Riusciremo a rifare (rendere abitabile Marte)?

⇧ [VIDÉO] Potrebbe piacerti anche questo contenuto del partner (dopo la pubblicità)

Se la potenziale bonifica di Marte alimenta i romanzi di fantascienza, suscita anche l’interesse degli scienziati. Nonostante il terreno e il clima ostili alla vita umana, il processo sembra fattibile ad alcuni, mentre altri lo ritengono impossibile. In tal caso, il processo richiederebbe centinaia o addirittura centinaia di migliaia di anni per essere completato.

È un dato di fatto, l’uomo ha lavorato per cambiare il suo ambiente fin dagli albori della storia e cerca di colonizzare altri pianeti del sistema solare. È il caso di Marte – il più promettente per la riabilitazione -. Tuttavia, il pianeta rosso ha ancora caratteristiche molto ostili alla vita umana. La bonifica consisterà poi nel modificare l’attuale clima, superficie e caratteristiche del pianeta, per renderlo abitabile. L’obiettivo è combinare le condizioni della vita sulla Terra.

Una terra ostile alla vita umana

Marte ha alcuni punti in comune con la Terra: la sua velocità di rotazione, l’inclinazione della sua orbita o l’aspetto della sua superficie che testimonia un clima più caldo in passato. Ma ormai è inabitabile a causa della sua pressione atmosferica 160 volte inferiore a quella terrestre, della sua temperatura media di -63°C (perché lontana dal Sole), della sua atmosfera molto scarsa e poco respirabile per l’uomo (96% di anidride carbonica ) e l’assenza di acqua liquida.

Rappresentazione artistica delle diverse fasi della bonifica di Marte. © CC BY-SA 3.0

A un altro livello, Marte ha solo una gravità pari a un terzo di quella terrestre, che potrebbe eventualmente far rilassare il colon umano e perdere il controllo muscolare. Inoltre, la sua superficie è costantemente bombardata da raggi cosmici e raggi ultravioletti, che hanno un effetto dannoso sull’uomo.

Secondo lo studio Rendere abitabile Marte pubblicato in temperare la natura Nel 1991, rimodellare il Pianeta Rosso significava dargli una seconda vita, facendo rivivere il suo campo magnetico perduto e addensando la sua atmosfera. La maggior parte delle riserve di anidride carbonica del pianeta sarà preservata, in una forma che può essere facilmente utilizzata. ” Comprendere il campo magnetico di Marte, come si è evoluto e in quale punto della storia del pianeta è finita, è chiaramente importante per le missioni future ed è essenziale se gli scienziati sperano di stabilire un giorno una presenza umana su Marte. ‘, lui spiega In un comunicato stampa Più recente Hrvoje Tkalči, ricercatore geofisico presso l’Australian National University.

READ  "Gate" fotografato sulla superficie di Marte

Varie fasi di bonifica

Il primo passo del processo sarà ricreare un’atmosfera calda, aumentando la temperatura di Marte di almeno 60 gradi Celsius. Si tratterebbe di “inquinare” l’atmosfera aumentando la concentrazione di anidride carbonica, per sfruttare l’effetto serra. Sebbene l’atmosfera di Marte contenga il 96% di anidride carbonica, la quantità è ancora troppo bassa per svolgere un ruolo. Tuttavia, ci sono altri serbatoi nel suolo di Marte (la regolite) e nelle calotte polari (al Polo Sud), anche se non sappiamo esattamente quanto. Va notato che quando la calotta polare si scioglie sotto l’influenza della luce solare in primavera e l’anidride carbonica passa da uno stato solido a uno gassoso, la pressione atmosferica può aumentare del 20%.

dopo scuola Di Christopher McKay e Robert Zubrin, un riscaldamento di 4°C della calotta polare potrebbe essere sufficiente per innescare il processo. Per fare ciò, si sta prendendo in considerazione l’uso di specchi giganti (il più leggeri possibile) per riflettere la luce solare verso i poli. ” Specchi con un raggio di 100 km sono necessari per la vaporizzazione della CO2 in Antartide “, loro scrivono. ” Se fossero fatti di un materiale simile a quello delle vele solari, la massa di tali specchi raggiungerebbe le 200.000 tonnellate. Se fossero realizzati nello spazio da materiali provenienti da asteroidi o da una luna marziana, ci vorrebbero circa 120 megawatt di potenza per produrre l’alluminio richiesto. Stimano che una tale quantità di energia possa essere risparmiata dalle multinazionali nel breve termine.

Se la temperatura aumenta, i ghiacciai possono sciogliersi per riattivare il ciclo dell’acqua (allo stato liquido) e la vita vegetale emergerà. Sarà ancora necessario concimare il terreno con fertilizzanti organici per rilasciare ossigeno e la capacità di respirare su Marte. Ad esempio utilizzando microrganismi come i cianobatteri (che sono abituati a condizioni estreme), che porterebbero grandi quantità di materia organica.

READ  Vận đỏ hơn son từ ngày 28/1/2022, những con giáp sau sớm hưởng vinh hoa phú quý, công danh sự nghiệp đều thăng hoa, viên mãn

Ha spiegato che l’altro passo nel rimodellare Marte è la creazione di un campo magnetico artificiale In studio 2021 da ricercatori tra cui James Green, uno scienziato planetario americano che ha lavorato per la NASA. Infatti, il campo magnetico che circonda il nostro pianeta ci protegge dalle particelle cariche ad alta energia che ci raggiungono dal sole, e dagli effetti del vento solare che sembra aver esaurito l’atmosfera marziana. In effetti, dovrebbe avere un flusso intenso di particelle cariche all’interno o intorno al pianeta e gli scienziati possono visualizzare quest’ultimo caso.

Marte ha due piccoli satelliti naturali (Phobos e Deimos), grazie ai quali basterà formare un anello di particelle cariche attorno al pianeta. Poiché Phobos è la due più grande delle lune di Marte e orbita vicino ad essa – in un percorso alquanto circolare a circa 6.000 chilometri dal suolo di Marte – i ricercatori hanno suggerito di ionizzare e accelerare le particelle sulla sua superficie per creare una specie di toro plasmatico. . Secondo loro, questo darebbe origine a un campo magnetico abbastanza forte da proteggere i coloni umani che vorrebbero stabilirvisi. Ma il processo richiederebbe molta energia, probabilmente dalla fusione nucleare.

Campo magnetico per la bonifica di Marte
I ricercatori immaginano che il toroide del plasma sulla superficie di Phobos possa creare un campo magnetico protettivo attorno a Marte. © Ruth Bamford, STFC

Al giorno d’oggi, questo è completamente impossibile, perché non abbiamo i mezzi tecnologici »

Tuttavia, alcuni ricercatori sono convinti dell’impossibilità di realizzare un’impresa del genere, almeno non per molto tempo. È il caso di Frank Montmessen, direttore della ricerca del CNRS nel Laboratorio delle atmosfere, degli ambienti e delle osservazioni spaziali, che ha confidato a fidati della mia conoscenza : “ per me Al momento, questo è assolutamente impossibile, perché non abbiamo i mezzi tecnologici. Dovremo impiegare incommensurabilmente più risorse di quelle che stiamo pianificando per la prima missione umana su Marte. È un progetto, secondo me, che si può solo immaginare nei secoli a venire. E non è l’unico a pensarla così, lo studio ha mostrato Le riserve di anidride carbonica su Marte sono insufficienti e di difficile accesso per la bonifica.

READ  Vita su Marte? La curiosità ha trovato un materiale organico promettente | Affare

Allora, quando può realizzarsi il sogno della bonifica? All’inizio e con molti mezzi, gli abitanti del Pianeta Rosso indossavano una tuta spaziale (tuta a pressione) con maschera e respiratore. Secondo alcuni, ci vorranno dai 100 ai 200 anni prima che l’atmosfera si condensi e faccia a meno delle sole tute spaziali. L’energia richiesta corrisponderebbe quindi a quella ricevuta da Marte per 10 anni e richiederebbe miliardi di dollari. Quindi ci vorranno circa 900 anni per raggiungere la corretta pressione parziale e centinaia di secoli perché Marte sia completamente riparato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.