Secondo questo studio, ascoltare musica può ritardare l’invecchiamento

Secondo questo studio, ascoltare musica può ritardare l’invecchiamento

Nel corso del tempo, il nostro corpo e le nostre capacità cognitive si deteriorano. D’altro canto, per alcune persone il processo di invecchiamento appare più lento. Poi i ricercatori spagnoli hanno voluto capire cosa si nasconde dietro questo fenomeno.

Inoltre, secondo Nazioni Unite,La percentuale di persone con più di 65 anni nel mondo dovrebbe essere presente 16% entro il 2050. Questa tendenza dà un peso crescente alla questione “Come si invecchia in modo sano?” I risultati confermano che le persone che invecchiano più lentamente si impegnano regolarmente in attività stimolanti come Camminare, fare giardinaggio, salire le scale o ascoltare musica.

I risultati sono stati pubblicati in Longevità della salute di Lancet.

Le persone anziane avevano più materia grigia

Ecco perché il professor Christian Gasser e il suo team dell’Ospedale universitario di Jena hanno condotto lo studio attuale. Per fare questo, concentrati su ciò che fa la differenza Tra gli anziani e gli anziani. Chiamano gli anziani tra gli 80 anni e quelli con disturbi motori e cognitivi. Gli anziani, invece, sono persone della stessa età, ma si muovono più velocemente e hanno ancora capacità cognitive Simile a quello vissuto da un uomo di 30 anni.

121 persone Ha partecipato allo studio, che è una delle più grandi osservazioni su questo argomento fino ad oggi. I ricercatori hanno esaminato la struttura del cervello nel tempo. I risultati indicano che le persone anziane ne hanno una quantità maggiore Una grande quantità di materia grigia Nelle aree associate alla memoria. Questa materia grigia si degrada più lentamente nelle persone anziane nel corso dei cinque anni studiati. Ciò ha fornito ai ricercatori informazioni cruciali sul meccanismo.

“Mi sembra logico che le persone che riescono a mantenere questo livello funzionale (velocità di camminata, forza, attività) saranno più resistenti e in qualche modo protette dal declino cognitivo, dall’ansia e dalla depressione, che tendiamo a notare più avanti nella vita.”

Cristiano Jacir

Vedi anche: secondo questo studio la taurina può ritardare l’invecchiamento

READ  Perché gli scienziati vogliono che i minuti durino 59 secondi

Attività stimolanti e buon sonno

Gli scienziati hanno utilizzato la tecnologia di apprendimento automatico per analizzare i dati. Secondo i risultati, gli anziani si distinguono non solo per le loro eccezionali capacità cognitive, ma anche per le loro capacità Migliore salute mentale e maggiore mobilità. In questo gruppo, infatti, sono stati osservati tassi più bassi di ansia e depressione. Tuttavia, lo studio sottolinea che non dimostra una relazione causale diretta tra salute mentale e funzione della memoria.

Il professor Gasser ne ha quindi sottolineato l’importanzaVita attiva Attività stimolanti, ad es Suona uno strumento musicale. Questo gruppo ha anche riferito una maggiore soddisfazione per il sonno dopo la quarantena.

“Una migliore capacità cognitiva può consentire agli anziani di essere più attivi e impegnati. Credo che l’impegno attivo dovrebbe essere parte integrante dello stile di vita di una persona per ottenere il massimo dalla sua qualità di vita nell’assistenza sanitaria.

Sebbene questi risultati siano impressionanti, lo studio ne riconosce i limiti, inclusi fattori genetici complessi che possono influenzare un invecchiamento più lento. I ricercatori sottolineano poi la necessità di studi più approfonditi e di analisi su un campione più ampio di partecipanti.

BuzzWebzine è un mezzo di comunicazione indipendente. Sostienici aggiungendoci ai tuoi preferiti su Google News :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *