La “meteora” caduta in Francia non lo era, come decidono i ricercatori

La “meteora” caduta in Francia non lo era, come decidono i ricercatori

C’erano alcuni dubbi sulla sua origine, ma l’analisi di una piccola roccia che ha fatto un buco nel tetto di un’auto nel nord-est della Francia la scorsa settimana ha chiarito: non si è trattato della caduta di un meteorite, come abbiamo appreso mercoledì. .

• Leggi anche: Francia: un meteorite responsabile di un buco nel tetto dell’auto?

• Leggi anche: Mi sono scontrato con un meteorite mentre bevevo il caffè

“Le osservazioni ottiche, così come le analisi, consentono di confermare che la roccia analizzata non fa parte di un meteorite”, ha affermato in un comunicato stampa la Scuola e Osservatorio di Scienze della Terra (EOST), che ha condotto questi studi.

Il 20 novembre i vigili del fuoco sono stati chiamati a intervenire per “fumo proveniente da un’auto” parcheggiata in una zona periferica di Strasburgo, nel nord-est della Francia.

“Dopo la ricognizione della prima squadra, sospettiamo la caduta di un oggetto astrale”, hanno scritto nel rapporto di intervento.



Foto dell’Agenzia France-Presse

Ma fin dalla prima osservazione con una lente d’ingrandimento, i ricercatori hanno notato che “la roccia, che ha una dimensione media di 1,5 cm, non mostra nessuna delle caratteristiche di un meteorite”, osserva EOST.

Ulteriori studi dimostreranno che la roccia analizzata è arenaria, cioè una roccia terrestre “composta da molteplici cristalli di diversa natura (quarzo, ortoclasio, albite, pirite), tutti parzialmente ricoperti da filamenti cristallini di idrocarburi (bitume o gasolio)”.

EOST ha anche analizzato i dati sismici provenienti dalle stazioni permanenti della zona. Non è stato rilevato alcun segnale chiaro che possa essere collegato all’ingresso del meteorite nell’atmosfera.

READ  Gli scienziati hanno identificato una nuova classe di esopianeti - RT in russo

I ricercatori sottolineano nel loro comunicato stampa che la probabilità che un meteorite colpisca un’auto è “molto bassa”. “C’è stato un solo caso provato dall’invenzione dell’automobile, nel 1992 a Bexhill, negli Stati Uniti.”

I ricercatori sottolineano inoltre che questa probabilità è “molto inferiore alla probabilità che un blocco di ghiaccio cada da un aereo”.

Guarda anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *