A cosa serviva questo muro millenario rinvenuto in Perù?

A cosa serviva questo muro millenario rinvenuto in Perù?

Nel mezzo del deserto nel nord del Perù si trova un antico muro lungo una decina di chilometri eretto dal popolo Chimo, un’antica civiltà precolombiana che fiorì nella zona tra il IX e il XV secolo. Perché costruire un simile edificio? Uno studio recente potrebbe aver trovato la risposta.

Molti archeologi hanno suggerito che il muro, noto come Muralla La Cumbre, situato vicino a Trujillo, sia stato costruito dal popolo Chimú per proteggere le loro terre da Invasioni Inca.

Ricorda, i Chimús erano una civiltà distinta che esisteva prima dell’espansione dell’Impero Inca. Avevano il loro regno e la loro cultura nella regione costiera del Perù. Ovviamente, i due popoli non erano d’accordo. Alla fine, l’Impero Inca, guidato dall’imperatore Inca Pachacutic, iniziò un’aggressiva espansione territoriale nel XV secolo, conquistando e assimilando molti popoli e regni vicini, inclusi i Chaimos.

Tuttavia, una nuova ricerca conferma la teoria che il muro di terra che lo circonda dieci chilometri Attraverso il deserto, Beni L Respingi devastanti inondazioni Durante le fasi più umide del ciclo climatico nel nord del Perù. Queste fasi sono conosciute oggi come El Niño. Come promemoria, questo fenomeno è un ciclo climatico regolare caratterizzato da cambiamenti periodici delle temperature superficiali dell’oceano e delle correnti oceaniche a livello Pacifico equatorialeche ha influenza sui modelli meteorologici globali.

Conseguenze di El Niño in Perù

Anche se El Niño provoca siccità in altre parti del mondo, in Sud America e soprattutto in Perù, è spesso causato dalle acque calde dell’Oceano Pacifico tropicale. Le precipitazioni sono aumentate. Questi, a loro volta, possono causare alluvioni e frane. Naturalmente, tutti questi eventi sono spesso devastanti, soprattutto per le colture che possono essere danneggiate o danneggiate.

READ  Gli scienziati hanno identificato una nuova classe di esopianeti - RT in russo

I ricercatori ritengono che le inondazioni legate a El Niño si siano verificate per migliaia di anni in Perù. Di conseguenza, avrebbero già rappresentato un serio pericolo per i Chimús, secondo Gabriel Prieto, archeologo dell’Università della Florida e autore principale dell’opera. ” Le precipitazioni annuali in un anno normale sono molto basse nella regione. Non piove quasi per nienteSpiega il ricercatore L Scienza dal vivo. ” Quindi, quando le precipitazioni sono molto elevate, possono causare molti danni“.

L’archeologo e il suo team sono giunti a questa conclusione dopo l’isolamento Strati di sedimenti soggetti a inondazioni solo sul suo lato orientale. Ciò indica che l’edificio è stato costruito per proteggere i terreni agricoli di Shimo a ovest vicino alla costa. Inoltre, il muro è costruito sul corso del fiume Gavin che si esonda durante El Niño. La datazione al radiocarbonio degli strati inferiori rivela anche la presenza del muro Cominciò intorno al 1100Forse dopo una grande alluvione.

Marcatura dei caratteristici strati di sedimenti associati alle inondazioni. Crediti: Progetto archeologico Gabriel Prieto/Huanchaco

Un posto con sacrifici

Gli archeologi hanno già trovato prove di sacrifici di bambini di massa nei siti di Chimo, compresi i resti di 76 vittime a Pampa la Cruz, vicino a Huanchaco, poche miglia a nord-ovest di Trujillo. Secondo loro, è anche possibile che questo evento relative alle inondazioni di El Niño.

Sappiamo che la cultura Chimú prosperò grazie all’agricoltura intensiva. I raccolti venivano irrigati e il bestiame abbeverato da una sofisticata rete di canali idraulici. Possiamo quindi immaginare che un evento come El Niño possa aver causato un tale caos in queste culture che i membri della comunità Chimú sarebbero stati pagati per sacrificare bambini e animali per placare “l’ira degli dei”. Alcune popolazioni degli altopiani peruviani e boliviani ancora oggi sacrificano i lama, strappando loro il cuore prima di bruciarli, proprio per questo scopo. In questo senso, alcuni specialisti suggeriscono che questi sacrifici servissero a “santificare” il sistema agricolo della regione.

READ  Joe Biden soffre del morbo di Parkinson? L'ambiguità della Casa Bianca fa arrabbiare i giornalisti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *