La NASA rilascia splendide foto di 30 oggetti Caldwell | Astronomia

La NASA ha rilasciato più di 50 nuove immagini Hubble di 30 galassie, ammassi stellari e nebulose. Tutte queste cose appartengono a un gruppo noto agli astronomi come il Catalogo Caldwell.

Queste immagini di Hubble, Caldwell 45, mostrano una galassia a spirale distante 59 milioni di anni luce nella costellazione di Boötes. Conosciuta anche come NGC 5248, questa galassia si distingue per la struttura ad anello attorno al suo nucleo. Questi anelli nucleari sono caratterizzati da punti caldi dell’attività esplosiva stellare. L’astronomo William Herschel Caldwell ne scoprì 45 nel 1784. La galassia ha una dimensione apparente di 10 e può essere osservata con un piccolo telescopio, sebbene non apparirà molto luminosa. È necessario un telescopio più grande per formare i bracci a spirale della galassia. Il periodo migliore dell’anno per osservare il Caldwell 45 è durante la primavera dell’emisfero settentrionale e l’autunno dell’emisfero meridionale. Questa splendida foto di Caldwell 45 è una raccolta di osservazioni fatte dalla Wide Field Camera 3 (WFC3) e dalla Wide Field and Planetary Camera 2 (WFPC2) di Hubble in luce visibile, infrarossa e ultravioletta. Cattura le nuvole rosse incandescenti mentre si formano nuove stelle sparse lungo i bracci arrotolati della galassia. Queste osservazioni sono state fatte per Caldwell 45 per aiutare gli astronomi a saperne di più sul gas nelle regioni starburst della galassia, nonché per comprendere meglio la struttura dei loro anelli nucleari. Credito immagine: NASA / ESA / J. Lee, California Institute of Technology / A. Filippenko, University of California, Berkeley / Gladys Kober, Catholic University of America.

Durante il diciottesimo secolo apparve l’astronomo francese Charles Messier Assembla e produci Un elenco di quasi 100 oggetti diffusi che erano difficili da distinguere dalle comete con i telescopi odierni.

READ  Verso un calendario "comodo"?

Da allora questi punti macchiati nel cielo sono stati rilevati come galassie lontane, ammassi stellari e nebulose, e il loro catalogo è diventato una guida per localizzare oggetti cosmici visivamente sbalorditivi.

Negli anni ’80, l’astronomo e reporter scientifico britannico amatoriale Sir Patrick Caldwell Moore Prodotto Elenco bonus per evidenziare meraviglie cosmiche più visibili per gli astronomi dilettanti.

A differenza del catalogo di Messier, che include solo oggetti visibili dal sito di osservazione di Messier in Europa, il catalogo di Caldwell include corpi celesti trovati sia nel cielo settentrionale che in quello meridionale.

Consiste di 46 ammassi stellari, 35 galassie e 28 nebulose o 109 oggetti in totale.

Caldwell Moore ha deliberatamente evitato di includere qualsiasi oggetto di Messier nel suo catalogo, sperando di ampliare gli orizzonti cosmici dei suoi colleghi astronomi dilettanti.

Dalle vicine nubi di gas e polvere lasciate dalle stelle morenti alle galassie lontane che si sono formate miliardi di anni fa, il catalogo di Caldwell trabocca di sorprendenti ricompense celesti.

La raccolta appena rilasciata di oltre 50 nuove foto di Hubble presenta 30 oggetti di Caldwell.

“A causa del campo visivo dettagliato di Hubble, alcune delle sue immagini non catturano la totalità dell’oggetto di Caldwell, e invece a volte ingrandiscono gruppi di giovani stelle nelle braccia di una galassia a spirale, o stelle ai bordi di un gruppo, oppure gli astronomi della NASA hanno detto: ‘Una stella zombie Nel cuore di Nebula. “

“Ma in altri casi, un mosaico di note di Hubble si combina per creare un’immagine completa o quasi completa della meraviglia celeste.”

Gruppo di Hubble Ora include 87 di 109 esseri di Caldwell.

READ  Gli astronomi stanno scoprendo il filo più lungo di gas intergalattico mai visto, collegato alla rete cosmica globale

“Per ogni elenco nel catalogo Caldwell di Hubble, la carta stellare di base mostra agli osservatori quando e dove possono trovare questo oggetto nel cielo notturno, e la descrizione suggerisce che tipo di attrezzatura di osservazione possono usare per vederlo”, hanno detto i ricercatori.

“I singoli articoli spiegano anche le immagini di Hubble per coloro che preferiscono semplicemente godersi magnifiche vedute del telescopio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *