Francia: arresti di ex membri delle Brigate Rosse

Sette ex membri della Brigata Rossa, che vivevano da anni in Francia, sono stati arrestati su richiesta della loro estradizione dall’Italia.

Gli arresti sono stati effettuati sulla base di un elenco di dieci persone compilato dopo la cooperazione bilaterale tra Francia e Italia. Quindi sono necessari altri tre.

“Il presidente Macron voleva soddisfare la richiesta di estradizione di lunga data dell’Italia, che inizialmente comprendeva fino a 200 persone”, ha detto la presidenza.

Questi membri della Brigata Rossa hanno cercato rifugio in Francia dopo gli attacchi terroristici degli anni ’70 e ’80. La presidenza ha affermato che la selezione dei dieci si è basata su “crimini sanguinosi” commessi e “rigorosamente nel quadro della dottrina Mitterand”.

L’ex presidente si era impegnato verbalmente nel 1985 a fornire asilo ai membri delle Brigate Rosse, oltre a coloro che hanno commesso omicidi.

Impegni continui

Emmanuel Macron chiaramente non voleva sfidare l’impegno di Mitterrand. L’ultimo numero elogiato è stato rilasciato nel febbraio 2019 con Cesar Battisti consegnato alle autorità italiane.

L’arresto sarà presentato entro 48 ore all’Ufficio del Pubblico Ministero di Parigi, che deciderà sulla sua estradizione.

Commentando gli arresti odierni e l’imminente decisione di passaggio di consegne, la presidenza francese ha sottolineato che “la Francia, che affronta anche il terrorismo, comprende la necessità di giustizia per le vittime, ma anche l’urgente necessità di ricostruire un’Europa giusta sulla base della comprensione reciproca. ”

Olympia Tsipira, Parigi

Fonte: L’onda tedesca

READ  Vantaggi esclusivi con Ford Hybrid Business Week

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *