Calcio – Caroline Abbé: “La squadra è pronta a sfidare l’Italia”

Inserito

Gli svizzeri giocano venerdì in Sicilia un incontro cruciale in vista della qualificazione diretta ai Mondiali 2023. L’ex capitano della Nati, ora “Team Manager”, fa il punto.

Grazie a più gol segnati, la squadra svizzera guida il Gruppo G davanti all’Italia.

Andy Mueller / freshfocus

venerdì a Palermo (17 h 30), i Nati stanno giocando una partita importantissima contro l’Italia, che potrebbe aprire le porte al Mondiale 2023 in Australia e a Nuova Zelanda. La ginevrina Caroline Abbé, ritiratasi dallo sport dopo il titolo di Servette Chênois la scorsa stagione, amministra fino alla fine dell’anno come Capo squadra, dirigente dei Nati. L’ex nazionale con 127 selezioni ci parla di questa nuova funzione e dello choc contro i transalpini.

Caroline Abbé, quest’estate sei stata nominata Capo squadra, dirigente attraverso interoQuesto ècerchio della squadra svizzera. Qual è la tua parte?

Organizzo campi di addestramento, sia in Svizzera che all’estero. Gestisco anche la logistica per gli hotel, i campi di allenamento e tutti gli alloggi che accompagnano questo tipo di raduni. Cerco di fare di tutto per far sentire la squadra al meglio in Nazionale.

Com’è il rapporto con i giocatori, che prima erano per la maggior parte tuoi? compagne di squadra?

Non sapevo come loro e io avremmo reagito al mio nuovo berretto. Anche se non sono proprio un loro superiore, ho un altro ruolo, faccio parte dello staff. E ammetto che lo temevo un po’. Ma alla fine è andato tutto molto bene e questo nuovo lavoro mi piace. I giocatori erano felici di rivedermi. È anche un vantaggio per me conoscerli e sapere quali erano le loro esigenze. È come se non avessi mai lasciato la nazionale.

La Genevoise, con il numero 15, ha 127 selezioni con la Nati, di cui è stata capitano per sette anni.

La Genevoise, con il numero 15, ha 127 selezioni con la Nati, di cui è stata capitano per sette anni.

Urs Lindt / freshfocus

In che stato d’animo si trova il gruppo prima di questo shock?

Il gruppo è molto motivato. Non è ancora un incontro decisivo, ma resta molto importante. Giochiamo contro i favoriti del girone, in casa, e sento una gran voglia di fare una grande prestazione. Questo ci permetterebbe di affrontare con serenità le partite di ritorno di queste qualificazioni. La squadra è pronta.

L’Italia è favorita, ma c’è davvero una grande differenza tra le due selezioni?

Il nostro team è cresciuto moltoPnegli ultimi anni. Ma anche l’Italia. Ha una migliore infrastruttura a livello dei suoi campionati. Inoltre, tutti i giocatori giocano nel paese, il che può rappresentare un vantaggio in termini di automatismi. Per quanto riguarda i Nati, molti giocano all’estero, in vari campionati europei. Devo dire che l’Italia è leggermente favorita.

Come è progredita molto la squadra svizzera ultimamente??

A livello di stabilità difensiva. Non prendiamo molti gol. Ma la nostra forza rimane la nostra risorsa offensiva. Abbiamo ottimi giocatori in attacco. Potremmo avere difficoltà a realizzare le nostre opportunità, ma creiamo molto, e questo è il più importante. Basta un piccolo clic, e la macchina viene avviata.

Caroline Abbé, qui durante la sua ultima stagione al Servette Chênois, non ha intenzione di riprendere il servizio.

Caroline Abbé, qui durante la sua ultima stagione al Servette Chênois, non ha intenzione di riprendere il servizio.

costi di messa a punto

E da parte tua, non ti manca troppo il terreno?

No, quando mi sono ritirato dallo sport, era ora di smettere. Ma non vi nascondo che quando il Servette ha suonato davanti a 12.000 persone (NdR: contro il Chelsea allo Stade de Genève in Champions League), vsmi ha fatto qualcosa. Questa partita, mi sarebbe piaciuto giocarla, se non altro per gli spettatori. Le ultime due stagioni che ho giocato sono state segnate dal Covid, quindi non avevamo molti tifosi. Tuttavia, no, non uscirò dal mio ritiro sportivo.

Eri professionista quando eri in Germania (dal 2011 al 2017) allora, quando sei tornato in Svizzera hai dovuto ricominciare a lavorare in parallelo. Come affronti questa situazione?

Per me, È solo una questione di abitudine. Ho sempre giocato a calcio e ho lavorato con lui. Tutti quelli che lo fanno vsconoscono questa realtà da quando hanno finito la scuola. Siamo pronti per questo. Ma ovviamente ho sentito la differenza quando ero in Bundesliga, senza bisogno di lavorare. A al mio ritorno, mi ci sono voluti alcuni mesi per riprendere il ritmo. Ma ci abituiamo. Sperando che le cose cambino.

Prende il percorso?

In Svizzera vengono investite sempre più risorse nello sviluppo del calcio femminile, in modo che, a lungo termine, le calciatrici possano vivere esclusivamente di vsuna. VSprogredisce passo dopo passo. Dal mio ritorno in patria ho già visto una certa evoluzione, più partite vengono trasmesse e più sponsor investono. Ma il cambiamento non avverrà dall’oggi al domani.

READ  L'Italia nei grandi campionati?, Di Frédéric Attal (Le Monde diplomatique, aprile 2021)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *