Ancora una volta vincitore della Coppa del Mondo, Mathieu Faivre è ancora una volta un gigante

In una disciplina di alta precisione come lo sci alpino, un po ‘di niente può far girare una carriera nella giusta direzione. Dal 2016, la traiettoria di Mathieu Faivre si è inclinata, lentamente ma inesorabilmente, dalla parte sbagliata, lontano dal livello del passato, quando il francese era poi il secondo classificato della leggenda austriaca Marcel Hirscher nella classifica dello slalom gigante.

Il campione del mondo juniores nel 2010 è stato poi eclissato da un altro gigante, il suo connazionale Alexis Pinturault. A inizio gennaio, sulle piste svizzere di Adelboden, aveva terminato 17e, molto dietro a “Pintu”, che poi sembrava intoccabile con una terza vittoria nella disciplina in questa stagione.

E ora, mentre non lo aspettavamo più, il 29enne nizzardo è apparso a tutta velocità tra le porte. Primo con un primo titolo mondiale in slalom parallelo, il 16 febbraio a Cortina d’Ampezzo (Italia), in un nuovo format non ancora adottato dagli sciatori. Poi, dopo l’incoronazione del gigante il 19 febbraio, una grande prestazione e una sorpresa mentre diversi favoriti – tra cui Alexis Pinturault, miglior tempo del primo round – sono partiti per colpa.

Leggi anche Mondi di sci alpino: Mathieu Faivre vince ancora l’oro da gigante dopo il suo titolo in parallelo

Sul tracciato tecnico di Bansko (Bulgaria), Mathieu Faivre ha confermato di non essere stato campione del mondo per caso. Ha confermato le nuove aspettative riposte su di lui, già con un secondo posto nel primo gigante, sabato 27 febbraio, e soprattutto uno spettacolo di forza nel secondo, domenica. In testa alla prima manche, il gigantista ha eliminato gli avversari, con un vantaggio di 75 centesimi sullo svizzero Marco Odermatt, e di oltre un secondo su Pinturault, terzo. I due sciatori che lo accompagnano sul podio sono i due primi nella classifica generale di Coppa del Mondo, e sul gigante.

READ  DOSSIER: Euro 2016 - Pellè, l'illustre sconosciuto italiano diventato protagonista durante un'estate (2/23)
Mathieu Faivre e Alexis Pinturault al termine della gara, a Bansko (Bulgaria), il 28 febbraio.

“Sono al settimo cielo? Non necessariamente “

Come spiegare un tale clic dopo tre stagioni medie? Mathieu Faivre dice di aver trovato la formula giusta negli allenamenti a Reiteralm (Austria), durante la grande occasione prima dei Mondiali. Dal 2018 le sue difficoltà erano aumentate con il cambio dei regolamenti in gigante, una riduzione del diametro degli sci. “Dopo Adelboden ci siamo detti che forse ci eravamo persi qualcosa e siamo partiti da zero”, ha detto dopo la sua doppia incoronazione in Italia a Eurosport.

Sciatore schietto, come la sua schiettezza, che a volte gli ha giocato brutti scherzi, ha fatto ancora buone curve a Bansko, per resistere alla pressione della seconda manche partendo dall’ultima posizione. Mathieu Faivre ha consegnato un sereno secondo turno, senza mai essere sbilanciato. Il 12e Il tempo del secondo turno è stato sufficiente per assicurarsi la sua vittoria, la prima in Coppa del Mondo dal 2016. “Sono al settimo cielo? Non necessariamente. Le cose non sono accadute all’improvviso, a Cortina e poi qui ”, ha relativizzato dopo la gara.

Se non può più scivolare nella corsa al titolo della specialità, che ancora domina Alexis Pinturault, gli restano ancora due colossi a marzo per sfruttare la sua forma e concludere la sua stagione. Avvicinandosi ai trent’anni, lo sciatore di Isola 2000 è maturato e si sta dando una nuova prospettiva di vita, tornando finalmente sulla giusta strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *