Gli astronomi confermano un esopianeta con un’orbita davvero strana, un po ‘come’ Planet Nine ‘

La maggior parte dei 4.300 esopianeti confermati scoperti finora hanno una cosa in comune: un’orbita relativamente vicina alla loro stella ospite.

Ora, gli astronomi hanno trovato qualcosa di insolito: un esopianeta gigante in una strana orbita di 15.000 anni attorno a una stella binaria. È la prima volta che gli scienziati sono stati in grado di distinguere un’orbita così enorme.

L’esopianeta si chiama HD 106906 b, ed è 11 volte la massa di Giove. In orbita attorno a una coppia di stelle calde di sequenza principale giallo-bianche chiamate HD 106906; Queste stelle hanno solo 15 milioni di anni e orbitano l’una intorno all’altra in soli 100 giorni. L’intero sistema è a 336 anni luce di distanza.

Sebbene la posizione sia generalmente diversa dal nostro sistema solare, la massiccia orbita di HD 106906b ricorda un oggetto sfuggente che gli astronomi sperano di trovare vicino a casa: l’ipotetico nono pianeta con un’orbita estremamente ampia.

“Questo sistema traccia un possibile confronto unico con il nostro sistema solare”, L’astronomo Meiji Nguyen ha detto Dall’Università della California, Berkeley.

“È molto separato dalle sue stelle ospiti in un’orbita molto eccentrica e inclinata, proprio come la previsione del nono pianeta. [raises] La questione di come questi pianeti si siano formati e si siano evoluti per finire nella loro forma attuale “.

Il motivo per cui la maggior parte degli esopianeti che troviamo relativamente vicini alle loro stelle è molto semplice e ha a che fare con il modo in cui gli esopianeti vengono solitamente trovati e confermati.

Ci sono due metodi più utilizzati: il metodo del transito, in cui i telescopi cercano i deboli cali nella luce della stella mentre passa un esopianeta in orbita di fronte, noto come transito; E il metodo dell’oscillazione, cambiamenti molto lievi nelle lunghezze d’onda della luce della stella quando viene attratta dalla gravità di un esopianeta.

READ  In che modo il nostro cervello percepisce i suoi pensieri?

In questi due metodi, può essere qualsiasi immersione nella luce delle stelle o una singola oscillazione; In generale, gli astronomi vogliono pochi cali o vibrazioni, a intervalli regolari, per confermare l’esistenza di un pianeta extrasolare.

Quindi puoi vedere perché è difficile confermare qualcosa su un’orbita più grande; Giove, ad esempio, ha un’orbita di 12 anni. Quindi devi fissare il cielo per un po ‘.

Immagine diretta(NASA, Agenzia spaziale europea, M. Nguyen / UC Berkeley, RD Rosa / ESO e B. Callas / UC Berkeley / City Institute)

Ma HD 106906 b, scoperto per la prima volta nel 2013, è una bestia rara: un esopianeta ripreso direttamente. Il più delle volte, gli esopianeti sono molto deboli e molto vicini alla loro stella ospite, ma HD 106906 b distanza significa che non scompare nella brillante luminosità delle sue stelle binarie.

Tuttavia, lavorare nell’orbita di un esopianeta non è stato facile. Pertanto, un team di ricercatori necessitava di dati dal telescopio spaziale Hubble. Dopo 14 anni nell’archivio, sono stati in grado di ottenere più dati sulla posizione che cambia lentamente di HD 106906 b a una distanza di 737 UA dalle sue stelle.

Come puoi immaginare, non sembrerebbe che un esopianeta tra 15.000 anni si muoverebbe molto in 14 anni, ma è stato sufficiente per gli astronomi mettere insieme l’orbita.

Il periodo orbitale di 15.000 anni è solo una parte di ciò che hanno appreso. L’altra parte, più sconcertante, è che l’esopianeta si trova ad un’elevata inclinazione orbitale, con un angolo apparente rispetto al disco di detriti del materiale che circonda le due stelle.

“Per evidenziare perché questo è strano, possiamo semplicemente guardare il nostro sistema solare e vedere che quasi tutti i pianeti giacciono sullo stesso piano”, Ha detto Nguyen.

READ  Samsung seleziona 22 progetti di ricerca per sviluppare la tecnologia del futuro... Supporta 34 miliardi di KRW

“Sarebbe strano, per esempio, che Giove fosse inclinato di 30 gradi rispetto al piano attorno a cui orbita attorno a ogni altro pianeta. Questo solleva ogni tipo di domanda su come HD 106906 b sia finito così lontano in un’orbita così inclinata”.

Una possibilità è che HD 106906 b non sia nato in orbita attorno a stelle binarie. In questo scenario, l’esopianeta sarebbe uno spazio vagante vagante senza restrizioni finché non passasse vicino a una stella (o binaria) per essere catturato in orbita.

Un altro scenario – e uno a cui il team è propenso – è che l’HD 106906 b si sia formato in un disco binario di detriti. Inizialmente, le nuvole nel disco potrebbero aver causato la deviazione dell’orbita di un pianeta extrasolare verso la stella. Lì, in un’orbita più vicina, le interazioni gravitazionali tra le due stelle potrebbero spingere un esopianeta in un’orbita significativamente più inclinata, che è stata stabilizzata da una stella di passaggio.

Entrambi gli scenari potrebbero portare a un’orbita eccentrica con conseguente irregolarità osservate nel disco di detriti in orbita attorno al duo.

“È come arrivare sulla scena di un incidente d’auto e tu stai cercando di ricostruire quello che è successo”, Ha detto l’astronomo Paul Callas dell’Università della California, Berkeley.

Sono state le stelle in transito che hanno disturbato il pianeta e poi il pianeta ha disturbato il disco? È stato un duo nel mezzo che ha prima disturbato il pianeta e poi causato la turbolenza del disco? Oppure le stelle in transito hanno disturbato il pianeta e il disco allo stesso tempo? Questo è un lavoro investigativo in L’astronomia sta raccogliendo le prove di cui abbiamo bisogno per elaborare alcune trame plausibili su quello che è successo qui “.

READ  Il fenomeno che fa girare più lentamente la Via Lattea (e quali indizi ci dà sulla misteriosa materia oscura) | Ecologia | rivista

Entrambi gli scenari sono stati proposti per il Pianeta Nove (anche se nel caso del Pianeta Nove, Giove è entrato in azione), un ipotetico pianeta del Sistema Solare previsto per essere circa 5-10 volte la massa della Terra, su un’orbita di circa 300-700 UA dal Sole.

C’è un grande sospetto sull’esistenza del Pianeta Nove, ma HD 106906 b non solo mostra che un’orbita così esotica è possibile, ma che potrebbe verificarsi relativamente presto nella vita di un sistema planetario.

Ma c’è ancora molto lavoro da fare sull’HD 106906B.

“Ci sono ancora molte domande aperte su questo sistema”, L’astronomo Robert De Rosa ha detto Osservatorio europeo meridionale in Cile.

“È probabile che sia gli osservatori che i teorici studieranno HD 106906 negli anni a venire, svelando molti misteri su questo straordinario sistema planetario.”

La ricerca è stata pubblicata in The Astronomical Journal.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *