Vino rosso o bianco, sappiamo di più su come lo facevano i romani

Nastasic tramite Getty Images Illustrazione di un’orgia romana (Bacchanalia, Messalina), dove il vino scorreva liberamente.

Nastasic tramite Getty Images

Storia – Il vino era una bevanda popolare nell’antichità, ed era una bevanda molto apprezzata dai romani. Ma all’epoca come lo producevano? Questo è ciò che hanno studiato i ricercatori delle Università di Avignone e Roma.

Per fare ciò, hanno esaminato tre fiaschi di epoca romana, vasi da vino, che sono stati trovati nel 2018 sul fondale marino nell’attuale porto di San Felice Cersio, in Italia. I risultati della loro ricerca sono stati pubblicati mercoledì 29 giugno sulla rivista PIÙ UNO.

Utilizzando tecniche interdisciplinari come la paleobotanica (lo studio delle piante fossili) o l’analisi chimica, i ricercatori hanno scoperto che la pratica vitivinicola italiana in epoca romana consisteva nell’utilizzare vasi impermeabili con uno strato di catrame.

conoscenza antica

Dopo aver esaminato le anfore scoperte in Italia, sono stati trovati vari composti chimici, che vanno da residui di tessuti vegetali a vari granelli di polline. Ciò ha permesso di rilevare la presenza nelle giare di derivati ​​dell’uva e del pino, il che fa pensare che fossero usati per fare il vino.

Nello specifico, i ricercatori ritengono che siano stati utilizzati nei processi di produzione di due tipi di vino, rosso e bianco. Il pino gli permetteva di fare il catrame, che serviva per impermeabilizzare i barattoli, ma anche per aromatizzare le bevande. Questo ha più senso perché altri siti archeologici hanno notato la stessa cosa.

Per produrre vino erano necessarie le importazioni. In effetti, non tutti gli ingredienti erano disponibili localmente. Se il polline dell’uva corrisponde alla specie selvatica della regione, è probabile che il catrame di pino sia stato importato dalla Calabria o dalla Sicilia secondo altre fonti storiche.

approccio multidisciplinare

Sebbene l’analisi chimica abbia identificato vari componenti, è necessaria cautela nell’interpretazione. Ad esempio, è stato trovato acido tartarico, ed è considerato una prova della presenza del vino. Tuttavia, questo composto chimico può provenire anche dal terreno circostante, oppure può essere contenuto in alcuni sacchetti di plastica.

Pertanto questo è un interessante approccio interdisciplinare allo studio delle antiche pratiche culturali dai manufatti. In questo caso, per assicurarsi che i flaconi contenessero effettivamente vino, i ricercatori hanno combinato l’analisi chimica con la paleobotanica.

Questo è ciò che affermano gli autori dello studio: “Utilizzando approcci diversi (…), la conclusione ci ha spinto oltre nella comprensione delle pratiche antiche di quanto sarebbe stato possibile con un unico approccio”.

Vedi anche su HuffPost: il naufragio più profondo trovato nelle Filippine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.