Cosa sappiamo di Pavlopetri, la città sommersa più antica del mondo

Cosa sappiamo di Pavlopetri, la città sommersa più antica del mondo

Situata nelle acque turchesi della Grecia meridionale, Pavlopetri è una città sottomarina risalente a più di 3.500 anni fa e considerata uno dei siti archeologici più importanti e misteriosi dell’età del bronzo. Le rovine di questa antica città sommersa offrono uno spaccato affascinante della vita quotidiana dell’epoca.

Troverete Pavlopetri nella regione del Peloponneso, nel sud della Grecia. Le rovine della città, sommerse a una profondità di circa 3-4 metri, sarebbero state identificate per la prima volta da un geologo di nome Folkion Nigris nel 1904 prima di essere riscoperte nel 1967 da Nicola Flemingdall’Istituto di Oceanografia, Università di Southampton. Un anno dopo, tornerà sul sito, accompagnato da un gruppo dell’Università di Cambridge, per studiare questi resti nel corso di sei settimane.

Utilizzando un sistema di griglie e nastri a mano utilizzati per mappare il perimetro dell’area da esplorare, i ricercatori hanno prodotto una mappa della città stimata all’epoca coprire un’area di circa 300 metri per 150 metri. Sul sito sono stati contati una quindicina di edifici separati, oltre a cortili, alcune strade e più di trenta ossa.

Durante le indagini, i ricercatori hanno anche recuperato manufatti tra cui lame di ceramica, ossidiana e serratus e una statuetta di bronzo risalente al 2800-1180 a.C. circa. Tuttavia, gli edifici della città risalgono principalmente al periodo miceneo, intorno al 1650-1180 a.C.

Le rovine di Pavlopetri giacciono a pochi metri di profondità non lontano dalla costa, nel Golfo di Vatika, nel sud della Grecia. Crediti: World Monuments Fund.

La città sommersa più antica del mondo

Quindi l’esplorazione di queste rovine è continuata diversi decenni dopo, nel 2009. A quel tempo, un team dell’Ephorate of Underwater Antiquities del Ministero della Cultura ellenico, del Centro ellenico per la ricerca marina e dell’Università di Nottingham aveva intrapreso un viaggio quinquennale progetto per esplorare la città in dettaglio.

READ  Le successive ore di rotazione, presto forti temporali, grandine e anche venti fino a 100 km/h. REGIONI A RISCHIO »ILMETEO.it

Durante le loro indagini subacquee, i ricercatori hanno poi scoperto quasi 9.000 metri quadrati di terreno urbano aggiuntivo, tra cui 97 nuovi edifici, una grande sala rettangolare, tombe rivestite in pietra e grandi vasi di ceramica usati per contenere i corpi prima della sepoltura o della cremazione.

Analizzando le nuove ceramiche, i ricercatori hanno anche scoperto che la città fu abitata per tutta l’età del bronzo da ogni parte Dal 3000 a.C. al 1100 a.C. A quel tempo, la popolazione della città era di ca Da 500 a 2000 personecostituito principalmente da famiglie di pescatori.

Non ci sono più dubbi che sia la città sommersa più antica del mondo” , re annunciare Dr John Henderson, dell’Università di Nottingham, alla fine di questo studio. ” Ci sono antichi siti sommersi nel mondo, ma nessuno di loro può essere considerato una città pianificata come questa”.Ha aggiunto. Ecco perché è unico. »

Il modo in cui Pavloptery sia finito sott’acqua è ancora dibattuto, anche se alcuni ritengono che la città sia stata affondata da un terremoto prodotto intorno al 1000 a.C. o intorno al 375 d.C. Inoltre, essere prima del tempo in cui Platone scrisse il suo racconto allegorico del continente perduto di AtlantideAlcuni credono anche che Pavlopetri possa essere stato la sua ispirazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *