VelaGP. Gran Premio d’Italia a Taranto questo fine settimana

Il team SailGP Gran Bretagna presentato da INEOS guidato da Sir Ben Ainslie e il team SailGP Francia guidato da Billy Besson hanno quasi mancato mentre il team SailGP Spagna co-guidato da Florian Trittel e Phil Robertson segue da vicino durante il Bermuda SailGP presentato da Hamilton Princess, Evento 1 Stagione 2 a Hamilton, Bermuda. 23 aprile 2021. Foto: Simon Bruty per SailGP. Immagine del documento fornita da SailGP


Il secondo appuntamento stagionale si svolge a Taranto questo fine settimana. Una reunion tanto attesa dopo uno spettacolare inizio di stagione alle Bermuda che ha visto il francese salire sul terzo gradino del podio.

Al di là di queste velocità che qualche anno prima sembravano irraggiungibili in barca a vela, c’è la regata. E il primo atto ha dimostrato che il gioco era molto aperto. Vincitore alle Bermuda, l’inglese guidato dal pluricampione Sir Ben Ainslie ha vinto solo una delle cinque regate in flotta prima di aggiudicarsi la finale. Gli australiani di Tom Slingsby, già dominanti nella stagione 1, sono stati i migliori nel conteggio, ma hanno chiuso sul secondo gradino. Gli spagnoli, esordienti in questa stagione, hanno mostrato un grande potenziale. In cima alla classifica, ci aspettavamo i recenti vincitori della Nuova Zelanda dell’America’s Cup, anche loro nuovi entranti. Ma i prodigi Peter Burling e Blair Tuke non sono riusciti a fare meglio del quinto posto. Per quanto riguarda i giapponesi e gli americani, una collisione ha messo fine alle loro ambizioni.

L’ottima sorpresa è arrivata dal team francese di Billy Besson. Non molto fiduciosi prima di partire perché faticavano a navigare a bordo della loro barca, hanno corso regate pulite e solide, permettendo loro di raggiungere la finale per il 3° posto. Cosa ha funzionato bene? “È un insieme, risponde il timoniere Billy Besson. Abbiamo avuto condizioni piuttosto dure con il vento e abbiamo visto che poteva diventare pericoloso con altre due squadre in acqua. La nostra strategia era quindi quella di rimanere concentrati… su noi stessi. Abbiamo fatto la nostra regata. E poi uno dei punti cardine è che siamo riusciti a fare delle “gare aeree”, cioè l’intera regata in volo, cosa che non eravamo mai riusciti a fare prima…”

READ  Joest Racing torna alla 24 Ore di Le Mans con Glickenhaus

Alcuni cambiamenti all’interno degli equipaggi
Particolarmente atteso è quindi il Gran Premio d’Italia che inaugura 5 mesi di gare in Europa. Inglesi, americani, australiani, danesi, spagnoli, francesi, giapponesi e neozelandesi avranno solo poche ore di allenamento prima di tornare alle competizioni e alle velocità supersoniche del loro monotipo. Sabato e domenica pomeriggio sono in programma sei regate, le prime cinque in flotta prima della finale a tre.

SailGP è un campo internazionale senza rivali, che riunisce i migliori velisti del pianeta: 80 titoli mondiali e 14 medagliati olimpici, alcuni dei quali sono in dirittura d’arrivo prima degli eventi velici delle Olimpiadi di Tokyo che inizieranno il 26 luglio. Lasciano quindi temporaneamente SailGP per partire alla conquista del loro sogno olimpico. È il caso di Jason Waterhouse, controllore di volo sulla barca australiana, sostituito da Ed Powys. Già medaglia d’argento a Rio, Waterhouse rappresenterà ancora una volta il suo paese in Nacra17. I neozelandesi Peter Burling e Blair Tuke, che raccoglieranno il loro secondo oro olimpico nel 49er, lasciano il posto rispettivamente ad Arnaud Psarofaghis, specialista svizzero in macchine volanti e Jason Saunders (NZL) che ha gareggiato ai Giochi Olimpici in 470 e Nacra17. Trattenuto da altri impegni, Ben Ainslie sarà sostituito al timone dal medagliato olimpico e due volte campione del mondo di falene sventatrici Paul Goodison.

Questi cambiamenti avranno sicuramente un impatto significativo sullo svolgersi di questo secondo atto. A meno che non siano le previsioni del tempo che per il momento annunciano venti deboli.

I francesi vogliono rimanere coscienziosi e mantenere la calma
Da parte francese nessuna modifica riguardante la composizione del bordo *. La squadra è arrivata ieri in Italia. Posto in 24 ore di quarantena, il tempo per ricevere il risultato del loro test PCR sul posto, entreranno nella loro bolla – letteralmente e figurativamente. “Il nostro leitmotiv, il nostro obiettivo, è sempre lo stesso: rimanere concentrati su di noi, sulla nostra barca. Nelle altre squadre, alcuni inizieranno sicuramente ad arrabbiarsi come gli americani oi giapponesi che hanno una vendetta da prendersi. C’è spazio per tutti in queste regate, tutti vogliono vincere e non vale niente. Ci sono solo campioni sulla linea di partenza! In effetti, devi davvero essere forte sulle basi per iniziare con un buon inizio. Perché prendere la prima boa da raggiungere in testa rende le cose molto più facili! Soprattutto, non dobbiamo emozionarci o dare per scontato il palcoscenico delle Bermuda. Non abbiamo ancora il controllo totale. La nostra ambizione è quella di spostarci verso l’alto mentre andiamo “, continua Billy.

READ  Roland Garros, Sinner combatte e si inchina a Nadal (ma impressiona tutti)

Sport, ma non solo…
SailGP è puro sport. Ma non solo. Con Race for the Future, il circuito ha intrapreso una vasta impresa di sviluppo per l’ambiente, la diversità e i giovani. Questi tre pilastri si basano su un elenco di azioni concrete che l’organizzazione ei team si impegnano a realizzare. Passare all’energia pulita entro il 2025, aumentare le azioni a favore dell’ambiente su scala globale ma anche locale sul luogo degli eventi, includere le atlete nelle squadre e sensibilizzare i giovani corridori. In questo spirito, a Taranto viene attuata una strategia specifica. Misure concrete sono adottate da tutte le squadre intorno alla loro presenza a Taranto per ridurre significativamente il loro impatto. In acqua è allestita un’operazione di sorveglianza dei mammiferi marini per osservare, monitorare e proteggere la loro eventuale presenza nell’area di gara. Nei siti tecnici e sportivi, tutti i generatori saranno alimentati da HVO (olio vegetale idrotrattato) che emette il 90% in meno di carbonio rispetto al carburante standard. Anche i generatori ibridi saranno alimentati in parte da pannelli solari in loco. Infine, più in generale, SailGP ha unito le forze con l’Università di Bari e l’Istituto Italiano per la Ricerca Marina per piantare pioppi in un’area vicino alla laguna. Anni di discarica abusiva di rifiuti da parte dei processi industriali locali, infatti, hanno determinato un notevole inquinamento del suolo e dei corsi d’acqua nei terreni circostanti la Laguna del Mar Piccolo a Taranto. Piantare questi alberi aiuterà ad assorbire le tossine dal suolo e dalle acque sotterranee proteggendo l’ambiente marino. Gli alberi cattureranno anche l’anidride carbonica contribuendo alla lotta contro il cambiamento climatico.

READ  La perforazione geotermica fallisce - Super vulcano in Italia - Meteo

Promemoria della classifica generale provvisoria dopo il Gran Premio delle Bermuda:

  1. Gran Bretagna / Ben Ainslie / 10 punti
  2. Australia / Tom Slingsby / 9 punti
  3. Francia / Billy Besson / 8 punti
  4. Spagna / Phil Robertson / 7 punti
  5. Nuova Zelanda / Peter Burling / 6 punti
  6. Danimarca / Nicolai Sehested / 5 punti
  7. Giappone / Nathan Outteridge / 4 punti
  8. Stati Uniti / Jimmy Spithill / 3 punti

Squadra velica atleti:
Billy Besson / timoniere
François Morvan / controllore di volo
Leigh McMillan / Regolazione dell’ala
Olivier Herledant / verricello
Matthieu Vandame / verricello
Timothé Lapauw / verricello

Selezione femminile degli atleti:
Helene Noesmoen
Amelia Riou

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *