Coprifuoco in Spagna, nuove restrizioni in Italia

Postato domenica 25 ottobre 2020 alle 16:06

La Spagna ha imposto il coprifuoco di notte domenica e l’Italia chiuderà cinema, teatri e ristoranti dopo le 18:00, in Europa, che sta vivendo una forte seconda ondata dell’epidemia di Covid-19.

Di fronte a una situazione sanitaria ritenuta “estrema”, il premier spagnolo Pedro Sanchez ha annunciato domenica uno stato di emergenza sanitaria fino all’inizio di maggio e un coprifuoco imposto in tutto il Paese dalle 23:00 a mezzanotte. 6:00 del mattino, ad eccezione delle Isole Canarie, dove il tasso di infezione da virus è basso.

Questo è il secondo stato di emergenza dichiarato in Spagna, dopo quello stabilito a marzo per far fronte alla prima ondata di epidemia che si è protratta fino a giugno.

Il paese ha superato il traguardo di 1 milione di casi di Covid-19 questa settimana e sta affrontando un’escalation apparentemente incontrollabile dell’epidemia. Il numero di morti si avvicina a 35.000.

Alcune regioni hanno preso l’iniziativa imponendo restrizioni locali, come Madrid, Castiglia e León (nord), la regione di Valencia (est) e Granada (sud).

– Restrizioni in Italia –

Il coprifuoco è già stato implementato in molti paesi europei. In Italia l’hanno adottata nei giorni scorsi tre regioni, Roma (Lazio), Milano (Lombardia) e Napoli (Campania). Almeno altri due, Piemonte e Sicilia, seguiranno questa settimana.

Perché in primavera l’epidemia non si è indebolita nel primo paese europeo duramente colpito. Dopo aver annunciato sabato un numero record di contagi – 20.000 nuovi casi in 24 ore, per un totale di oltre 500.000 casi e 37.000 morti – il governo è stato costretto a stringere nuovamente le viti.

READ  DiRT 5 - Gaming - αθηνόραμα Digital

Cinema, teatri, palestre e piscine rimarranno chiusi dal lunedì al 24 novembre. Bar e ristoranti dovranno cessare l’attività dopo le 18:00 e il 75% delle lezioni nelle scuole superiori e nelle università si terrà online.

“L’obiettivo è chiaro: tenere sotto controllo la curva dell’infezione, perché è l’unico modo per poter gestire l’epidemia senza travolgerla”, ha detto domenica il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.


Le misure, tuttavia, non sono sempre ben tollerate. Da sabato sera a domenica, dozzine di manifestanti di estrema destra che protestavano contro il coprifuoco si sono scontrati con la polizia antisommossa nel centro storico di Roma.

“Questo ci distruggerà”, ha risposto Augusto d’Alphonse, titolare del ristorante di pesce della famiglia Torricella a Roma. “Abbiamo già perso il 50% dei nostri clienti quest’anno”, ha detto ad AFP. “Senza l’aiuto del governo, abbiamo finito”.

– Recoire in plastica –

In Belgio, le autorità di Bruxelles hanno deciso di introdurre un coprifuoco imposto nel paese fino alle 22:00. I negozi chiuderanno alle 20:00 e le attività culturali e sportive saranno bandite dal lunedì.

In Francia, sabato, i parlamentari hanno votato per estendere lo stato di emergenza sanitaria fino al 16 febbraio, un sistema eccezionale che consente restrizioni.

Il coprifuoco (dalle 21:00 alle 6:00), che originariamente apparteneva a 20 milioni di persone, ora si estende a 46 milioni e continua per sei settimane.

In tutto il continente europeo, il numero di infezioni si avvicina a 8,7 milioni e più di 261.000 persone sono morte a causa della malattia. Di questi circa 10.003 in Germania, finora è relativamente sopravvissuto, ma ora è gravemente danneggiato. Francoforte abbandonò così il tradizionale mercatino di Natale.

READ  Questo studio italiano analizza le implicazioni politiche dell'intrattenimento televisivo | Guarda la trama

In Svizzera, gli ospedali dell’Università di Ginevra hanno recentemente invitato gli studenti di medicina e il personale medico in pensione a venire e aiutare a curare i casi di Covid-19, che temono sarà “molto di più” che in primavera.

Diversi paesi dell’est, dove anche la situazione si sta deteriorando, sabato hanno imposto nuove misure. L’intero territorio della Polonia è passato alla “zona rossa”, il che significava molte restrizioni.

In Slovacchia, sabato, fino al 1 ° novembre, è entrato in vigore il coprifuoco notturno. E nella Repubblica Ceca, dove l’inquinamento e i tassi di mortalità sono i peggiori in Europa nelle ultime due settimane, il reclusione parziale è valido fino al 3 novembre.

In Bulgaria, il primo ministro Boyko Borissov ha annunciato domenica di essere risultato positivo al nuovo Coronavirus, in mezzo alla recrudescenza dell’epidemia.

A Bucarest sono state prese precauzioni rigorose per inquadrare una grande festa ortodossa che celebra San Demetrio, il patrono della capitale rumena. Sacerdoti e volontari offrono gelatina alcolica ai fedeli mascherati. Le munizioni d’oro venivano poste in uno schermo di plastica trasparente e venivano regolarmente disinfettate.

L’epidemia ha ucciso almeno 1151.077 persone in tutto il mondo dalla fine di dicembre, secondo un rapporto dell’AFP da fonti ufficiali domenica alle 11:00 GMT.

I paesi che hanno registrato il maggior numero di nuovi decessi nei loro recenti rapporti sono gli Stati Uniti con 906 nuovi decessi, l’India (578) e il Brasile (432). Gli Stati Uniti sono il paese più colpito da decessi e casi, con 224.906 morti su 8.578.063 casi, secondo un conteggio della Johns Hopkins University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *