I faraoni egizi potrebbero essere uno strano ibrido

Un nuovo studio genetico suggerisce che i faraoni egizi siano stati intenzionalmente manipolati geneticamente da una civiltà aliena tecnicamente avanzata, scrive humanarefree.com.

I risultati dello studio potrebbero essere la migliore prova che i costruttori di piramidi erano strettamente imparentati con gli esseri sorti in altre parti dell’universo.

L’assistente dell’università svizzera Stuart Fleischmann e il suo team hanno recentemente pubblicato i risultati di uno studio di sette anni che ha mappato i genomi di nove antichi faraoni egizi. Se le loro conclusioni sono corrette, possono cambiare la storia del mondo.

Fleischmann e il suo team hanno sottoposto preziosi campioni di DNA antico attraverso un processo chiamato reazione a catena dei polimeri (PCR). Nel campo della biologia molecolare, questa tecnica viene spesso utilizzata per riprodurre e amplificare una singola copia di un pezzo di DNA, offrendo ai ricercatori un quadro chiaro dell’impronta genetica di un individuo.

Otto dei nove campioni hanno fornito risultati interessanti ma esemplari. Il nono esemplare appartiene ad Akhenaton, il misterioso faraone del XIV secolo a.C. e padre di Tutankhamon.

Un piccolo pezzo di tessuto cerebrale secco era la fonte del campione di DNA e il test è stato ripetuto utilizzando tessuto osseo, ma sono stati ottenuti gli stessi risultati.

Apparentemente, questa maggiore attività nel genoma di Akhenaton indica che ha una capacità cranica più elevata a causa della necessità di ospitare una corteccia più grande. Ma qual è la mutazione che fa crescere il cervello umano? Nonostante anni di scoperte genetiche, dobbiamo ancora scoprire un metodo del genere. Queste prove di 3.300 anni potrebbero indicare un’antica manipolazione genetica? È questo il lavoro degli alieni avanzati? I miti dell’antico Egitto non sono forse qualcosa di più di una semplice raccolta di storie allegoriche?

READ  Muffa della melma esplosiva per l'esperimento della Stazione Spaziale Internazionale

“Telomerasi”, spiega Fleischmann [генетичен ензим] Viene consumato da due soli processi: invecchiamento estremo e grave mutazione. I dati genetici e archeologici mostrano che Amenhotep IV / Akhenaton visse circa 45 anni. Questo non è sufficiente per assorbire completamente la telomerasi cromosomica, lasciando dietro di sé una spiegazione imbarazzante ma possibile “.

“Questa ipotesi è supportata anche dal fatto che l’analisi al microscopio elettronico rivela marcatori del marcatore nucleotidico, un marcatore insidioso della guarigione dell’elica del DNA dopo l’esposizione a potenti mutanti”.

Questo significa che Akhenaton, uno dei faraoni più misteriosi dell’antico Egitto, è stato geneticamente modificato durante la sua vita? In ogni caso, questa affermazione conferma la teoria secondo cui antichi stranieri un tempo visitarono una civiltà che viveva sulle rive del Nilo.

C’è un’altra prova interessante che supporta questa ipotesi. L’immagine sotto mostra due immagini microscopiche di tessuto osseo prese dal cranio di Akhenaton e un’altra mummia della stessa età.

Il tessuto osseo a sinistra è più denso e differisce radicalmente su scala nanometrica. Questo aumento della forza del cranio potrebbe essere un’indicazione di un maggiore sviluppo del cervello?

“Questa è, per usare un eufemismo, una scoperta entusiasmante”, ha detto Fleischmann alla stampa. “Io e il mio team abbiamo inviato i documenti di revisione tra pari, eseguito i test e riscritti abbastanza volte per assicurarci che fossero accurati.

“Non conosco tutte le implicazioni delle nostre scoperte, ma di certo penso che dovrebbero almeno indirizzare la comunità scientifica in una direzione che avrebbe potuto essere immediatamente respinta solo pochi decenni fa”.

Se questa ricerca è corretta, potrebbe causare un cambiamento di paradigma senza precedenti. Se gli alieni partecipano attivamente alla vita degli individui più potenti da migliaia di anni, significa che torneranno? Potrebbero non essersene mai andati.

READ  La sonda rover della NASA ha estratto ossigeno respirabile dall'aria di Marte

Ma l’aspetto più importante è la presenza di individui, discendenti diretti della famiglia reale dell’antico Egitto, che possedevano ancora geni estranei impiantati nei genomi dei loro antenati.

Traduzione: BLIC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *