La duchessa di Placentia e la sua tragica storia

Primo ingresso: venerdì 2 aprile 2021 alle 09:36

Come oggi, il 2 aprile 1785, l’aristocrazia francese e ardente amore ellenistico, che portava il titolo nobiliare di “Duchessa di Placentia”, nacque ad Atene durante i primi anni del dopoguerra.

Sophie Barbie de Marbois, come era il suo nome da nubile, è nata a Filadelfia, negli Stati Uniti, ed era la figlia del marchese François Barbie de Marbois (1745-1837), un politico di spicco durante il Primo Impero (1804-1815) e della restaurazione. I Borboni (1815-1830), l’americana Elizabeth Moore (1765-1834), figlia del governatore della Pennsylvania William Moore.

All’età di 19 anni, Sophie sposò il generale Anne Charles Leprin (1775-1859), una sostenitrice di Napoleone I. Nel 1824, anno in cui il marito ereditò dal padre il titolo di Duca di Placentia, la coppia si separò senza ottenere il divorzio. La duchessa di Placentia partì ora per l’Italia con la sua unica figlia Eliza, accompagnata dal suo ammiratore, poeta e Philhelin Warm Casimir Delafin (1793-1843), che lasciò al loro arrivo a Genova.

Delphine riuscì a trasmetterle i suoi sentimenti d’amore e nel 1830 la duchessa decise di recarsi in Grecia con sua figlia, che amava così tanto. A quel tempo, il nostro paese ha mosso i primi passi come stato indipendente e l’aristocrazia francese ha fornito vari importi per i bisogni educativi. A proprie spese, fondò una scuola femminile, che operava prima ad Egina e poi a Nafplio, mentre finanziava la seconda edizione di Missolonghi’s Greek Records. Ha offerto ingenti somme a progetti di beneficenza e in particolare ha aiutato gli abitanti del villaggio a Bentley, dove ha acquistato la terra.

Inizialmente ha sostenuto Kapodistrias, ma poi si è rivoltato contro di lui. Era a Firenze quando seppe dell’assassinio del governatore e pubblicò un opuscolo a sostegno del crimine di Mavromichalia. Nel 1834 tornò in Grecia e si stabilì definitivamente ad Atene, dove divenne un membro eletto dell’alta società della capitale greca.

READ  Italia: respinto il ricorso di Vivendi contro il progetto europeo Mediaset - fonti e notizie dell'azienda

Nel 1836, la figlia di Eliza ebbe un esaurimento nervoso quando fu informata della morte del suo fidanzato, Elias Katsakus Mavromikalis, maggiore dell’esercito e sostenitore di Otto, da un’epidemia di colera a Monaco. E come se non bastasse, la ragazza si ammalò di tubercolosi, che a quel tempo era una malattia quasi impossibile. Sua madre ha fatto di tutto per salvarla da “htikio”. La portò a Beirut, dove morì nel 1837.

Il colpo alla duchessa fu schiacciante. Rifiutò di seppellire sua figlia e, dopo che il suo corpo fu imbalsamato, la trasferì ad Atena e la mise in una stanza nella sua residenza temporanea, che si trovava vicino all’attuale piazza Comondoro (angolo di Miller e Agesilau). Da allora, il suo comportamento è diventato strano (rappresentava la sua “religione”, un misto di giudaismo e islam). Quando la sua casa improvvisata fu distrutta nel 1846 e il corpo mummificato di sua figlia fu cremato, la duchessa di Placentia divenne ancora più distante e introversa. Le sue condizioni sono peggiorate a causa della flebo che ha avuto che l’ha sfigurata.

La duchessa di Placentia, possedendo un grande distretto finanziario, acquistò all’epoca varie proprietà nella periferia di Atene ea Bentili e costruì tre palazzi secondo i piani del suo caro amico, l’architetto Stamatis Clintis (1802-1862). Ma poiché credeva in una profezia che sarebbe morta al termine della costruzione della sua casa, lasciò i tre edifici incompiuti.

Uno di loro, costruito sulle rive di Ilesos, si chiamava “Villa Ilyas” ed era la dimora invernale. Fu costruito negli anni 1840-1848 e oggi ospita il Museo Bizantino e Cristiano (via Vasilices Sophias 22). Gli altri due si trovano a Bentley e la loro costruzione iniziò nel 1840. Uno si chiamava “Spitake” (Mesonite) e l’altro era “Castillo Rudodafni”, che fino a poco tempo fa era l’evento artistico del Bentley Festival. Nello stesso anno iniziò la costruzione degli edifici “Plaisance” e “Pyrgaki” (Tourelle) sulla strada per il Monastero di Pentelis (Myrties), destinato alla locanda. Plakentia fu completata nel 1846, mentre Bergaki e Castillo rimasero incompleti.

READ  Italia: 5 morti Coronovius - maledetto supermercato - news - news

Sophie Barbie de Marbois, registrata nella storia come “Duchessa di Placentia”, morì il 2 maggio 1854 ad Atene, all’età di 69 anni. È sepolto in un’antica tomba a forma di tempio in marmo Bentley, costruita su progetto di Stamatis Cleanthis, vicino allo “Spitaki” dei Penteli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *