Gli scienziati avvertono che il virus Corona può entrare nel suo materiale genetico nei cromosomi umani

Gli esperti escludono che SARS-CoV-2 stabilisca una residenza genetica permanente nelle cellule umane – Reuters.

Il Le persone si stanno riprendendo Covid-19 A volte risultano positivi al test SARS-CoV-2, il che indica che il loro sistema immunitario non può proteggersi da un secondo attacco di coronavirus o che hanno un’infezione in corso. Uno studio ora indica una diversa interpretazione di esso Il virus si nasconde in un luogo inaspettato.

il lavoro, Pubblicato Nella rivista scientifica Scienza Nella versione iniziale, si suggerisce che la postaIl patogeno epidemiologico prende una pagina dall’HIV e da altri retrovirus e ne integra il codice genetico, Ma cosa è più importante, Solo parti di esso, sui cromosomi delle persone. Se questo fenomeno è corretto e pervasivo, potrebbe avere effetti profondi che vanno da falsi segnali di infezione attiva a risultati fuorvianti di studi sul trattamento del COVID-19. L’attuale studio ha dimostrato questa complementarità solo su un pannello di laboratorio, sebbene citi anche dati di sequenziamento pubblicati da esseri umani con SARS-CoV-2 per indicare che ciò sta accadendo. Il libro lo conferma I loro risultati non indicano che SARS-CoV-2 stabilisca una residenza genetica permanente nelle cellule umane Continuare a fare nuove copie, come fa l’HIV.

Un ricercatore a San Pietroburgo analizza il Coronavirus sotto un potente microscopio - REUTERS / Anton Vaganov
Un ricercatore a San Pietroburgo analizza il Coronavirus sotto un potente microscopio – REUTERS / Anton Vaganov

Altri studiosi sono divisi sull’importanza del nuovo lavoro e sul suo legame con la salute umana, e alcuni sono estremamente critici. “Ci sono domande aperte che dobbiamo affrontare”, afferma il biologo molecolare Rudolf Janisch del Massachusetts Institute of Technology (MIT), che ha guidato il lavoro. Però, Alcuni retrovirologi sono incuriositi. Questa è un’analisi molecolare e una speculazione molto interessanti con dati di supporto fornitiRobert Gallo, che dirige l’Institute for Human Virology, ha esaminato la versione iniziale appena rilasciata su richiesta Scienza . “Non credo che sia una storia completa per certo … ma così com’è, la adoro e penso che sarà vera.”

READ  tempo metereologico. Nuvole nella Marna, litigi in Aisne e qualche patatina nelle Ardenne questa domenica

Tutti i virus introducono il loro materiale genetico nelle cellule che li infettano, ma generalmente rimangono separati dal DNA della cellula.. Il team di Jaenisch, incuriosito dalle segnalazioni di persone che hanno contratto la SARS-CoV-2 dopo il recupero, si è chiesto se questi risultati sconcertanti riflettessero qualcosa da un artefatto del test della reazione a catena della polimerasi (PCR), che rileva sequenze di virus specifiche in tamponi biologici , Anche se è frammentato e non può produrre nuovi virus. “Perché abbiamo questa positività, che ora vediamo ovunque, molto tempo dopo che l’infezione attiva è scomparsa?” Chiede Janisch, che ha collaborato con il Richard Young Laboratory del MIT.

Per verificare se il genoma dell’RNA SARS-CoV-2 può essere incorporato nel DNA dei nostri cromosomi, I ricercatori hanno aggiunto il gene dell’enzima di trascrizione inversa (RT), un enzima che trasforma l’RNA in DNA, nelle cellule umane e le cellule modificate sono state coltivate con SARS-CoV-2. In un esperimento, i ricercatori hanno utilizzato il gene HIV RT. Hanno anche fornito RT utilizzando una sequenza di DNA umano nota come elementi LINE-1, che sono resti di un’antica infezione da retrovirus e costituiscono circa il 17% del genoma umano. Le cellule che hanno prodotto entrambe le forme dell’enzima hanno convertito porzioni di SARS-CoV-2 RNA in DNA e le hanno fuse in cromosomi umani, come riportato dal team nella stampa iniziale, Pubblicato in bioRxiv il 13 dicembre.

Immagine SARS-CoV-2 su tomografia elettronica - Sai Li, Tsinghua University School of Life Sciences
Immagine SARS-CoV-2 su tomografia elettronica – Sai Li, Tsinghua University School of Life Sciences

Se le sequenze LINE-1 producono RT naturalmente nelle cellule umane, l’integrazione di SARS-CoV-2 può verificarsi nelle persone con COVID-19. Questo può accadere anche nelle persone infette da SARS-CoV-2 e HIV. Entrambe le condizioni potrebbero spiegare perché la PCR ha rilevato effetti persistenti del materiale genetico del coronavirus in persone che non avevano più una vera infezione. Può confondere gli studi sui trattamenti COVID-19 che si basano sui test PCR per misurare indirettamente i cambiamenti nella quantità di virus infettivo SARS-CoV-2 nel corpo. David Baltimore, Il virologo vincitore del premio Nobel presso il California Institute of Technology per il suo ruolo nella scoperta della RT descrive il nuovo lavoro come “impressionante” e i risultati “inaspettati”, ma osserva che Janisch ei suoi colleghi hanno mostrato solo alcune parti dell’integrazione. Dal genoma di SARS-CoV-2. “Poiché sono tutte parti del genoma del coronavirus, non possono portare a RNA o DNA infettivo, e quindi è molto probabilmente un vicolo cieco biologico.“Non è nemmeno chiaro”, dice Baltimora, “se le cellule con la trascrizione inversa rimangano a lungo o muoiano negli esseri umani. Il lavoro solleva molte domande interessanti”.

READ  Un fossile di coleottero di 100 milioni di anni fa luce sull'antica famiglia degli insetti

Virus World Melanie Ott Chi studia l’HIV al Gladstone Institute for Virology and Immunology, afferma che i risultati sono “molto entusiasmanti” ma che richiedono un ampio follow-up e conferme. “Non ho dubbi che la trascrizione inversa possa avvenire in vitro con condizioni migliorateMa suggerisce che la replicazione di SARS-CoV-2 si verifica in compartimenti specializzati del citoplasma, dice Ott. “Se si verifica nelle cellule infette e … porta a una significativa integrazione del nucleo cellulare è un’altra questione”. John Coffin Dalla Tufts University afferma che il nuovo lavoro è “affidabile”, sottolineando che prove evidenti dimostrano che LINE-1 RT può consentire al materiale virale di integrarsi nelle persone, ma rimane poco convinto. Coffin dice che le prove per la sequenza SARS-CoV-2 nelle persone “dovrebbero essere più forti” e gli esperimenti in vitro del team di Jaenisch mancano dei controlli che avrebbe voluto vedere. Con tutto, Dubito che questo fenomeno abbia molta rilevanza biologica, nonostante le speculazioni degli autoriBara, dadi.

Uno scienziato di Oxford monitora il comportamento del virus sullo schermo: Sean Elias / Post tramite Reuters
Uno scienziato di Oxford monitora il comportamento del virus sullo schermo: Sean Elias / Post tramite Reuters

Zandrea Ambrose, un retrovirologo dell’Università di Pittsburgh, lo aggiunge Questo tipo di integrazione sarebbe “estremamente raro” se si verificasse davvero. Indica che gli elementi LINE-1 nel genoma umano sono raramente attivi. “Non è chiaro quale sia l’attività nei diversi tipi di cellule primarie infettate da SARS-CoV-2”, afferma.

un Il critico di Twitter è particolarmente duro Un ricercatore post-dottorato in un laboratorio specializzato in retrovirus è arrivato a descrivere le conclusioni di prestampa come “un’affermazione forte, pericolosa e in gran parte infondata”. Janisz sottolinea che il documento afferma chiaramente che l’integrazione che gli autori ritengono stia avvenendo non può portare alla produzione del virus infettivo della SARS. “Supponiamo di poter davvero risolvere completamente queste critiche, che è quello che sto cercando di fare”, dice Janisch. “Questo potrebbe essere qualcosa di cui non devi preoccuparti.”

READ  La NASA rilascia splendide foto di 30 oggetti Caldwell | Astronomia

Continua a leggere:

“Siamo in attesa dell’approvazione per l’uso del vaccino Sputnik V per le persone di età superiore ai 60 anni”, ha riconosciuto Vizzotti

I primi problemi logistici della Pfizer: hanno restituito quasi mille dosi di vaccino per il freddo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *