Giro d’Italia: l’acrobata di Bernal sulle “Vie Bianche”

Tante acrobazie e forza: Egan Bernal, irresistibile sulle “strade bianche” della Toscana, ha cementato la sua maglia rosa al leader del Tour Italia, mercoledì a Montalcino, lasciandosi alle spalle tutti i suoi rivali di tappa.

La principale vittima di questa tappa vinta dal neoprofessionista svizzero Mauro Schmid, il belga Remco Evenbeuel ha perso più di due minuti, proprio come il francese Romain Bardet. Gli altri candidati (Vlasov, Carthy, S. Yates) hanno fissato la perdita a una ventina di secondi ma hanno sofferto della giovane legge colombiana, molto a suo agio tutto il giorno all’altezza delle aspettative.

“Mancano 10 tappe e tutta la grande salita”, ha detto Bernal, che ha esteso il suo vantaggio a 45 secondi davanti al russo Alexander Vlasov nella classifica generale. Evenepoel, il suo più grande avversario all’inizio della tappa, è sceso dal secondo al settimo, dopo circa due minuti e mezzo.

Ex medaglia mondiale junior di mountain bike, Bernal è stato costantemente nelle prime file del favorito del gruppo sui quattro segmenti sterrati e sterrati, 35 chilometri distribuiti negli ultimi 70 chilometri di questa tappa nella campagna toscana. A differenza di Evenepoel, che lo ha lasciato retrocesso nel primo settore, è stato affrontato incautamente dall’italiano Filippo Ganna per conto di Bernal.

L’allarme è suonato a Evenepoel, tornato con l’aiuto dei compagni, sempre nel terzo segmento, a una ventina di chilometri dal traguardo. Stanco, apparentemente esausto al punto da togliersi le cuffie, il 21enne belga deve la sua salvezza al suo ciarlatano portoghese Joao Almeida che lo ha aiutato fino al suo arrivo.

– si rivela Schmid –

Lo svizzero Mauro Schmid, vincitore della tappa 11 del Giro d’Italia, tra Perugia e Montalcino, il 19 maggio 2021 (AFP – Luca Pettini)
READ  Mercoledì sciacallo || Dimitris Zakoletis "Il corridore"

In testa, Bernal si è ritrovato ai piedi della salita di Montalcino in inferiorità numerica nel gruppo che comprendeva ancora tre corridori dell’EF Education Team (Carthy, Guerrero, Petitol). Il colombiano, la cui squadra aveva lavorato molto prima, ha avuto la saggezza di aspettare che le ultime discese ricadano sul tedesco Emmanuel Buchmann che ha preso il timone e si è confermato il più forte di giornata.

Ha poi commentato: “Il più complesso di questo tipo di fasi è il mio cervello”. “Devi trovare il giusto equilibrio, concentrarti costantemente e non correre troppi rischi. Questo è tutto ciò che è difficile”.

Undici sul palco, la maglia rosa ha condiviso il tributo della giornata con Schmid, uno svizzero di 22 anni che deve ancora vincere a livello internazionale nei juniores, speranze o il gruppo del WorldTour che lo ha raggiunto all’inizio dell’anno nel WorldTour sotto i colori del Team Qhubeka.

“Sapevo solo due settimane prima della partenza che avrei corso il Giro”, ha detto Schmid. “Ho sofferto molto ma oggi volevo davvero attaccare perché mi piace molto correre su strade sterrate”.

Schmid è il secondo svizzero a vincere una tappa quest’anno (dopo Gino Meider), ed è il più giovane vincitore di tappa del Giro dopo l’italiano Giulio Ciccone (21 anni nel 2016).

Giovedì, la tappa 12 collega Siena con Bagno di Romana su un percorso collinare di 212 chilometri, adatto ai backpackers. Con la quarta e ultima salita, il Passo del Carnaio, all’imbocco degli ultimi dieci chilometri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *