Un satellite da ricognizione militare francese lanciato con un missile Soyuz – Spaceflight Now

Il missile Soyuz ST-A lanciato dalla sua rampa di lancio nella Guyana francese dalla sonda CSO 2. Credito: ESA / CNES / Arianespace – Photo Optique Video du CSG – P. Piron

Un satellite da ricognizione ottica dell’esercito francese è partito martedì dalla rampa di lancio Soyuz, pilotando il missile di fabbricazione russa da uno spazioporto tropicale in Sud America a un’orbita polare alta 300 miglia per iniziare una missione di 10 anni per osservare il globo.

Il satellite spia francese CSO 2 si unisce a CSO 1, un veicolo simile lanciato nel 2018, per continuare a sostituire la famiglia Helios di satelliti da ricognizione dell’esercito francese negli anni ’90 e 2000.

Il nuovo dispositivo spia militare ha lanciato un missile Soyuz ST-A alle 11:42:07 EDT (1642: 07 GMT) dal Centro spaziale della Guyana in Sud America gestito dall’Europa. Il lancio è avvenuto alle 13:42 ora locale in uno spazioporto nella Guyana francese.

La missione è stata ritardata di oltre otto mesi a causa di ritardi causati principalmente dalla pandemia di coronavirus e la missione ha consegnato con successo la navicella CSO da 7,852 libbre (3.562 kg) su un’orbita di destinazione a circa 300 miglia (480 km) sopra la Terra.

I quattro booster del primo stadio alimentati a cherosene si sono chiusi nel lanciatore Soyuz e sono caduti dal razzo circa due minuti dopo il decollo, seguiti dalla separazione della copertura del carico utile della Soyuz dallo stadio primario. Il motore del terzo stadio è stato quindi lanciato e quindi ha lanciato uno stadio superiore Fregat russo per bruciare un paio di motori per mettere in orbita il veicolo spaziale CSO 2 appropriato per il dispiegamento.

I team di terra nella Guyana francese hanno confermato la separazione del satellite CSO 2 per circa un’ora, mentre il veicolo spaziale ha sorvolato una stazione di terra dell’Agenzia spaziale europea in Australia.

“Ha svolto il lavoro perfettamente”, ha affermato Stephane Israel, CEO di Arianespace, la società francese che sta supervisionando il lancio delle sue operazioni nella Guyana francese.

“È un momento davvero commovente e una grande notizia per le forze armate francesi”, ha detto Caroline Laurent, Direttore dei sistemi orbitali al CNES, l’Agenzia spaziale francese, partner dell’esercito francese nel programma CSO. “Personalmente, penso che sia il miglior satellite per l’osservazione della Terra al mondo”.

La sonda CSO 2 è impostata per fornire le immagini di osservazione della Terra con la più alta risoluzione mai prodotte da un satellite europeo. Le prime immagini di CSO 2 dovrebbero essere inviate circa due settimane dopo il lancio, secondo Loran.

READ  Un nuovo studio suggerisce che non siamo (mai) soli nello spazio

“Abbiamo lanciato un fantastico satellite”, ha detto il maggiore generale Michel Friedling, capo del comando spaziale francese. “Produrrà immagini di straordinaria qualità. Non vediamo l’ora. I nostri militari sono dietro le loro scrivanie in attesa di queste immagini”.

Credito: ESA / CNES / Arianespace – Photo Optique Video du CSG – P. Piron

CSO 2 è il secondo satellite a unirsi al Composante Spatiale Optique, o CSO, delle piattaforme di ricognizione orbitanti dell’esercito francese.

Il satellite francese CSO 1 È stato lanciato su un missile Soyuz nel dicembre 2018Il terzo e ultimo satellite CSO sul nuovo missile Ariane 6 dovrebbe essere lanciato in Europa nel 2022.

Mentre CSO 1 è stato lanciato in orbita a un’altitudine di 500 miglia (800 km), la sonda CSO 2 vola a 200 miglia (circa 300 km) vicino alla Terra. In orbita, il satellite catturerà immagini più chiare dei pianificatori militari francesi e degli analisti dell’intelligence.

I satelliti CSO sostituiscono la famiglia francese HELIOS di satelliti di sorveglianza militare e, più recentemente A bordo di un missile Ariane 5 nel 2009.

I nuovi satelliti CSO vantano capacità di imaging globali migliori rispetto ai loro predecessori Helios e possono acquisire più immagini in un unico passaggio più in alto rispetto agli Helios spysat, secondo il Ministero delle Forze Armate francese.

Si dice che i satelliti CSO abbiano una precisione di circa 14 pollici, o 35 cm, da un’orbita di 500 miglia. Da basse altitudini di 300 miglia, la risoluzione di CSO 2 dovrebbe essere migliore di 8 pollici, o circa 20 cm. Per fare un confronto, il nuovo satellite commerciale Earth View Legion sviluppato da DigitalGlobe ha una risoluzione di 11,4 pollici o 29 cm.

Le capacità di imaging dei satelliti spia del governo degli Stati Uniti sono state classificate.

Satellite di ricognizione CSO 2 dell’esercito francese, con un cappuccio sopra il suo telescopio ottico. Credito: Arianespace

Il Centro nazionale per gli studi spaziali ha dichiarato sul suo sito web che posizionare il satellite CSO 2 in orbita bassa gli consente di “fornire immagini con il massimo livello possibile di accuratezza, qualità e accuratezza analitica”.

La migliore qualità delle immagini di CSO 2, che vola nella sua orbita inferiore, rende il nuovo satellite adatto per seguire le osservazioni di altri satelliti della flotta. CSO 2 può aiutare a identificare i bersagli e rivelare informazioni invisibili ai satelliti in orbite più alte, che hanno un campo visivo più ampio.

READ  I semi coltivati ​​nello spazio offrono preziose opportunità

Nella sua orbita a bassa quota, il CSO 2 può individuare i dettagli del veicolo, secondo Nadej Roussel, capo ingegnere delle armi presso DGA, l’agenzia di approvvigionamento dell’esercito francese.

“Questo livello di dettaglio è una vera risorsa operativa e le sue prestazioni rendono questo sistema unico in Europa”, ha affermato.

I tre satelliti CSO sono identici, a parte una modifica nel fuoco dello strumento ottico su CSO 2 per consentirgli di catturare immagini da bassa quota, secondo Pierre Emmanuel Martinez, Direttore del satellite CSO 2 al CNES.

Secondo le autorità francesi, la flotta di satelliti spia CSO di nuova generazione costa al governo francese più di 1,5 miliardi di dollari, compresi i costi per veicoli spaziali, lancio e aggiornamenti del sistema di terra. Il programma è finanziato da DGA e l’agenzia spaziale francese CNES è responsabile dei test in orbita, delle operazioni sui satelliti, dell’approvvigionamento di veicoli spaziali e dei servizi di lancio.

Concept artistico di due satelliti CSO in orbita. Credito: DGA

Funzionari hanno detto che il governo francese ha stipulato accordi per condividere immagini visive dai satelliti dell’organizzazione della società civile con i governi di Germania, Svezia, Belgio e Italia. In cambio, l’esercito francese riceve immagini dai satelliti di sorveglianza radar tedeschi e italiani, progettati per la sorveglianza diurna e notturna e in tutte le condizioni meteorologiche, e l’accesso a una stazione di terra in Svezia.

I satelliti CSO forniranno anche alle agenzie di intelligence e agli ufficiali militari immagini diurne o notturne in distanze visibili e infrarosse. La capacità di imaging a infrarossi è un miglioramento rispetto alla flotta HELIOS, un aggiornamento consentito dall’introduzione di sistemi di raffreddamento criogenici per raffreddare i rivelatori a infrarossi sui satelliti CSO.

Ogni navicella spaziale CSO ha una capacità di guida agile, che consente una guida rapida da bersaglio a bersaglio e consente visualizzazioni da diversi punti di vista per i prodotti di sorveglianza stereoscopica 3D.

Funzionari francesi hanno affermato che le immagini di ricognizione dai satelliti CSO sono utili per ottenere informazioni su aree inaccessibili, valutare la forza delle forze militari nemiche e identificare i civili nelle vicinanze del campo di battaglia. Le immagini possono aiutare a preparare piani per attacchi aerei, determinare le coordinate per la guida missilistica, evitare danni collaterali ai civili e consentire ai comandanti di valutare l’efficacia degli attacchi confrontando le immagini scattate prima e dopo l’operazione militare.

READ  Un asteroide potrebbe entrare in collisione con la Terra presto!

Il satellite CSO 2 dispone anche di una nuova capacità di controllo dell’orbita autonomo, che consente al veicolo spaziale di mantenere la sua altitudine e contrastare le nuvole atmosferiche utilizzando rapide ustioni delle difese a bordo. Il satellite può condurre manovre autonome sull’oceano ed essere pronto a riprendere le operazioni di imaging una volta tornato sulla terra, secondo i militari francesi.

I tre satelliti CSO sono stati costruiti da Airbus, utilizzando strumenti di imaging ottico prodotti da Thales Alenia Space. Il CNES controlla i satelliti da un centro a Tolosa, in Francia, e l’esercito francese riceve immagini in una base aerea a Creil, in Francia.

Un militare francese analizza un’immagine satellitare. Credito: Arianespace / DGA

Airbus ha vinto il contratto per la costruzione di satelliti per le organizzazioni della società civile nel 2010 e il governo francese ha accettato di costruire un terzo satellite per le organizzazioni della società civile dopo che la Germania si è impegnata ad aderire al programma nel 2015.

“Fornendo la capacità di monitoraggio più moderna ed efficiente per la sicurezza dei nostri cittadini, nonché la sovranità e l’indipendenza di Francia ed Europa, CSO è un vero punto di svolta in termini di precisione, complessità, sicurezza della trasmissione, affidabilità e disponibilità: solo Jean-Marc Nasr, capo dei sistemi spaziali di Airbus, ha dichiarato:” Due paesi possono rivendicare Tale capacità. “

“Oggi celebriamo il lancio di CSO 2, che include la più potente ‘telecamera spaziale’ mai prodotta in Europa”, ha affermato Herve Derry, Presidente e CEO di Thales Alenia Space. “Siamo molto orgogliosi di aver costruito il suo teleobiettivo e l’elettronica, i cervelli dei satelliti. Per sviluppare questo strumento, abbiamo richiesto l’intera gamma della nostra esperienza nella costruzione di strumenti ottici per i sei satelliti delle famiglie Helios 1, Helios 2 e Pleiades, che ci ha permesso di offrire uno strumento con prestazioni senza rivali. “.

Invia un’email all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: Incorpora un Tweet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *