Tre secoli fa le balene non erano così numerose come pensavamo

Tre secoli fa le balene non erano così numerose come pensavamo

Per Balsboul, professore di biologia marina all’Università di Groningen nei Paesi Bassi, presta grande attenzione a mettere le cose al posto giusto: “Siamo solo scienziati. Per decidere se cacciare le balene, ci sono molti criteri che devono essere presi in considerazione, e i nostri risultati sono solo un elemento.” Ma l’articolo pubblicato dalla sua squadra scienza, Venerdì 1Qualunque Settembre, Promette di suscitare scalpore durante le future discussioni tra i paesi su quale comportamento adottare. Conclude che il numero delle megattere nel Nord Atlantico prima dell’era della pesca industriale – tre secoli fa – era molto più piccolo di quanto si pensasse in precedenza: poco più di 20.000 individui, ben lontani dalle 150.000 balene previste. L’attuale popolazione stimata di 12.000 megattere è quindi molto più sana di quanto si pensasse in precedenza. L’unico paese europeo che continua a cacciare i cetacei, la Norvegia, dovrebbe apprezzare questa notizia.

Sebbene sorprendente, questo risultato è solo il risultato dello studio in esso presentato scienza. L’obiettivo dei ricercatori di nove nazionalità, coordinati dall’Università di Groningen e dal Center for Coastal Studies di Provincetown (Maine, USA), era infatti quello di determinare quello che i genetisti chiamano il tasso di mutazione dei misticeti, in altre parole la probabilità che si verifichi . Una mutazione avviene nel genoma di un individuo tra due generazioni. Queste mutazioni sono essenziali: sono, quando favorevoli, ciò che permetterà alla specie di adattarsi ai cambiamenti del suo ambiente; Inoltre, quando sono dannosi, portano allo sviluppo di malattie.

Per calcolare questo valore, gli scienziati hanno finora avuto a disposizione due metodi. Il primo moltiplicò la sequenza degli individui, determinando così la diversità genetica della popolazione, poi stimò la data di comparsa di questa specie nell’albero della vita e il tempo trascorso tra due generazioni e derivò il famoso tasso. Problema: questi ultimi due valori sembrano molto difficili da valutare con precisione. Il secondo metodo consiste nel confrontare il DNA degli individui attuali con campioni antichi. È ancora necessario ottenere fossili di qualità sufficientemente buona.

READ  Il primo studio sul magnetismo del nichel ha trovato una forte correlazione con i superconduttori di rame

Un metodo chiamato “rapporti”

La nuova tecnologia è molto diversa. Molto più semplice in linea di principio, confronta semplicemente il DNA dei trii madre-padre-figlio. È già stato ampiamente utilizzato in gruppi di animali allevati in cattività. Ma questo modo di vivere, di per sé, modifica tutti i criteri. Tra gli animali terrestri, i lupi, le cinciallegre, le foche, ecc. e gli ornitorinchi hanno beneficiato di questo metodo chiamato “discendenza”. Il team di Bear Ballsboll lo ha utilizzato per la prima volta su quattro specie di balene: la balenottera azzurra, la megattera, la balenottera boreale e la balenottera comune. “La difficoltà sta nel riuscire a catturare questi trii, ma se le femmine rimangono spesso con i loro piccoli, i maschi potrebbero essere molto lontani.” insiste Marcos Suarez Menendez, il primo autore della pubblicazione.

Ti resta il 46,72% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *