Tre Vespe da non perdere al museo a loro dedicato ad Auzon (Alta Loira)

Nel suo fienile, Goos Reys non ha scelto di conservare pneumatici, scatole o riporre la sua auto. No, l’ha dedicato alla sua collezione. E non una qualsiasi: una collezione Vespa. “Ne ha una cinquantina che vanno dagli anni ’50, attraverso gli anni ’80 fino ad oggi”, spiega la figlia Christele. Il suo ultimo? Una versione in miniatura, elettrica… per sua nipote.

Tutti i veicoli hanno una storia. “Ogni vite, ogni bullone, ogni parte, tutto è passato per le sue mani. Perché Goos Reys, oltre a essere un collezionista, è un restauratore. “Compra vecchi modelli e restaura tutto. Nel 2001, il suo museo, l’unico in Francia, è stato installato a casa sua. Direttamente a casa. Poi nel 2013 si è trasferito al piano di sotto.

premio In che modo L’Almanach de Brioude (Alta Loira) ha conservato per un secolo la memoria dei suoi abitanti?

Tre Vespe davvero speciali…

Per tutti questi anni ha raccontato la sua passione a chiunque volesse ascoltarla. E tra i modelli, alcuni hanno storie particolari.

1960 Vespa

Questo, in fondo al fienile, rappresenta molto per il collezionista. “È il primo che ho comprato quando avevo 50 anni”, dice. “Finalmente ne aveva già uno a 16 anni”, aggiunge la figlia.

Il suo fedele destriero lo ha seguito ovunque, appeso al camper durante le sue vacanze in Francia, lui che è olandese. Con i suoi 125cc, la Vespa biposto marcia ancora.Questa Vespa risale al 1960.

Vespa 1947È la più antica della sua collezione. “La prima Vespa è uscita nel 1946”, spiega Christele Reys. È stato realizzato in Italia, destinato alla Francia. “Ecco perché c’è un faro sul manubrio”, osserva.

READ  ESCLUSO: Il divertente cartellone della Selezione italiana all'Euro...

Goos Reys ha restaurato il motore, ma non il telaio. Il colore verde metallizzato è originale. “Nel 1947 non c’erano ancora molte auto metalliche, Piaggio (il creatore della Vespa) fu la prima per l’epoca”, dice.Questa Vespa è la più antica della collezione.

Sidecar del 1949. Il collezionista l’ha comprato in pezzi di ricambio e in pessime condizioni. È difficile immaginare come fosse prima perché la ricostruzione è così precisa. Per avere un’idea, “ha messo su ogni veicolo una foto delle condizioni in cui si trovava al momento dell’acquisto”.

Questo sidecar, infatti, è stato utilizzato dalla polizia di Eindhoven (Paesi Bassi). “Non era per inseguire le persone perché non stavamo andando veloci”, osserva Christele. Doveva essere usato per le pattuglie. “Il sidecar era nelle mani della polizia.

Ma anche…

Vespa del 1976. All’ingresso del museo, sulla sinistra, c’è lo studio di Goos Reys. Per illustrare la sua meccanica, posa spesso la Vespa. Un Rally 2000 del 1976, con 200cc. È con questo che cammina ogni giorno.

Le Vespe sono la sua passione. E per niente al mondo non venderà uno di questi famosi scooter. “Abbiamo persone che ci hanno chiesto se stiamo vendendo, ma è impossibile. “

Il museo della Vespa (chemin du Béal ad Auzon) è aperto ad agosto il mercoledì e il sabato. Possibilità, come per il resto dell’anno, di prendere appuntamento per gli altri giorni al 06.73.05.55.98. Entrata gratis.

Maryne Le Goff

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *