antigas’ di Rathbone e l’ha sollevato”.

“Volevo solo che vedesse la mia mano”, ha testimoniato Webster. “Era spaventoso… stava resistendo.”

È stato qui che Rathbone ha testimoniato che “non era in grado di respirare” perché Webster aveva il sottogola tirato al collo.

“Mi ha colpito a terra… e mi ha afferrato il casco e ha iniziato a tirarmi”, ha detto Rathbone mercoledì.

Webster continuerà la sua testimonianza venerdì mattina, presieduta dal giudice Amit Mehta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.