Domande sulla politica aperta di Ruto sulle restrizioni sui visti

Domande sulla politica aperta di Ruto sulle restrizioni sui visti

Mercoledì 20 settembre 2023 00:46 | di

Il presidente William Ruto durante un incontro bilaterale con Ajay Banga, presidente della Banca mondiale, presso la sede delle Nazioni Unite a New York, Stati Uniti, ieri. Immagini/pezzo

Sin dal suo insediamento, il presidente William Ruto ha firmato diversi memorandum d’intesa con una serie di paesi che hanno visto la rimozione delle restrizioni sui visti per i loro cittadini.

Ma mentre il Kenya ha aperto le porte ai cittadini di molti paesi senza bisogno di visto, i keniani che visitano gli stessi paesi sono ancora soggetti al tradizionale e farraginoso iter burocratico per l’ottenimento del visto.

Alcuni paesi hanno finora firmato accordi reciproci per consentire il libero ingresso ai keniani.

Anche se gli esperti in relazioni internazionali applaudono la mossa dell’amministrazione keniana di Kwanzaa di stipulare memorandum d’intesa per rinunciare all’obbligo del visto con diversi paesi, invitano alla cautela per evitare che ciò spalanchi la porta a criminali e altri elementi indesiderabili.

C’è anche la preoccupazione che la mossa possa finire per avvantaggiare i cittadini di altri paesi che hanno le risorse e l’esperienza per visitare il Kenya rispetto ai keniani che potrebbero non essere nella posizione di avventurarsi fuori.
“La mossa è valida solo se è reciproca… consentendo la libera circolazione delle persone da entrambe le parti.

Ma se i protocolli d’intesa sono concepiti in modo simile al precedente accordo con il Sudafrica, in cui ai cittadini sudafricani era consentito entrare liberamente in Kenya, mentre per i keniani era molto difficile entrare in Sudafrica, allora dobbiamo riconsiderarli. A mettere in guardia la professoressa Macharia Munene, esperta di relazioni internazionali.

READ  Emirati, il grido di dolore della principessa Latifa: "Mio padre mi tiene in ostaggio a Dubai"

D’altro canto, il governo è ottimista riguardo alla strategia del presidente Ruto, che descrive come un cambiamento importante nella politica di immigrazione del paese.

“La decisione del Kenya di allentare le restrizioni sui visti rafforza il suo ruolo di leader regionale. Promuovendo stretti legami con i paesi vicini, il Kenya può svolgere un ruolo più importante nelle organizzazioni regionali e diplomatiche.

Libertà di viaggiare

Secondo il CS, i keniani in possesso di tutti i tipi di passaporto (diplomatico e ordinario) possono viaggiare in almeno 45 paesi senza visto.

Questi includono Senegal, Sud Africa, Mozambico, Comore, Uganda, Tanzania, Ruanda, Etiopia, Sud Sudan, Repubblica Democratica del Congo, Gibuti, Congo Brazzaville, Burundi, Ghana, Malawi, Lesotho, Mozambico, Namibia, Gambia, Zambia, Zimbabwe , Swaziland e Mauritius. Eritrea, San Marino, Antigua e Barbuda, Bahamas, Barbados, Benin, Botswana, Isole Vergini britanniche e Isole Cayman. Gli altri paesi sono Cuba, Haiti, Hong Kong, Giamaica, Panama, Filippine, Grenada, Trinidad e Tobago, Malesia, Singapore e altri.

Al contrario, ai cittadini di 143 paesi può essere rilasciato un visto su richiesta o all’arrivo e senza consultazione del Direttore dei servizi di immigrazione, a condizione che non siano immigrati vietati o persone a cui non è consentito l’ingresso.

Il presidente Ruto ha già dato indicazioni che sta valutando la possibilità di abolire l’obbligo del visto per le persone che viaggiano in Kenya.

“Stiamo discutendo come keniani perché non è giusto chiedere a chiunque torni a casa di ottenere il visto”, ha detto Ruto a maggio durante il dialogo del settore privato africano sul libero scambio.
Il presidente Ruto ha detto ai delegati africani che questa potrebbe essere l’ultima volta che pagheranno i visti per visitare il Paese.

READ  Le ministre del Qatar e delle donne indonesiane esortano i talebani a consentire alle ragazze di andare a scuola

“Questa è casa. Sosteniamo con tutto il cuore l’Area di libero scambio continentale africana e dobbiamo rimuovere qualsiasi ostacolo alla circolazione delle persone attraverso il nostro continente”, ha affermato.

“La nuova politica dei visti del Kenya è una mossa strategica volta a stimolare la crescita economica, rafforzare le relazioni diplomatiche e posizionare il Kenya come leader regionale”, afferma Mutua.

I titolari di passaporti diplomatici e ordinari di Israele, Tunisia, Cina, Cuba, Brasile, Iran, Turchia e Sri Lanka possono entrare gratuitamente in Kenya senza bisogno di visto. Mutua afferma che l’eliminazione dell’obbligo del visto semplifica il processo di ingresso ed elimina la necessità per i viaggiatori provenienti da diversi paesi di ottenere un visto al momento dell’ingresso.

Visto su richiesta

“Per i paesi che non rientrano nell’elenco delle esenzioni dal visto, il Kenya ha introdotto strutture per la richiesta del visto, rendendo più facile l’ingresso dei viaggiatori nel paese. L’ex governatore di Machakos, che attualmente accompagna il presidente Ruto alla riunione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite negli Stati Uniti, ha detto in un’intervista al PD: “Questo cambiamento riduce gli ostacoli burocratici e incoraggia gli spostamenti spontanei”.

“Facilitando viaggi più facili, il Kenya sta promuovendo la buona volontà e rafforzando la cooperazione in vari settori tra cui il commercio, l’istruzione e la tecnologia”, ha aggiunto Mutua.

Gli esperti di relazioni internazionali affermano che la nuova politica dei visti del Kenya è una mossa strategica volta a stimolare la crescita economica, rafforzare i rapporti diplomatici e posizionare il paese come leader regionale.

Il Kenya deve affrontare la concorrenza di altri paesi africani nell’attrarre turisti. Semplificando il processo di visto, il Kenya mira a ottenere un vantaggio competitivo e posizionarsi come una delle principali destinazioni turistiche della regione. Ma in accordo con Mutua, gli esperti avvertono che la mossa comporta rischi potenziali, come problemi di sicurezza e potenziale pressione sulle risorse pubbliche.

READ  “I professionisti del design possono fare delle scelte per dimostrare che i disastri non sono naturali”.

Secondo il vicegovernatore di Machakos, Francis Mwangangi, che attualmente sta conseguendo un dottorato in relazioni internazionali presso l’Università di Nairobi, la nuova politica presenta degli inconvenienti se non viene attuata con molta cautela e rigorose misure di sicurezza.

“Sebbene la nuova politica aumenterà le opportunità di business e stimolerà il turismo, con conseguente creazione di posti di lavoro e ricchezza, potrebbe aprire le porte al riciclaggio di denaro, al traffico di droga e armi e all’ingresso di altri criminali internazionali nel paese”, afferma Mwangangi.

Mwangangi afferma che il governo deve muoversi rapidamente per istituire un’unità speciale di polizia responsabile di condurre controlli sui precedenti personali di tutte le persone che entrano nel paese.

“Il governo deve anche applicare rigorosamente le leggi penali esistenti per garantire che tutte le persone coinvolte in crimini come il terrorismo, il riciclaggio di denaro e la frode siano severamente punite.

Egli avverte che un’applicazione lassista delle leggi potrebbe trasformare il paese in un paradiso per i criminali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *