Cinque americani sono stati rilasciati durante uno scambio di prigionieri iraniani negli Stati Uniti

Cinque americani sono stati rilasciati durante uno scambio di prigionieri iraniani negli Stati Uniti
  • Scritto da Bernd Debusmann Jr
  • notizie della BBC

Commenta la foto,

I familiari abbracciano due dei cinque americani liberati dopo il loro arrivo a Fort Belvoir negli Stati Uniti

Un aereo che trasportava cinque americani imprigionati da anni in Iran è atterrato negli Stati Uniti dopo un controverso scambio di prigionieri.

L’aereo è atterrato martedì mattina a Fort Belvoir in Virginia, a sud di Washington.

In precedenza avevano viaggiato da Teheran a Doha dove erano stati trasferiti su un aereo diretto negli Stati Uniti.

La parte finale dell’accordo è entrata in vigore lunedì, quando 6 miliardi di dollari (4,8 miliardi di sterline) di contanti iraniani – detenuti in Corea del Sud – sono stati inviati alle banche di Doha.

I prigionieri rilasciati sono cittadini iraniani-americani. Anche cinque iraniani sono stati rilasciati dalla custodia statunitense e di questi cinque, tre hanno scelto di non tornare in Iran.

L’aereo che trasportava i cinque americani è atterrato all’aeroporto militare di Davison poco prima delle 05:30 ora locale (09:30 GMT) e hanno avuto un emozionante e doloroso ricongiungimento con i membri della famiglia sull’asfalto.

Amici e familiari sventolavano piccole bandiere americane mentre il gruppo scendeva dall’aereo.

“L’incubo è finalmente finito”, ha detto Siamak Namazi, parente di uno degli americani liberati. “Non abbiamo avuto questo momento in più di otto anni. È incredibile.”

“[It is] “L’inizio di un lungo cammino verso la guarigione e la guarigione”, ha aggiunto un rappresentante della famiglia.

A bordo c’erano anche due familiari, l’inviato presidenziale americano Roger Carstens e Abram Paley, vice inviato speciale per l’Iran. Entrambi hanno incontrato i detenuti rilasciati a Doha.

In un breve intervento a Fort Belvoir, Carstens ha incoraggiato gli ex detenuti a trarre vantaggio dal “sostegno post-isolamento” fornito dalle forze armate statunitensi e ha espresso fiducia che “continueranno la lotta per riportare a casa più americani”.

Funzionari statunitensi sostengono da tempo che cinque detenuti detenuti in Iran sono stati ingiustamente imprigionati per influenza politica.

Tra gli americani figurano l’uomo d’affari Namazi, 51 anni, che ha trascorso quasi otto anni nella famigerata prigione di Evin a Teheran, così come l’uomo d’affari Imad Sharqi, 59 anni, e l’ambientalista Morad Tahbaz, 67 anni, anch’egli cittadino britannico.

Fonte immagine, Anyhopefornature/FreetheNamazis/NedaSharghi

Commenta la foto,

Gli Stati Uniti hanno affermato che Siamak Namazi, Mourad Tahbaz e Imad Sharqi sono stati imprigionati con accuse infondate.

Gli altri due prigionieri non hanno voluto rivelare i loro nomi.

La maggior parte dei cinque iraniani rilasciati nell’ambito dell’accordo sono stati imprigionati negli Stati Uniti con l’accusa di aver violato le sanzioni statunitensi.

In una dichiarazione di lunedì, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha accolto con favore lo scambio di prigionieri e ha affermato che gli americani si sarebbero riuniti ai loro cari “dopo anni di tormento, incertezza e sofferenza”.

Allo stesso tempo, Biden si è impegnato a “continuare a imporre sanzioni all’Iran a causa delle sue azioni provocatorie nella regione”.

Ha aggiunto: “Mentre diamo il benvenuto ai nostri cittadini a casa, ricordo ancora una volta a tutti gli americani i gravi rischi di viaggiare in Iran”. “I titolari di passaporto statunitense non dovrebbero viaggiare lì.”

Le dichiarazioni del presidente sono arrivate in un momento in cui gli Stati Uniti hanno annunciato l’imposizione di nuove sanzioni contro l’ex presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad e il ministero dell’intelligence iraniano.

Uno dei prigionieri rilasciati, Siamak Namazi, ha dichiarato in un comunicato che “non sarebbe stato liberato oggi se tutti voi non aveste permesso al mondo di dimenticarmi”.

Ha aggiunto: “Dal profondo del mio cuore, ti ringrazio. Grazie per essere la mia voce quando non potevo parlare da solo, e per esserti assicurato di essere ascoltato quando ho raccolto la forza di urlare da dietro le mura impenetrabili di Prigione di Evin.” .

Il denaro iraniano rilasciato come parte dell’accordo era dovuto dalla Corea del Sud a Teheran per il petrolio acquistato prima che le sanzioni dell’amministrazione Trump nel 2019 vietassero tali transazioni. Gli Stati Uniti hanno affermato che i fondi liberati potranno essere utilizzati solo per scopi umanitari.

Ma la restituzione del denaro ha scatenato polemiche negli Stati Uniti ed è stata oggetto di dure critiche da parte di alcuni oppositori politici di Biden.

Diversi eminenti repubblicani hanno espresso preoccupazione per il fatto che l’Iran utilizzerà i fondi per sostenere gruppi per procura in Medio Oriente.

Il governo americano ha minimizzato queste preoccupazioni. La settimana scorsa, il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller ha affermato che il Tesoro americano esercita una “rigorosa supervisione” sui fondi e che Washington “ha la capacità di monitorarne l’utilizzo”.

Un alto funzionario dell’amministrazione ha anche detto ai giornalisti che gli Stati Uniti si sarebbero mossi per bloccare i fondi se l’Iran avesse tentato di trasferirli o di usarli per scopi diversi da quelli umanitari.

Spiegazione video,

Guarda: il momento in cui cinque americani sono stati rilasciati dall’Iran mentre cambiavano aereo in Qatar

READ  Divoký odchod Británie z unijního trhu? Jen ukazování mučicích nástrojů, říká bruselský analytik | iROZHLAS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *