Louise, 87 anni, riceve un PV dall’Italia anche se non ha lasciato il suo villaggio

A 87 anni, nonna Louise si fa sfoggiare al volante della sua twingo in un piccolo villaggio in Italia senza aver lasciato le strade collinari della South-Gironde a Barsac. (© Il repubblicano)

A 87 anni, nonna Louise, di Barsac (Gironda), ha ricevuto una simpatica raccomandazione. Il 16 giugno 2021, ha avuto un flash mentre la guidava twingo in italia per eccesso di velocità, senza esserci mai stato.

Una vera posta raccomandata

La lettera non è né uno scherzo né una truffa. È stato inviato per posta raccomandata dal comune di PietraSanta, piccolo villaggio di Toscana, laggiù polizia locale per un offesa al codice della strada di mercoledì 16 giugno 2021. Fu addirittura il comandante Giovanni Fiori a far balenare nonna Louise al volante della sua Twingo a 63 km/h, invece di 50.

Una multa per eccesso di velocità

Risultato, il Barsacaise dovrà pagare una multa di 57 euro nei prossimi 60 giorni. Oltre a ciò, la multa è raddoppiata (101,50 euro). Luisa dice:

“Quando il postino mi ha detto che si trattava di un biglietto dall’Italia, non potevo crederci. In Italia ? Non ci sono mai stato in vita mia! ”

Louise, 87 anni, ha fatto un flash in Italia senza mai esserci stata.Residente a Barsac, in Gironda.

Tuttavia, la targa rialzata è conforme a quella del twingo di Louise, mentre il veicolo non è mai stato più lontano delle strade collinari del sud della Gironda, lontano dalla bellissima Toscana. “La macchina ha la mia età, mi vedi sfrecciare in Italia a 87 anni”, dice Louise, scherzando con i suoi vicini. “Mi hanno detto ‘ah nonna, vai di corsa in Italia, fai così…”.

READ  Lotta alle malattie non trasmissibili: il governo italiano contribuisce con 1,6 miliardi di franchi CFA in natura al Burkina

“Mi vedi sfrecciare in Italia a 87 anni”

Se l’aneddoto ha fatto sorridere tutto il quartiere, resta una domanda: come avrebbe potuto essere sfoggiata la Twingo in Italia?

“C’è la marca dell’auto, le targhe, il mio indirizzo… Com’è possibile? La gendarmeria non può fare nulla per me, né la banca può controllare l’IBAN con cui pagare il PV. Non so proprio come giustificare il fatto che non c’ero. “

Nonna LuisaResidente di Barsac (Gironda)

Nonna Barsacaise, tuttavia, non mai subito furto di targhe o documenti. Oggi vuole usare il rimedio, ma ancora una volta è necessario contestare la multa con una lettera “scritta in italiano”.

E per ora, il mistero rimane irrisolto!

Questo articolo ti è stato utile? Nota che puoi seguire Le Républicain Sud-Gironde nella zona di Mon Actu. In un click, dopo la registrazione, troverai tutte le novità delle tue città e dei tuoi brand preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *