Due psicologi parlano con ET. Alle grida di tormento dei Greci in “10306”

Mariah – Nikki Georganta

Il coronavirus lascia segni indelebili anche nelle anime dei greci. Dieci mesi dal lancio del Covid-19 nel nostro Paese e il carico psicologico è grande, come testimoniano le decine di migliaia di chiamate ricevute dalla linea di supporto psicosociale gratuito “10306” lanciata dal Ministero della Salute la scorsa primavera.

L’emozione dominante che prevale in questo momento, dopo aver registrato la tremenda stanchezza del mondo, è la paura di “cosa succederebbe se accadesse a me?”. Intanto pianto per le decine di morti annunciate quotidianamente. Due psicologi, che hanno ascoltato le preoccupazioni dei greci dall’inizio di “10306”, si riflettono in “Ε.Τ.” Domenica, l’impatto del Covid-19 sulla loro psiche.

Secondo l’analisi qualitativa dei bandi, l’incertezza sul domani è forte, nonostante la speranza di una via d’uscita dalla crisi fornita dai vaccini. La sensazione di “impotenza” sorge con grande forza, il che significa che sta accadendo qualcosa di sconosciuto e nessuno è autorizzato a controllarlo.

Solitudine

“Ci sono persone che ci contattano perché sono sole. Ci sono molti casi di persone che vivono da sole e non hanno un ambiente favorevole. Quelle che non sono in una fase produttiva sono più vulnerabili.” Quelle che lavorano in una fase migliore, perché tutti si mettono a lavorare in un ambiente “, spiega. Nikos RomanakisPsicologo clinico, responsabile scientifico dell’odierno centro per adulti con difficoltà psicosociali, con il Dipartimento di Psichiatria Sociale, “Panagiotis Saklaropoulos”.

Come dice l’esperto, “Il nostro primo ruolo e la nostra prima preoccupazione è ascoltare la persona che ci chiama. In alcuni casi è sufficiente. Dopodiché, daremo alcuni consigli su come prendersi cura della propria salute mentale”. Le persone che trascorrono ogni giorno in televisione o sui media dovrebbero avere La socializzazione è esposta a tutta questa situazione come una routine, uscire a fare una passeggiata usando mezzi legali e comunicare con i propri cari usando la tecnologia.

READ  JMC Catering and Leisure: sono vaccinati e malati solo nei centri ricreativi all'aperto

Secondo il signor Romanakis, i sentimenti di dolore e perdita si sono intensificati dopo l’imposizione del secondo blocco. “Le persone non vedono i loro cari e le reti sociali che ci supportano non ci supportano più. Allo stesso tempo, tutti sono sempre più ansiosi di come si adattano alla loro vita personale o professionale”. Abbiamo sentito i lavoratori descrivere una situazione piatta e semi-istituzionale “, ha detto a ET. “ Anche la paura è intensa. Loro oi loro cari potrebbero essere infettati. “Hanno paura di trasmettere l’infezione ai loro cari”.

Infatti, il senso di colpa per la paura di contagiare le proprie famiglie attraverso atti di abbandono è più diffuso tra i giovani, che a loro volta soffrono di questa nuova realtà che l’intero pianeta sta vivendo da un anno a questa parte. Sottolinea: “Pensa a uno strano caso che va all’università e che i suoi compagni di studio conoscono solo attraverso i social media”.

Bambini e adolescenti

La linea “10306” riceve chiamate da tutte le età, ma la maggior parte di loro ha un’età compresa tra i 30 ei 50 anni, secondo gli psicologi.

Nei bambini e negli adolescenti c’è un carico emotivo accompagnato da sintomi di ansia, ansia, tristezza e cattivo umore. Allo stesso tempo, c’è rabbia, perché dopo due mesi di ricongiungimento con i loro compagni di classe e compagni di scuola, sono improvvisamente e violentemente costretti a tagliarsi di nuovo. Dall’analisi qualitativa delle chiamate emerge che i bambini trovano sbocco nell’uso dei media digitali e dei giochi, come metodi alternativi di comunicazione e intrattenimento, ma spesso superano i limiti di un corretto utilizzo, con conseguenze negative di isolamento e disorganizzazione della loro vita quotidiana, anche in termini di sonno notturno, sintomi di insonnia.

READ  Cena chiusa, intrattenimento serale, sci fino al 7 gennaio
fbt

Come indicato in “ET” la domenica psicologa Christina FranjoI chiamanti esprimono rabbia intensa, nonché sentimenti di tristezza e paura. “Si chiedono come sarà la loro vita in futuro. Alcuni sentono che non ci sono piani e prospettive”. Al contrario, in primavera c’era la sensazione che avrebbero agito e il periodo sarebbe passato, ma da qualche parte sarebbe finita.

Nota che durante il primo periodo di quarantena sono stati registrati sentimenti di ansia e depressione. Le richieste riguardavano anche la gestione della quarantena, con gli psicologi che hanno persino individuato la noia su come tutti hanno gestito improvvisamente il proprio tempo. “In questo momento, i problemi sorgono più mentalmente e coloro che saranno più protetti psicologicamente. Oggi sentiamo rabbia per la stanchezza da mesi di restrizioni. Per quanto riguarda le morti. C’è più tristezza espressa. La gente ci chiama oggi perché hanno un parente in terapia intensiva. O in un ospedale. È arrabbiato per il comportamento degli altri. Spesso sentiamo: “Stiamo agendo, ma il bilancio delle vittime è in aumento”.

Inoltre, sono gli anziani che ti contattano spesso e regolarmente, e questo può essere visto durante i turni serali – dove la signora Franjo lavora principalmente – dove ci si sente più soli di notte.

In generale, l’onere è maggiore per le persone con disabilità che hanno già subito diversi tipi di blocchi e non possono partecipare a diverse attività. Le persone con disabilità mentali, in particolare, soffrono del peso emotivo dell’isolamento, poiché sono sconvolte dalla vita quotidiana acquisita attraverso le loro varie attività. Questo non si applica alle persone con Ritardo Mentale che partecipano a vari programmi di supporto che continuano a lavorare.

READ  Euro: L'attacco dell'Italia non è la stessa storia

Vita da sarto: Noi creiamo piattaforma Telemedicina

Parallelamente all’operatività della linea telefonica gratuita “10306”, sono stati previsti ulteriori programmi di sostegno psicologico per i cittadini, cui ha fatto cenno il Sottosegretario al Ministero della Salute incaricato della salute mentale, Zoe RabtyDurante il suo intervento in Parlamento sul bilancio.

“Stiamo creando più programmi di supporto psicologico, utilizzando la piattaforma di telemedicina: per i pazienti che sono in ospedale o agli arresti domiciliari, per i loro familiari e per il personale medico dei nostri ospedali, che soffrono quotidianamente durante il periodo dell’epidemia per il gusto di dire:” Salva la vita dei nostri cittadini e raggiunge Ai limiti dell’esaurimento fisico ed emotivo “.

I prossimi piani del Ministero della Salute nel campo della salute mentale, indipendentemente dal Coronavirus, prevedono, tra l’altro, programmi di supporto psicologico e sociale a distanza per la popolazione generale a sostegno dei cittadini che soffrono di difficoltà psicologiche, con un focus sui disoccupati e sui malati cronici. Malattie e loro famiglie, ma anche nei bambini e negli adolescenti.

Dalla copia stampata Da Free Press domenica

notizia

Conto alla rovescia per la “libertà”: quando, dove, come e chi verrà vaccinato

Allarme di Capodanno: se ci sono disordini a Natale, il nuovo anno sarà solitario!

Coronavirus: come si trasmette attraverso la parola o la respirazione in casa – nuovi studi

Indagine di sorveglianza: due greci su tre risultano positivi al vaccino contro il Coronavirus

Guarda le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo, in qualsiasi momento su EleftherosTypos.gr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *