deviazione. Missioni, materia oscura… Cosa cercherà il telescopio europeo Euclid, per esplorare il lato oscuro dell’universo?

deviazione.  Missioni, materia oscura… Cosa cercherà il telescopio europeo Euclid, per esplorare il lato oscuro dell’universo?

Sabato 1 luglio 2023, dalla rampa di lancio di Cape Canaveral, in Florida, un razzo SpaceX ha preso a bordo uno degli strumenti più ambiziosi del decennio. I ricercatori hanno affermato che un telescopio spaziale europeo le cui immagini, dalla sua futura orbita a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra, capovolgeranno “la nostra comprensione delle leggi fondamentali della natura”. Avviato nel 2013, il programma Euclid riunisce 1.600 scienziati di diciassette paesi per mappare e comprendere meglio l’universo.

L’astronomia e la cosmologia proclamano concetti che sfidano i nostri occhi e le nostre menti stolte ma che dobbiamo accettare. La semplice idea di un vuoto, l’ipotesi dell’infinità dell’universo o la teoria che il 95% di ciò che lo compone, materia ed energia, sia per noi invisibile e “totalmente sconosciuto”, afferma l’astrofisico Yannick Mellier.

Invisibile ma non irraggiungibile. Questo sarà importante Telescopio euclideo europeodallo spazioporto di Cape Canaveral, da dove è decollato sabato alle 17:11.

A proposito di James Webb

Non è stato l’Ariane 5, l’ultimo aereo a decollare – senza preoccupazioni dell’ultimo minuto – il 16 giugno, ma un Falcon 9 conservato dall’ESA a spingere il gioiello dell’ESA a destinazione. un punto. Un viaggio di un milione e mezzo di chilometri in quattro settimane, verso “il nuovo El Dorado dell’astronomia, una vasta distesa di quasi un milione di chilometri di diametro”, come descrive all’Agenzia spaziale europea Bruno Altieri, responsabile del progetto.

Ci vorranno quattro settimane per mettere in orbita il satellite e tre mesi per iniziare le osservazioni.
ESA

Euclide come vicino avrebbe – a rispettabile distanza – il telescopio di James Webb, in quanto puntato con le spalle al sole verso le profondità dell’universo ma con funzioni ben diverse. “James Webb osserva eventi molto specifici, regioni molto specifiche del nostro cielo”, ricorda Julien Larena, un astrofisico del Montpellier Laboratory for the Universe and Particles.Euclid guardava il cielo nel suo insieme, per mapparlo.

Come se Euclide dipingesse la costa atlantica francese e Webb, più precisamente, il porto di La Rochelle. È necessariamente meno preciso di Webb, ma ha statistiche sugli oggetti molto migliori.”

Dieci miliardi di anni e molte galassie

Cosa vedrà Euclid? Lo strumento mapperà l’universo nello spazio e nel tempo, dieci miliardi di galassie in dieci miliardi di anni, ovvero circa “il 73% della storia dell’universo, 13,8 miliardi di anni”, afferma Yannick Miller, project manager dell’ESA. Un terzo della superficie del cielo, osserva Bruno Altieri. 15.000 gradi su 45.000 gradi quadrati, l’unità di misura della volta celeste. Matematico, “Euclide era un geometra”, ride Marc Sauvage, CEA, Atomic Energy Commission, partner di il programma.

L'intera struttura pesa due tonnellate, assemblata nello stabilimento torinese di Thales Alenia Space.

L’intera struttura pesa due tonnellate, assemblata nello stabilimento torinese di Thales Alenia Space.
ESA

Ricordiamo questo principio di base: più una galassia è lontana, prima la sua luce ci raggiunge; Pertanto, guardarlo significa guardare nel passato dell’universo. Ma “più andiamo avanti, più diventa fragile”, insiste Yannick Millier, soprattutto perché la struttura dell’universo diminuisce man mano che torniamo indietro nel tempo.

Energia oscura e materia oscura

Sei pronto ad esplorare alcuni dei misteri più misteriosi del nostro universo? Nostro @dipendente la missione! #Isaclide mira a svelare # Puzzle cosmico A #energia oscura E #materia oscura.

Scopri come Euclid porterà alla luce il lato oscuro dell’universo #Universooscuro? ️? pic.twitter.com/dBhWltZepl

– SEC (esa) 19 giugno 2023

Euclide andrebbe indietro in lungo e in largo alla ricerca di una soluzione a cinque misteri della cosmologia. “Vediamo la nostra Via Lattea nel cielo”, ha continuato l’astronomo dell’ESA Bruno Altieri, ma se guardiamo oltre, vediamo che le galassie non sono distribuite uniformemente, ma formano una rete cosmica che si evolve nel tempo.

Al centro di questa evoluzione ci sono la materia oscura e l’energia oscura, “il 95% della materia e il contenuto energetico dell’universo”, insiste l’astrofisico Yannick Millier, contro “solo il 5% della materia conosciuta”.

Qual è la natura dell’energia oscura e la natura della materia oscura e dove si trova? Qual è la struttura e la storia di questa rete cosmica e come si è sviluppata l’espansione dell’universo? Sappiamo tutto sulla gravità? Yannick Millier prevede che Euclide sarà una “miniera d’oro dell’astrofisica”, che porterà a “una rivoluzione nella fisica e un’importante revisione della nostra comprensione delle leggi fondamentali della natura”.

Tonnellate di altissima tecnologia

Lo specchio principale di@dipendente (1,2 metri di diametro) raccoglierà luce da miliardi di galassie. Questo è realizzato utilizzando uno dei materiali più duri conosciuti, ma è molto più leggero del vetro.

spiegazioni? https://t.co/K0kGT79vpp#Isaclide pic.twitter.com/rGg87XlYTM

– ESA Francia (@ESA_fr) 28 giugno 2023

Con un’acuità visiva impressionante, vicino al telescopio Hubble di 4,7 metri e due tonnellate, assemblato a Torino da Thales-Alenia Space, effettuerà le sue osservazioni e immagini nella radiazione visibile e nell’infrarosso. Dietro il suo specchio di 1,2 metri, “praticamente equivalente a 4 metri terrestri”, sottolinea Bruno Altieri, e con una notevole acutezza ottica, vicina a quella di Hubble, “la più grande fotocamera mai lanciata nello spazio”. Il VIS misurerà in modo molto preciso la forma delle galassie”, il secondo strumento, NISP, ne ha misurato il colore e la distanza.

La missione è programmata da sei anni, con una media di venti osservazioni al giorno, i primi dati attesi “dalla fine dell’anno, che daranno un’idea di quello che possiamo fare”, giudica l’astronomo.

600 milioni di pixel

Al progetto Euclid partecipano 350 scienziati francesi, oltre alle aziende che hanno partecipato alla fase di costruzione. La Francia è il “primo contributore” del consorzio formatosi attorno al telescopio, attraverso il Centro nazionale di studi spaziali, Cnrs, e alcuni laboratori, tra cui l’Irap, a Tolosa, o l’Ente per l’energia atomica. CEA ha progettato specificamente il piano focale della macchina fotografica di Euclide, la cui ottica è costituita dal telescopio.

Questo eccezionale strumento include 36 sensori CCD con una definizione totale di 600 milioni di pixel. “L’equivalente di 300 televisori ad alta definizione”, osserva André Debus, del Cnes, project manager per i contributi francesi.

Assemblato a Torino, e testato a Cannes, il kit comprende – niente di più e niente di meno che un satellite, infatti – moduli di carico utile e di servizio, pannelli solari che fungono anche da alette parasole (devono lavorare a meno di 170 gradi) e un’antenna. Lo specchio e la cassa sono realizzati in ceramica e carburo di silicio.

READ  Scopri una galassia senza stelle!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *