All’Eurovision, Mika sarà il maestro delle cerimonie nonostante le sue critiche

Francesco Brandoni via Getty Images Mica, qui nel 2021 a Milano, è uno dei maestri dei festeggiamenti a Eurovision 2022.

Francesco Brandoni via Getty Images

EUROVISION – A cento giorni dall’Eurovision, sono stati svelati i nomi dei Signori e della Dama delle Cerimonie. Gli organizzatori hanno annunciato, mercoledì 2 febbraio, che la cantante italiana Laura Puccini, la cantante anglo-libanese Mica e il personaggio televisivo italiano Alessandro Cattelan ospiteranno la competizione canora di quest’anno 2022.

L’annuncio è arrivato dal palco del Festival di Sanremo. I tre futuri presentatori hanno iniziato il conto alla rovescia per la competizione, che si terrà a Torino dal 10 al 14 maggio.

“Credo nel riunire le persone abbattendo i muri che ci separano per celebrare ciò che abbiamo in comune e le nostre differenze. Puoi farlo attraverso la musica, che è la forma di espressione più universale”, ha affermato Mika, che ha affermato ha seguito l’Eurovision fin dall’infanzia.Ex allenatore di The Voice: “Una volta all’anno, più di 40 paesi provano le stesse sensazioni indipendentemente dalla storia o dalle situazioni politiche”.

Tuttavia, a Mika non è sempre piaciuto il concorso canoro europeo. Nel 2015 ha dichiarato la sua solita franchezza alla radio RTL: “La maggior parte delle canzoni in Eurovision sono vergognose. Questa è una sciocchezza! “Il cantante BFM TVha anche detto con un tocco di umorismo: “Fa parte del gioco, devi inventare canzoni fantastiche”.

Con Laura Bossini e Alessandro Cattelan

Tuttavia, secondo il canale di notizie, a Mica è stato chiesto quattro volte di rappresentare il Regno Unito. Ha risposto negativamente quattro volte. Sette anni dopo, al contrario, disse: “Molto orgoglioso e orgoglioso” di essere il maestro di cerimonie.

READ  Questo studio italiano analizza le implicazioni politiche dell'intrattenimento televisivo | Guarda la trama

Eurovision è uno degli spettacoli più visti al mondo con oltre 200 milioni di telespettatori.

“Sono felice di riavere l’Eurovision in Italia e sono onorata di presentare un evento del genere”, ha dichiarato Laura Pausini.

L’Italia ospiterà la 66a edizione di questa competizione dopo aver vinto lo scorso anno a Rotterdam i rocker italiani, vestiti di pelle di Maneskin. Questa sarà la terza edizione italiana di Eurovision, dopo Napoli nel 1965 e Roma nel 1991.

Vedi anche su L’HuffPost: Måneskin ci ha fatto ascoltare il rock francese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.