Il ghiacciaio crolla nelle Alpi italiane, uccidendo almeno 6 persone

ITALIA – Un’enorme massa di ghiaccio si è staccata nel pomeriggio di domenica 3 luglio dal ghiacciaio della Marmolada, il più grande delle Alpi italiane, provocando una valanga che ha provocato almeno sei morti e otto feriti, mentre la ricerca dei dispersi è ancora ricercato.

La portavoce dei soccorsi Michela Canova ha detto domenica all’AFP che il bilancio delle vittime, inizialmente cinque morti, era salito a “sei vittime confermate”.

Ha dichiarato che otto dei feriti dovrebbero provare dolore, senza fornire dettagli sulla nazionalità delle vittime. Secondo i media italiani, tra le membra tese portate dalla valanga c’erano cittadini stranieri.

Nota. tramite Reuters Una foto del Soccorso Alpino mostra il punto in cui il ghiacciaio italiano della Marmolada è crollato, il 3 luglio 2022.

Nota. tramite Reuters

Come ha dichiarato sul suo account Facebook il capo della Protezione civile della Provincia del Veneto, Gian Paolo Bottasin, “Scomparsa”. Le operazioni di soccorso avrebbero dovuto riprendere lunedì per me Corriere della Seraquasi venti dispersi sono ancora rammaricati.

Come risultato del cambiamento climatico

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha inviato un messaggio via Twitter con le sue “più sentite condoglianze” alle vittime e alle loro famiglie.

Diversi elicotteri sono stati schierati per partecipare alle operazioni di soccorso e monitorare gli sviluppi della situazione. questa rottura (Vedi le immagini qui sotto) il giorno dopo la temperatura record della sommità del ghiacciaio, dieci gradi.

Il professor Massimo Frisotti ha spiegato all’Afp che il crollo della Marmolada “è una conseguenza delle condizioni meteorologiche attuali, cioè un episodio di caldo precoce coincidente con il problema del riscaldamento globale”. .

READ  Per l'Inghilterra e l'Italia nella finale degli Europei hanno potuto viaggiare 1.000 italiani

“Regina delle Dolomiti”

“Da quanto si può vedere nelle foto, la valanga è stata significativa. Possiamo vedere che c’è una grande quantità di acqua perché lo scioglimento è accelerato sulle Alpi. Abbiamo avuto un inverno molto secco, con una mancanza di precipitazioni di 40- 50% Secondo il ricercatore, le condizioni corrispondono a Ghiacciai presenti con metà agosto, non inizio luglio.

“Una valanga di ghiaccio, ghiaccio e massi è caduta sulla strada di accesso quando c’erano diverse feste serrate, alcune delle quali sono state spazzate via”, ha descritto una portavoce dei soccorsi. “Il numero finale di alpinisti partecipanti non è ancora noto”, ha aggiunto.

Secondo il Dipartimento della Protezione Civile del vicino Veneto, “sono state mobilitate tutte le squadre di soccorso alpino presenti sul territorio”, comprese le unità cinofile.

Il ghiacciaio è crollato nei pressi della zona di Punta Roca, lungo il percorso normalmente intrapreso per raggiungerne la vetta.

Il filmato girato da un rifugio vicino al disastro mostra neve mista a massi che rotolano giù per i pendii della montagna con un fragore. Altre foto scattate da lontano dai turisti sui loro cellulari mostrano la lingua grigia della valanga che spazza via tutto sul suo cammino, senza lasciare scampo agli alpinisti sul suo cammino.

Nelle immagini trasmesse dall’operazione di soccorso nelle Alpi, possiamo vedere i soccorritori che lavorano vicino al luogo del disastro, trasportati in elicottero per trasportare le vittime a valle fino al villaggio di Kanazei, non lontano da dove parte la funivia. in cima all’iceberg.

Il lavoro dei soccorritori è stato particolarmente difficile perché hanno dovuto scavare i corpi dalle inclusioni di ghiaccio misto alle rocce dove si trovavano.

READ  Gastronomia Awards 2021: hai prenotato? , notizie - ristoranti

È stata attivata anche una cellula di psicologi per aiutare i parenti delle vittime. Inoltre, il Soccorso alpino ha attivato un numero verde per consentire di informare le persone che non hanno avuto notizie dei parenti che hanno effettuato un’escursione sul ghiacciaio.

Il ghiacciaio della Marmolada, soprannominata la “Regina delle Dolomiti”, è il più grande ghiacciaio di questa catena montuosa del nord Italia, parte delle Alpi. Situata in Trentino, genera il fiume Aficio e si affaccia sul Lago di Vidaia.

Vedi anche su HuffPost: La NASA afferma che l’acqua oceanica sta sciogliendo i ghiacciai almeno quanto l’aria calda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.