SS: I docenti ZIM espulsi hanno rifiutato la richiesta di ritirare il loro caso

SS: I docenti ZIM espulsi hanno rifiutato la richiesta di ritirare il loro caso

di GroundUp


Sud Africa: quattro docenti immigrati licenziati dal Port Elizabeth Technical and Vocational Education and Training College hanno respinto la richiesta del college di ritirare il loro caso.

Mercoledì scorso, il tribunale del lavoro di Jiqiberha ha rinviato il caso al 14 marzo per dare agli avvocati dei docenti abbastanza tempo per studiare i documenti.

I quattro, tre dello Zimbabwe e uno del Ruanda, insegnano ingegneria da diversi anni. L’amministrazione del college ha scritto lettere il 12 gennaio informandoli che sarebbero stati chiusi il 1° febbraio.

Si sono rivolti al tribunale del lavoro che Concessione della quarantena temporanea Hanno messo da parte il loro impiego all’inizio di questo mese. Il tribunale ha ordinato al collegio di comparire dinanzi ad esso il 22 febbraio per fornire le ragioni per non rendere definitivo il confinamento.

I conferenzieri, che sono membri del sindacato nazionale dei lavoratori del servizio pubblico e degli alleati (NUPSAW), hanno detto al giudice Ncumisa Nongogo che il loro sindacato si è finalmente assicurato un avvocato stamattina.

Gli avvocati del college hanno presentato documenti al giudice chiedendo ai docenti di ritirare il caso. Dissero che ai docenti era già stato chiesto di tornare al lavoro; Non vi era alcuna “contenzioso pendente tra le parti” e la questione è stata risolta.

Ma l’addetto al negozio NUPSAW Sangolinye Ngqungwana ha detto che voleva che il giudice emettesse un’ordinanza. Ngqungwana ha detto che il college “non avrebbe dovuto iniziare questa faccenda in primo luogo”.

Ora vogliono che ci ritiriamo. La nostra paura è che se ci dimettiamo… e se i lavoratori tornano al lavoro, potrebbero essere facilmente licenziati di nuovo. Quindi vogliamo qualcosa per iscritto dal giudice che confermi che devono seguire la procedura corretta”.

READ  5 motivi per visitare Anam Cam Ranh

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *