Un compleanno come mai prima d’ora in tutto il mondo, un periodo di reclusione

Nella Basilica della Natività, un piccolo numero di fedeli e sacerdoti ha celebrato la messa di mezzanotte, cercando un po ‘di “luce” dopo un anno di “buio”. KEYSTONE / AP / Abdel Hashlamoun sda-ats

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 dicembre 2020-17:04

(Keystone-ATS)

Tra la folla in piccoli gruppi, piccole o famiglie separate, i soliti festeggiamenti vietati, l’edizione del Natale 2020 sarà un anno ricco di rischi e limitazioni. Il principale barlume di speranza è l’arrivo dei vaccini.

Venerdì, papa Francesco ha detto nel suo tradizionale messaggio natalizio, trasmesso in video al posto delle solite apparizioni nella loggia del Palazzo Apostolico, che il mondo più che mai “ha bisogno della fratellanza”.

“In questo momento storico, segnato dalla crisi ambientale, e dai gravi squilibri economici e sociali aggravati dall’epidemia di coronavirus, abbiamo più che mai bisogno della fratellanza”, ha detto la persona che presiede oltre 1,3 miliardi di persone. Cattolici nel mondo.

Un appello alla solidarietà

Ha chiesto solidarietà “soprattutto nei confronti delle persone più vulnerabili e malate e di tutti coloro che si sono trovati in questo periodo senza lavoro o in grandi difficoltà per le conseguenze economiche dell’epidemia. Donne che hanno subito violenze domestiche durante mesi di reclusione”.

Giovedì sera, si è lamentato del fatto che molti credenti, “assetati di divertimento, successo e mondo”, “sono spesso analfabeti nella gentilezza”.

Infine, in questo giorno che segna la nascita di un bambino, ha sottolineato che i volti dei bambini di Siria, Iraq e Yemen che “stanno pagando il pesante prezzo della guerra” dovrebbero “scuotere le coscienze degli uomini”.

Corona virus

Il coronavirus ha ucciso più di 1,7 milioni di persone sul pianeta, e le fonti di inquinamento che ancora compaiono ci ricordano che nonostante l’arrivo dei primi vaccini, la vita non tornerà presto al suo corso normale.

Le onnipresenti restrizioni in atto per affrontare un virus che sembra non voler cedere lasceranno quest’anno foto senza precedenti del Natale.

Certo, papa Francesco ha celebrato la messa la vigilia di Natale come ogni anno nella gigantesca Basilica di San Pietro a Roma, che può ospitare migliaia di fedeli. Ma erano solo 200 giovedì sera, credenti mascherati, e la maggior parte di loro erano impiegati del Vaticano.

Giovedì sera, piazza Saint-Pierre, illuminata da un enorme albero di Natale, era completamente deserta. Giovedì gli italiani hanno già iniziato a contenere le vacanze, nel Paese più colpito in Europa dal virus, uccidendo quasi 71mila persone.

Svuotamento di Betlemme

Nella tradizione cristiana, la messa della vigilia di Natale commemora la nascita di Gesù di Nazaret a Betlemme.

Ma anche a Betlemme il virus è presente, e nella Basilica della Natività solo pochi fedeli e sacerdoti hanno celebrato la messa di mezzanotte, cercando un po ‘di “luce” dopo un anno di “oscurità”.

La Germania ha dovuto cancellare i suoi famosi mercatini di Natale mentre in Kuwait le chiese sono state chiuse fino al 10 gennaio nonostante la presenza di una numerosa comunità cristiana e una campagna di vaccinazioni. È iniziato lì.

In Spagna, Covid non ha impedito alla tradizionale Nadal Cup (Coppa di Natale) di organizzare una gara di nuoto nel porto di Barcellona.

Musulmani e cristiani si sono mescolati

A Qamishli, nella Siria nord-orientale controllata dai curdi, i residenti hanno ignorato la pandemia e hanno partecipato in gran numero a una cerimonia di accensione degli alberi in un quartiere cristiano.

Nella folla c’erano più cappelli natalizi che maschere. Musulmani e cristiani mescolati con dabka che ballano sulla musica tradizionale davanti all’albero luminoso.

In Iraq, i volontari della Transformation Society sono venuti per portare migliaia di cartoline di Natale e auguri da tutte le regioni del Paese a Qaraqosh, città cristiana terrorizzata dallo Stato islamico jihadista.

Bloccato a Dover

Lontano, migliaia di camionisti europei hanno trascorso il capodanno in condizioni squallide, bloccati intorno al porto di Dover, nel Regno Unito, mentre il paese emerge lentamente dall’isolamento che la sua terra ha causato. Un nuovo ceppo del virus.

Negli Stati Uniti, dove il virus Covid-19 continua a devastare, anche la vigilia di Natale è stata segnata dalla pandemia. Ancorato nel suo club a Mar-a-Lago, in Florida, il presidente uscente Donald Trump, sempre più isolato nella sua crociata per cercare di invertire la vittoria presidenziale di Joe Biden, ha annunciato i suoi desideri di fine anno su Twitter, tra tweet che denunciavano “frode” e elezioni “fraudolente” senza Prova.

READ  Samsung sta migliorando le funzioni di controllo vocale sui suoi Smart TV - Samsung International Newsroom

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *