Per fare più soldi, la soluzione miracolosa sarebbe proteggere la biodiversità secondo gli scienziati

Per fare più soldi, la soluzione miracolosa sarebbe proteggere la biodiversità secondo gli scienziati
Il 55% del PIL mondiale dipende da una sana biodiversità, secondo un rapporto di Swiss RE. Immagine illustrativa.

Il 55% del PIL mondiale dipende da una sana biodiversità, secondo un rapporto di Swiss RE. Immagine illustrativa.

Ambiente – La protezione delle farfalle e delle api non è più solo una questione di amanti della natura. I governi hanno tutte le ragioni per prenderlo in considerazione, soprattutto se vogliono vedere una crescita continua del PIL globale nei prossimi decenni. Almeno così conclude. studiopubblicato lunedì 26 giugno sulla rivista scientifica Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS).

I ricercatori americani hanno calcolato quanti soldi perdiamo distruggendo la biodiversità ma anche quanto possiamo guadagnare proteggendola nei prossimi anni. Secondo la loro ricerca, gli investimenti in natura possono portare annualmente tra $ 100 e $ 350 miliardi di profitti. Una cifra enorme, pari al PIL annuo del Portogallo.

E anche, Le nostre stime potrebbero essere molto più alte. Dicono gli scienziati. Si sono concentrati solo su quattro punti specifici: impollinazione, fornitura di legname, pesca marina e sequestro del carbonio. Se includi più servizi della natura, i numeri salgono molto più in alto.

Secondo la stima più completa della Banca mondiale, il crollo della biodiversità potrebbe comportare una perdita di 2.700 miliardi di dollari di PIL globale all’anno entro il 2030. Una cifra vicina a quella della Francia. Come otteniamo tali risultati?

La natura offre servizi gratuiti

Dobbiamo innanzitutto immaginare che i servizi forniti gratuitamente per loro stessa natura portino molto denaro. Facciamo un esempio simbolico: quello dell’ape. Grazie alla loro attività, i campi vengono impollinati, consentendo alle colture di passare dallo stato floreale a quello vegetale. Se le api dovessero scomparire, i raccolti dovrebbero essere impollinati a mano… e questo sarebbe molto costoso.

Nella sola Francia, la sostituzione dell’impollinazione delle api con l’azione dell’uomo costerebbe 3 miliardi di euro all’anno., ha dichiarato all’HuffPost Maud Lelièvre, direttrice dell’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN). Al contrario, promuovere lo sviluppo degli impollinatori piantando siepi ed evitando alcuni pesticidi ne aumenta l’attività ei benefici per l’agricoltura.

READ  Centinaia di milioni di anni fa: i paleontologi scoprirono le spore delle piante più antiche del pianeta - Technology News

Dopo l’impollinazione, altri servizi sono resi dalla natura. Lo studio, pubblicato su PNAS, prende in considerazione, ad esempio, l’approvvigionamento di legname delle foreste, l’approvvigionamento alimentare tramite la caccia e il sequestro di carbonio da parte delle piante. Se distruggiamo gli ecosistemi, il legno è meno disponibile, la caccia è meno produttiva e l’anidride carbonica responsabile del cambiamento climatico viene assorbita sempre meno. Quindi perdiamo somme astronomiche.

Scenari di conservazione della natura per fare soldi

in uno scenarioCollasso parziale dell’ecosistema Analogamente ai ricercatori, abbiamo osservato un calo del 90% delle catture derivanti dalla pesca marittima. Ciò significa enormi perdite economiche, soprattutto per paesi come il Bangladesh, l’India o la Corea.

Al contrario, lo studio propone diverse soluzioni di protezione della biodiversità che consentirebbero di risparmiare denaro, o addirittura di apportare benefici significativi. Dei cinque scenari proposti, il più redditizio rimane l’abolizione dei sussidi agricoli per reindirizzare i fondi alla ricerca e allo sviluppo.

Secondo lo studio, questo aumento della spesa pubblica per la ricerca e lo sviluppo è “Necessario per compensare le perdite di produttività agricola dovute al cambiamento climatico” In totale, questo scenario farebbe risparmiare più di 200 miliardi di dollari all’anno.

Un’altra soluzione: dare valore monetario ai servizi offerti dalla natura. Se i paesi avessero un tale sistema, il PIL globale potrebbe aumentare di $ 100 miliardi all’anno. Concretamente, i governi compenserebbero i proprietari terrieri per aver preservato la loro terra piuttosto che convertirla in agricoltura o per altri scopi. In entrambi gli scenari, l’idea è la stessa: investire nella natura consente una migliore produttività in agricoltura e pesca, ma consente anche una migliore resistenza agli effetti del cambiamento climatico.

Se la traiettoria attuale continua, 1 milione di specie di animali e piante, su un totale di 8 milioni, scompariranno dalla Terra nei prossimi decenni secondo le Nazioni Unite. Tuttavia, il 55% del PIL mondiale dipende dalla buona salute della biodiversità, secondo il un report Da Swiss RE. Con il collasso della biodiversità, l’economia globale è in pericolo.

READ  Matematica e tecnologia al servizio dei vecchi battitori

Vedi anche su Huffpost :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *