L’Italia limita i requisiti di ingresso per i viaggiatori europei

Il pianeta rimane in allerta mentre la variante Omicron si diffonde a un ritmo senza precedenti, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), che stima che la maggior parte dei paesi sia ora colpita. La pandemia di Covid-19 ha ucciso almeno 5,3 milioni di persone in tutto il mondo dalla fine del 2019, secondo un rapporto redatto da Agence France-Presse (AFP) da fonti ufficiali, martedì 14 dicembre.

Leggi anche: Perché una variante più contagiosa ma meno letale ucciderà più persone

Gli Stati Uniti sono, secondo queste fonti, il Paese più in lutto, con oltre 800.000 morti ufficialmente registrate, davanti a Brasile (617.000), India (476.000), Messico (296.000) e Russia (291.000). L’OMS stima, tenendo conto dell’eccesso di mortalità direttamente e indirettamente legato al Covid-19, che il bilancio della pandemia nel mondo potrebbe essere da due a tre volte superiore, ovvero da 10 a 16 milioni di morti.

  • L’Italia limita i requisiti di ingresso per i viaggiatori europei

L’Italia ha annunciato da giovedì una restrizione alle condizioni di ingresso nel proprio territorio per i viaggiatori provenienti dall’Unione Europea (UE), con test negativo obbligatorio per tutti e cinque giorni di quarantena per i non vaccinati.

Finora i cittadini dell’UE potevano viaggiare in Italia con un pass sanitario attestante un regime vaccinale completo, una recente guarigione o un test negativo.

Le persone non vaccinate dovranno osservare una quarantena di cinque giorni all’arrivo, oltre a presentare un test negativo. Chi arrivava da fuori dell’UE doveva già essere messo in quarantena.

  • Chiusura anticipata delle scuole nei Paesi Bassi

Strade quasi deserte ad Amsterdam il 29 novembre 2021, a causa della chiusura alle 17 di negozi, bar e ristoranti non essenziali, tutti i giorni fino alle 5 del mattino.

“Non possiamo ignorare il segnale relativo alla variante Omicron”, ha avvertito martedì il primo ministro olandese Mark Rutte, annunciando la chiusura anticipata delle scuole primarie per le vacanze di Natale. Gli stabilimenti nei Paesi Bassi chiuderanno quindi dal 20 dicembre, una settimana prima dell’inizio delle vacanze, perché i bambini, tra i quali i più alti tassi di Covid-19, potrebbero infettare i familiari più anziani. , ha affermato il capo del governo in conferenza stampa a L’Aia.

READ  Alanui x Poldo Dog Couture: questo marchio italiano che amiamo svela una collezione ultra fashion per cani

“Poiché le vacanze di Natale iniziano direttamente a Natale quest’anno, i bambini potrebbero inconsapevolmente infettare i loro parenti più grandi, il che metterebbe troppa pressione sugli ospedali”, ha affermato il governo in una nota.

Inoltre, il governo sta estendendo le attuali restrizioni sanitarie fino al 14 gennaio, compresa la chiusura di negozi, bar e ristoranti non essenziali, tutti i giorni dalle 17:00 alle 5:00. Allo stesso modo, i cittadini possono ricevere solo quattro ospiti a casa.

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti Nei Paesi Bassi, manifestazioni violente per tre giorni contro le restrizioni sanitarie
  • La vaccinazione dei bambini inizia in diversi paesi europei

Danimarca e Austria hanno già fatto il grande passo. Mercoledì, la città di Berlino e diverse regioni della Germania, come la Baviera, così come la Grecia, la Spagna o l’Ungheria, iniziano le campagne di vaccinazione per i bambini sotto i 12 anni, con una versione del vaccino Pfizer più debole di quella destinata agli adulti.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) osserva che le categorie di età tra i 5 ei 14 anni sono attualmente le più colpite dalla pandemia, con tassi a volte da due a tre volte superiori rispetto al resto della popolazione.

Altri paesi europei, come Italia, Polonia, Paesi baltici o anche Slovacchia, Repubblica Ceca, Portogallo e Svizzera inizieranno la loro campagna nei prossimi giorni. Al di fuori dell’Europa, anche il Canada e gli Stati Uniti, o persino Israele, hanno autorizzato la vaccinazione di bambini così piccoli. Cina, Cile, Argentina, Venezuela e Colombia vaccinano i bambini a partire dai 3 anni; Cuba e Nicaragua, dai 2 anni.

Leggi anche Quinta ondata di Covid-19: visualizzare il forte aumento del tasso di incidenza nei bambini
READ  L'antica stazione di Guebwiller si è trasformata in un luogo alto della gastronomia italiana

In Francia è stata approvata solo la vaccinazione dei bambini a rischio di sviluppare forme gravi, ma il governo ha detto che sta valutando di ampliarla “a tutti i bambini” su base volontaria.

  • Gli Stati Uniti superano 800.000 morti

Martedì gli Stati Uniti hanno superato le 800.000 morti per Covid-19, secondo i risultati della Johns-Hopkins University. Questa cifra è maggiore della popolazione di interi stati degli Stati Uniti, come il North Dakota o l’Alaska.

Nel 2021 sono stati registrati circa 450.000 decessi, nonostante i vaccini altamente efficaci autorizzati da dicembre 2020 e ampiamente disponibili nella primavera del 2021. Il Paese registra attualmente una media di 1.150 decessi per Covid-19 al giorno, secondo i dati dei centri per la prevenzione delle malattie e controllo (CDC). La stragrande maggioranza dei decessi avviene in persone non vaccinate. Circa il 72% della popolazione americana ha ricevuto almeno una dose del vaccino Covid-19, una quantità inferiore a quella di molti paesi, compresa la Francia.

“Mentre superiamo il traguardo simbolico di 800.000 americani morti per Covid-19, ricordiamo ogni persona, le vite che hanno vissuto e preghiamo per i loro cari”, ha sottolineato su Twitter il presidente americano Joe Biden. “So cosa vuol dire avere una sedia vuota attorno al tavolo della cucina, soprattutto durante le festività natalizie, e il mio cuore si spezza per ogni famiglia che attraversa questo dolore”, ha aggiunto in un comunicato stampa.

Leggi anche Covid-19: gli Stati Uniti raccomandano ai propri cittadini di evitare di viaggiare in Francia e Portogallo

La nostra selezione di articoli sui vaccini contro il Covid-19

READ  tessera sanitaria estesa a trasporti, ristoranti e insegnanti

Il mondo con AFP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *