sulla strada del 21 per Nadal, ancora Medvedev

Lo spagnolo Rafael Nadal affronta il russo Daniil Medvedev nella finale degli Australian Open il 30 gennaio 2022 a Melbourne (Aaron FRANCIS / AFP)

Rafael Nadal punta allo storico 21esimo titolo del Grande Slam domenica (9:30 ora di Parigi) nella finale degli Australian Open, ma affronterà l’impressionante Daniil Medvedev che ha privato Novak Djokovic di questa impresa all’ultimo US Open.

Roger Federer spera di vincere questo 21esimo Major dagli Australian Open 2018, Djokovic sembrava sulla buona strada per vincerlo l’anno scorso agli US Open o, nel peggiore dei casi, quest’anno a Melbourne. Potrebbe essere Nadal che lo farà alla fine! Sarà ancora necessario riuscire a travolgere Medvedev.

“Giocherò ancora contro uno dei più grandi giocatori e ancora contro un giocatore che proverà a vincere il suo 21esimo titolo del Grande Slam”, ha riso il 25enne russo riferendosi alla sua finale vinta durante lo scorso US Open contro Novak Djokovic .

Ha poi privato il serbo di un 21° Major ma anche del Grande Slam, visto che aveva vinto consecutivamente Open d’Australia, Roland-Garros e Wimbledon.

La differenza è che a New York Medvedev non era un favorito mentre a Melbourne lo è.

“Il mio obiettivo non è quello di privare Rafa del 21esimo tiro del Grande Slam, ma di vincere la mia partita”, ha assicurato il russo che potrebbe diventare il primo giocatore nell’era degli Open (dal 1968) a vincere uno dopo l’altro i suoi primi due Major. .

Basandosi sul 2021

Il numero 2 del mondo ha dieci anni in meno di Nadal (35). Sta uscendo da un’eccezionale stagione 2021 durante la quale ha firmato le sue migliori prestazioni in ciascuno dei quattro tornei del Grande Slam: finale agli Australian Open (persa contro Djokovic), quarti di finale al Roland-Garros (battuto da Stefanos Tsitsipas), 8° a Wimbledon (battuto da Hubert Hurkacz) e primo titolo major agli US Open (battendo in finale Djokovic).

READ  RUGBY. Gli All Blacks atomizzano l'Italia e battono un record mondiale
Il russo Daniil Medvedev contro lo spagnolo Rafael Nadal nella finale degli Australian Open il 30 gennaio 2022 a Melbourne
Il russo Daniil Medvedev contro lo spagnolo Rafael Nadal nella finale degli Australian Open il 30 gennaio 2022 a Melbourne (MICHAEL ERREY / AFP)

E dall’inizio degli Australian Open, Medvedev ha dimostrato di essere perfettamente sulla buona strada dall’anno scorso.

In particolare, ha firmato una straordinaria vittoria ai quarti contro Felix Auger-Aliassime dopo aver salvato un match point, prima di controllare Tsitsipas in semifinale, nonostante una temporanea perdita di nervi che probabilmente gli è costata il secondo set.

Quindi Nadal non si fa illusioni, vincerà solo giocando al suo “miglior livello”.

Ma potrebbe essere meno sotto pressione del suo avversario perché per lui, che non ha giocato per sei mesi l’anno scorso a causa di un infortunio al piede e che a dicembre ha sofferto di covid, esserci è “del tutto inaspettato”.

“Un regalo”

“E’ un dono essere lì a giocare a tennis. Quindi prendo le cose in modo un po’ diverso”, ha ammesso prima di chiarire subito: “Certo, tutti mi conoscono, lotterò sempre con tutte le mie forze. E ovviamente il mio obiettivo è vincere!”

Rafa Nadal felice della sua vittoria sull'italiano Matteo Berrettini a Melbourne, 28 gennaio 2022
Rafa Nadal felice della sua vittoria sull’italiano Matteo Berrettini a Melbourne, 28 gennaio 2022 ( MICHAEL ERREY / AFP )

“Quello spirito competitivo è nel mio DNA. Ma alla fine, e ad essere completamente onesto, è più importante per me poter giocare a tennis, perché è quello che amo fare nella vita che vincere un altro Grand Torneo Slam”.

Buon punto per lui, la sua vittoria contro il colosso italiano Matteo Berrettini venerdì è stata in definitiva meno dispendiosa in termini di energia di quella ai quarti contro Denis Shapovalov.

“Devo ammettere che il giorno dopo (questa vittoria su Shapovalov, cioè mercoledì) mi sono sentito molto meglio di quanto sperassi. Mi ha sorpreso molto. A volte, due giorni tra due partite, è difficile da gestire, ma questo mi ha aiutato ,” Egli ha detto.

READ  Italia: l'Inter, a ritmo di campione, domina l'Atalanta (1-0)
Daniil Medvedev in servizio contro Stefanos Tsitsipas a Melbourne, 28 gennaio 2022
Daniil Medvedev in servizio contro Stefanos Tsitsipas a Melbourne, 28 gennaio 2022 (Paul Crock / AFP)

Oltre a un 21° Major (uno migliore dei suoi grandi rivali Djokovic, espulso dall’Australia prima dell’inizio del torneo, e Roger Federer, assente), un titolo di domenica consentirebbe a Nadal di diventare il secondo giocatore dell’era Open, il 4° nella storia ad aver vinto ciascuna delle Major almeno due volte. Un’impresa raggiunta da Djokovic lo scorso anno quando ha vinto il Roland-Garros per la seconda volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.