Scoperta in Polonia: una protesi di 300 anni fatta di oro e lana rivela cure mediche avanzate nel XVIII secolo

Scoperta in Polonia: una protesi di 300 anni fatta di oro e lana rivela cure mediche avanzate nel XVIII secolo

La medicina storica rivela spesso tesori nascosti che testimoniano l’intuizione e l’ingegnosità delle cure fornite prima dell’era moderna. A Cracovia, nella cripta della Chiesa di San Francesco d'Assisi, gli archeologi hanno scoperto una protesi del palato risalente a quasi 300 anni fa, che dimostra una risposta innovativa alla palatoschisi, una deformità congenita.

La scoperta, guidata da Anna Spink dell'Istituto Herzfeld di immunologia e terapia sperimentale in Polonia, è stata dettagliata in una recente pubblicazione di Giornale di scienze archeologiche: rapporti. Dimostra l’ingegnosità delle cure premoderne e arricchisce la nostra comprensione dello sviluppo medico.

Abito storico e sua scoperta

La protesi palatale è stata rinvenuta nella cripta della Chiesa di San Francesco d'Assisi durante gli scavi del 2017-2018. È un meraviglioso esempio di conoscenza medica del passato. Questa protesi è nota come otturatore palatale. È specificamente progettato per compensare l'assenza di palato duro in una persona con palatoschisi.

È lungo circa 3,1 cm e pesa 5,5 grammi. Questo dispositivo avanzato viene inserito nella cavità nasale. Svolge un ruolo cruciale nel migliorare le funzioni di base come la deglutizione, la respirazione e la parola.

Anna Spinick è stata in prima linea in questa scoperta, sottolineandone non solo l'unicità. In un articolo di Scienza in direttadichiara: “ Questa è forse la prima scoperta di questo tipo non solo in Polonia, ma anche in Europa. Tali dispositivi non si trovano nelle collezioni istituzionali e private (polacche e straniere) “.

Dispositivo protesico prima e dopo il restauro, vista laterale. In (a) oro, in (b) resti di rame, in (c) un cuscino di lana, in (e) la placca che sostituisce il palato duro, legata con una corda in (d). ©A. Spink et al., 2024

Questo commento evidenzia la rarità e l'importanza di questa scoperta. Fornisce uno spaccato delle antiche tecniche mediche che utilizzavano materiali come oro, argento e lana per creare protesi funzionali e biocompatibili. Oltre alla nostra chirurgia all'avanguardia, hanno davvero il potere di cambiare la vita dei pazienti.

READ  I faraoni egizi potrebbero essere uno strano ibrido

Composizione e funzione

L'arto protesico scoperto a Cracovia è una delle conquiste dell'antica ingegneria medica. La sua costituzione imita il più fedelmente possibile la struttura naturale del palato duro. La parte principale di questa protesi è una placca metallica. Sostituisce il palato duro mancante.

In effetti, la palatoschisi è una malformazione congenita in cui il palato duro o il tetto della bocca non si formano completamente durante la gravidanza. Questa assenza crea un'apertura tra la bocca e la cavità nasale. Può influenzare il parlare, la deglutizione e talvolta la respirazione.

Questa piastra metallica è realizzata principalmente in lega di rame. Ma gli archeologi hanno notato un notevole arricchimento con oro e argento. Questi minerali non sono stati scelti a caso.

L’oro e l’argento hanno proprietà antibatteriche, fondamentali per prevenire le infezioni in una zona sensibile come il cavo orale. Inoltre questi materiali nobili garantiscono una certa elasticità e durata alla protesi.

Il secondo elemento di questa protesi è un cuscinetto di lana, fissato ad una piastra metallica. Questa parte della protesi è essenziale. In effetti, aiuta a mantenere la struttura in posizione. Pertanto fornisce una vestibilità sicura e confortevole.

La scelta della lana non è meno strategica dell’oro o dell’argento. Questo materiale morbido e flessibile si adatta delicatamente ai tessuti sensibili della bocca, riducendo il rischio di irritazioni o infezioni. Inoltre, analisi scientifiche hanno rivelato che la lana era impregnata di ioduro d’argento, un composto noto per le sue potenti proprietà antimicrobiche.

Effetti storici e medici

Questo trattamento innovativo indica una comprensione avanzata delle esigenze di sterilizzazione e prevenzione delle infezioni. Per determinare la composizione della protesi, i ricercatori l'hanno analizzata utilizzando un microscopio elettronico a scansione. Quest'ultimo espande notevolmente la superficie del corpo. Hanno anche utilizzato la spettroscopia a raggi X a dispersione di energia, che analizza la composizione chimica del campione.

READ  La siccità colpisce più di 1,8 miliardi di persone in tutto il mondo

A quel tempo i medici, senza accesso alle moderne tecnologie mediche, dovevano mostrare creatività e notevole precisione. Dovevano progettare un dispositivo che fosse efficace, durevole e confortevole per il paziente.

La precisione della protesi indica un'esperienza significativa “, spiega Marta Kuric, dell'Università di Lodz e coautrice dello studio. Sottolinea che la protesi è realizzata con metalli molto sottili e delicati, meno facili da lavorare rispetto ai materiali moderni. Tuttavia, si trovano perfettamente adattati a questo inconveniente.

Le schisi orofacciali includono palatoschisi e labbro leporino. Hanno una prevalenza globale di 1 su 1.000-1.500 nascite nell'era moderna. Ma sono conosciuti da molto tempo. Si dice che l'oratore greco Demostene (384-322 a.C.) avesse la palatoschisi e usasse pietre per colmare la lacuna.

Diverse opere del XVI secolo suggeriscono di utilizzare una miscela di cotone, cera, oro, argento, lana e spugna per chiudere la fessura orofacciale. Questi rari dispositivi erano unici e progettati appositamente dai dentisti.

Spink ha spiegato che questi prodotti sono realizzati con metalli preziosi, quindi solo le persone delle classi sociali più ricche possono permetterseli.

Fonte: A. Spink et al., “Un abito palatale proveniente da ricerche archeologiche presso la Chiesa di San Francesco d'Assisi a Cracovia (Polonia)“, Journal of Archaeological Science: Reports, Volume 54, aprile 2024, 104443

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *