Ray Epps: bersaglio delle teorie del complotto antisommossa del Campidoglio che è stato accusato il 6 gennaio

Ray Epps: bersaglio delle teorie del complotto antisommossa del Campidoglio che è stato accusato il 6 gennaio

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

Il signor Epps (al centro) era fuori dal Campidoglio il 6 gennaio 2021

Un ex sostenitore di Trump, accusato di essere un agente federale dai teorici della cospirazione online dopo aver partecipato alla rivolta del Campidoglio degli Stati Uniti, è stato accusato di condotta disordinata.

Ray Epps, 62 anni, è stato fotografato fuori dal Congresso il 6 gennaio 2021, ma dice di non essere entrato.

È stato catturato in diversi video nel periodo dei disordini.

In uno di essi, la notte del 5 gennaio 2021, è stato visto gridare e incitare la gente a entrare nel Campidoglio.

I membri della folla hanno cantato “Fed! Fed!” – Accusandolo di essere un impiegato delle forze dell’ordine.

Il giorno successivo, durante la stessa rivolta, Epps, un ex marine americano dell’Arizona, è stato visto in un altro video sussurrare all’orecchio di un uomo che poi ha attaccato le linee di polizia.

Nei giorni successivi alla rivolta, su Internet iniziarono a diffondersi teorie del complotto secondo cui il signor Epps lavorava segretamente per l’FBI. Queste teorie alimentarono una convinzione più ampia, priva di prove ma popolare nei circoli di destra, secondo cui gli agenti governativi incitavano alle rivolte.

La voce è iniziata nei media alternativi e negli account marginali dei social media, ed è stata menzionata su canali importanti come Fox News, incluso l’ex conduttore Tucker Carlson.

Nelle interviste, il signor Epps, un ex membro della milizia Oath Keepers, che aveva una grande presenza negli scontri, ha negato le accuse.

Ha detto di non avere legami con le forze dell’ordine e di non essere entrato in Campidoglio. Ha detto che stava cercando di calmare l’uomo che ha attaccato le linee di polizia invece di fargli pressione.

Ha anche affermato di essere stato portato via dalla sua errata convinzione che una frode diffusa abbia influenzato le elezioni del 2020 e dal suo sostegno a Trump.

Ad aprile, l’FBI ha rilasciato una dichiarazione a 60 Minutes della CBS News in cui affermava: “Ray Epps non è mai stato una fonte dell’FBI o un dipendente dell’FBI”.

A luglio, Epps ha citato in giudizio Fox News per le voci, accusando la rete di diffamazione e sostenendo di aver dovuto chiudere la sua azienda e trasferirsi nello Utah a causa delle minacce e delle molestie ricevute da lui e sua moglie a causa delle teorie del complotto. La causa sostiene che Fox abbia raccontato una “storia di fantasia” e abbia fatto di Epps un “capro espiatorio”.

Fox – che non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento – ha affermato che i suoi conduttori in onda hanno il diritto di condividere “opinioni protette” costituzionalmente sul signor Epps.

Non è stato possibile contattare immediatamente il signor Epps e il suo avvocato nella causa per diffamazione non ha risposto immediatamente ai messaggi in cerca di commenti.

Mercoledì dovrebbe comparire in tribunale.

Spiegazione video,

Cosa stavano facendo i Proud Boys prima del discorso di Trump quel giorno

READ  UBA: Cambiare la storia dell'Africa con un ricco patrimonio culturale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *