Europa: il virus Covid provocherà una nuova crisi economica?

Rousselle Industrie SA, un produttore di macchinari nel nord della Francia, è quasi crollato nel 2020 dopo che la pandemia si è fermata.

L’azienda di 10 persone è stata aiutata con 360.000 dollari in prestiti nell’ambito di un programma governativo che garantiva il pagamento del debito e degli interessi differito per 12 mesi.

Un anno dopo, la società ha continuato a far fronte a frequenti ritardi nelle forniture e nei pagamenti, rendendo difficili le prospettive di servizio del debito. Consapevole dei problemi che la Rousselle Industrie e centinaia di migliaia di altre società devono affrontare, il governo francese ha ritardato il rimborso dei prestiti di un altro anno.

“Non saremmo sopravvissuti a questa fase difficile senza l’assistenza del governo”, ha affermato Eric Pleasant, CEO della società. “C’è ancora molta incertezza”.

Economie come gli Stati Uniti e la Cina si stanno riprendendo rapidamente. Ma in Europa, dove i programmi di vaccinazione sono in ritardo rispetto ad altre regioni e le economie sono più lente ad adattarsi, le aziende continuano a lottare. Per evitare un’ondata di insolvenze e una nuova crisi economica nel continente, i governi stanno ampliando le misure di sostegno.

“Non vogliamo tagliare i sussidi e far fallire decine di migliaia”, ha detto il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire.

Oltre a ritardare il rimborso dei prestiti, il governo francese ha prorogato di sei mesi il programma di garanzia dei prestiti fino alla fine dell’anno. Finora sono stati garantiti 166 miliardi di dollari di prestiti a circa 675.000 aziende.

In Italia, il presidente del Consiglio Mario Draghi ha prorogato fino a dicembre il rinvio di sei mesi del rimborso del prestito. In Spagna, Madrid ha annullato alcuni prestiti governativi.

READ  Don Chisciotte dei librai: consegna i libri a casa, li “mette” ai giganti di internet [εικόνες] | Globalismo

Alcune delle misure aumenteranno la pressione sui governi i cui debiti sono aumentati dallo scorso anno a livelli superiori a quelli sperimentati nella crisi del debito sovrano del 2011.

La crisi pandemica è stata diversa dal suo predecessore. In previsione di un forte calo dell’attività economica, seguito da un rapido rimbalzo quando l’epidemia di virus era sotto controllo, i governi in Europa hanno perso $ 1,8 trilioni in moratorie, garanzie governative e sussidi aziendali per tenerli a galla. Mantenevano le persone al lavoro pagando le bollette degli stipendi. Paesi come la Germania hanno persino sospeso le regole che impongono alle aziende senza soldi di presentare un equivalente fallimentare locale.

Di conseguenza, i tassi di disoccupazione sono rimasti bassi nel continente e le banche non hanno trovato alcun motivo per incorrere in perdite significative nei loro portafogli di prestiti.

Tuttavia, questa relativa stabilità si basa su schemi di prestito.

Nel peggiore dei casi, il Consiglio europeo per il rischio sistemico ha affermato che i programmi di supporto sollevano solo problemi anziché correggerli: “Il basso tasso di insolvenza di oggi sarebbe paragonabile al mare che si è ritirato prima dello tsunami”.

Se si verifica uno tsunami, i regolatori temono che le banche siano impreparate. Andrea Enria, capo della vigilanza bancaria presso la Banca centrale europea, ha avvertito che circa il 40% delle banche dell’eurozona non ha riconosciuto correttamente i prestiti che difficilmente potranno essere rimborsati. In effetti, molti hanno ridotto la probabilità di insolvenza sui prestiti, nonostante i rischi evidenti.

“Questo è un mistero per noi”, ha detto di recente Iria. “Le maggiori preoccupazioni sono nell’Europa meridionale, che è più vulnerabile dal punto di vista economico, dove le banche sono più deboli ei paesi si affidano maggiormente al turismo stimolante”.

READ  Italia: bare e resti sulle rive della Liguria

In Italia, la Cna, associazione di piccole e medie imprese, ha rilevato che più di un terzo delle imprese intervistate ha dichiarato di non essere in grado di iniziare a rimborsare regolarmente i propri prestiti. Nel settore del turismo, meno del 2% ha dichiarato di poter sopravvivere senza la moratoria dopo la fine di giugno.

“L’estensione del periodo di congelamento è vitale per me”, ha detto Christina Vincenzi, proprietaria di un negozio di biancheria intima a Roncade. Vincenze ha perso l’anno scorso dopo che una pandemia l’ha costretta a chiudere il suo negozio per mesi. Secondo la moratoria non avrebbe pagato rate mensili di 575 euro per un prestito di 10.000 euro.

In Portogallo, circa un terzo di tutti i prestiti bancari alle imprese è attualmente soggetto a ferie, che scadranno a settembre. Nel settore della ristorazione e degli alloggi, la quota è salita al 60%, secondo la Banca centrale portoghese.

Cristóvão Lopes ha un hotel di 170 camere nel sud dell’Algarve che attrae persone in cerca di prendere il sole e voli economici dal nord Europa. Quando l’azienda è crollata dell’85% l’anno scorso, un programma governativo ha coperto una parte degli stipendi dei suoi dipendenti, dandogli accesso a una piccola sovvenzione e una licenza per pagare più della metà del suo debito.

A giugno, quando l’attività ha iniziato a crescere, il Regno Unito – la sua più grande fonte di clienti – ha inserito il Portogallo in un elenco di paesi da cui i viaggiatori dovrebbero essere messi in quarantena al ritorno. Segue la cancellazione. Lopez stima che la sua attività tornerà alla normalità nel 2023.

READ  Perché Marmaras è pieno di muco? | Osservatore della Tracia Osservatore della Tracia

I differimenti del debito scadono a settembre, proprio mentre gli hotel si stanno avviando verso una battuta d’arresto.

“Non possiamo creare abbastanza liquidità fino ad allora”, ha detto Lopez. “Non puoi aspettarti che un’azienda passi da zero al 100% da un giorno all’altro.”

Il governo portoghese ha presentato un piano una volta revocata la moratoria, garantendo alcuni prestiti in cambio di banche che offrono più periodi di rimborso. Questo ha i suoi rischi: i prestiti in essere diventeranno un debito pubblico in un paese in cui il debito pubblico – oltre il 130% del PIL – corrisponde ai livelli dell’ultimo decennio.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *