Google: la domanda di viaggi in Malesia ha raggiunto l’83% dei livelli pre-pandemia e il 100% per i viaggi interni | Malaysia

Google ha affermato che il 75% dei viaggi nel sud-est asiatico era destinato alla Malesia e a Singapore. – Foto di Ahmed Zamzahouri

KUALA LUMPUR, 26 aprile – La domanda di viaggi in entrata in Malesia è l’83% di quella del 2019, secondo un rapporto di Google che mostra che il settore dei viaggi del sud-est asiatico è in piena espansione dall’ultimo trimestre dello scorso anno.

Le ricerche di Google hanno mostrato che la domanda di viaggi all’estero dalla Malesia ha raggiunto il 90% dei livelli pre-pandemia a marzo, mentre i viaggi nazionali hanno raggiunto il 100% rispetto a prima.

Nel quarto trimestre [2021] “Stiamo iniziando a vedere che la domanda interna e la domanda internazionale stanno iniziando a crescere mentre i governi abbandonano le restrizioni interne alle frontiere e iniziano a chiudere un occhio sull’idea di viaggiare”, ha affermato Hermione Joy, responsabile dell’area Asia Pacifico di Google per ricerca verticale e viaggio.

“nel mese di marzo [2022] In tutto il sud-est asiatico, abbiamo assistito a una massiccia riapertura delle restrizioni. I governi stanno iniziando a sentirsi più a loro agio con l’idea di viaggiare e la necessità di viaggiare, e la domanda è in aumento.

“La domanda è ora al 97% dei livelli pre-Covid”, ha aggiunto.

Google ha descritto la domanda di viaggi della Malesia come una “moderata ripresa”, rispetto alle vicine Filippine e Indonesia, che avevano una domanda di viaggi interna rispettivamente del 118% e del 105%.

Nel frattempo, i viaggi nazionali in Malesia sono risultati superiori a quelli delle Filippine (90%), della Thailandia (84%) e del Vietnam (80%). Solo Singapore potrebbe eguagliarlo al 100%.

Google ha anche affermato che il 75% dei viaggi all’interno del sud-est asiatico era destinato alla Malesia e a Singapore.

Inoltre, c’è stato un aumento del 400% delle ricerche in Malesia alla ricerca di un’assicurazione di viaggio e un aumento di cinque volte delle ricerche per i requisiti di viaggio, mentre il sud-est asiatico nel suo insieme impiega il 17% in più per pianificare i propri viaggi internazionali.

READ  Salgın yok 3 gün dua edin geçer

I malesi stanno anche cercando “resort all-inclusive” il 120% in più rispetto a prima della pandemia.

“La realtà è che il viaggio richiede più tempo e ci vuole il 20% in più rispetto a prima del Covid per prenotare a causa della logistica in giro [travel].

“Quindi cosa significa questo per il settore? Se puoi contribuire a rendere l’esperienza più fluida per l’utente e il viaggiatore, puoi fidelizzare”, ha affermato Hermione.

La Malesia ha riaperto i suoi confini a tutti i viaggiatori internazionali, indipendentemente dal loro stato di vaccinazione contro il Covid-19, il 1° aprile dopo una chiusura di quasi due anni.

I suoi vicini del sud-est asiatico hanno anche adottato politiche più accoglienti nei confronti dei viaggiatori, come Singapore, che ha riaperto i suoi confini solo ai viaggiatori completamente vaccinati il ​​1° aprile.

Allo stesso modo, la Thailandia, che ha amministrato un permesso di viaggio, ha annunciato che non richiederà ai viaggiatori di sottoporsi al test per Covid-19 all’arrivo dal 1 maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.