Perché la grande macchia rossa di Giove è rossa?

La Grande Macchia Rossa esiste almeno dalla metà del XVII secolo, ma è facile andarseneInoltre è stato sviluppato in precedenza, non avevamo gli strumenti adeguati per vederlo. Né la domanda oggi riguarda il proprio colore: perché, perché la macchia è rossa? Va anche aggiunto che anche il loro rossore non è costante, a volte è molto chiaro, quasi cremoso, a volte il salmone è rosso trattenuto, mentre altre volte è un rosso mattone scuro brillante.

Io i colori della superficie sono dovuti all’allotropia dello zolfo

Fonte: NASA

Per decenni, l’idea principale è stata che fosfina Diventa rosso e in seguito il sospetto si sposta su diverse versioni di zolfo disposte nello spazio (interagenti), come si può vedere, ad esempio, sulla superficie della luna chiamata Giove Io. Tuttavia, queste idee non reggevano in molti modi.

Per avvicinarsi alla soluzione, è utile imparare come funziona un po’ meglio il Big Red Spot! La patch stessa è un sistema anti-tempesta, in cui prevale l’alta pressione dell’aria (bassa pressione dell’uragano), che sale dall’area nuvolosa circostante. Lo spot ruota in senso antiorario e impiega ca. Ti girerai per ritirare il sistema di tempesta entro 5 giorni. La nuvola stessa è completamente opaca, quindi il materiale che dà il suo colore deve essere sopra la nuvola. La tempesta, come sappiamo dalle misurazioni della navicella spaziale Juno, è in orbita. Si estende a 300 km di profondità nell’atmosfera di Giove, e Il fondo è più caldo In alto possiamo anche vederlo.

un Registrazioni di veicoli spaziali Galileo Nelle gamme del vicino infrarosso e dell’infrarosso di diverse lunghezze d’onda, queste grandi macchie rosse sembrano molto diverse dalla gamma visibile.

Fonte: NASA

A causa della presunta composizione dell’atmosfera di Giove, sono stati effettuati esperimenti di laboratorio per scoprire la fonte del colore rosso e, dopo diversi esperimenti (infruttuosi), ammoniaca e L’acetilene per radiazione ultravioletta è di natura cianuro Una molecola che alla fine è apparsa rossa come hanno mostrato le misurazioni della sonda spaziale Cassini quando si è scontrata con Giove mentre si precipitava verso Saturno. Poiché il punto è più alto della nuvola del pianeta, riceve anche più luce ultravioletta, dicono i ricercatori, a causa del fatto che in esso si verificano le giuste reazioni chimiche. Il problema, tuttavia, è che questi componenti sono lontani dal produrre abbastanza materia rossa per coprire la Grande Macchia Rossa e le regioni extra rosse osservate nell’atmosfera di Giove.

READ  Le ragazze brasiliane vengono selezionate per un corso internazionale di scienze - Revista Galileu

Scatto di Hubble, che mostra chiaramente anche la macchia rossa e altre regioni dell’atmosfera.

Fonte: NASA

Successivamente, tuttavia, gli esperimenti furono continuati da altri ricercatori, tra gli altri Per irraggiamento con idrosolfuro di ammonio. Questa sostanza può essere stabile nell’atmosfera di Giove, e se esposta alle radiazioni, può produrre un colore rosso nelle giuste condizioni di temperatura che vediamo subito: -113°C è ancora verde, ma -223°C è già rosso! Il problema in questo caso è che le particelle risultanti possono spostarsi piuttosto rapidamente.

Sebbene questi esperimenti di irradiazione abbiano già dato risultati parziali, finora nessuno degli esperimenti è stato in grado di coprire l’intero spettro misurabile del grande colore rosso della macchia, cioè, oltre all’intervallo visibile, può essere rilevato solo in modo utile . Questo, a sua volta, indica che i materiali testati da soli non possono essere responsabili del colore della macchia. Possono avere un ruolo parziale in questo, ma pochi li considerano una spiegazione accettabile. È abbastanza facile che molte sostanze abbiano un ruolo nella formazione del colore, ma al momento non abbiamo idea di cosa possa essere presente e in quale proporzione.

Molte delle tempeste più piccole di Giove vantano un colore rosso simile, e altre tempeste sono bianche, quindi il problema è davvero eccitante, ma per ora, anche Dettagli della navicella spaziale Juno finora Senza risposta nonostante le sue domande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *