Rifornimento Xbox e PS5: come bypassare i bot e registrare una console

Mesi dopo il rilascio iniziale, i giocatori hanno ancora problemi a mettere le mani sulle nuove console. Ma ci sono strategie che le persone possono usare per aggirare i bot e registrare un controller.

Foto: GettyImages/Nevena1987

Dall’inizio del COVID-19, la carenza di scorte e i ritardi nelle spedizioni hanno ostacolato il lancio dei prodotti in tutti i settori. Quasi un anno dopo il rilascio iniziale di PS5 e Xbox Series X, i giocatori hanno ancora problemi a mettere le mani su una nuova console. Oltre a questa mancanza di hardware e colli di bottiglia logistici, un gruppo di robot che scacciano gli umani non fa che aumentare la sfida dello shopping online. Ma come funzionano questi robot e quali strategie possono utilizzare gli esseri umani per aggirare i robot e potenzialmente segnare un controller in mezzo alla carenza?

Vedo: I migliori linguaggi di programmazione da imparare – e i peggiori (Premio TechRepublic)

Botters contro umani: gareggia sullo shopping online

Usando un esempio ipotetico, l’hacker residente a Cequence Jason Kent ha descritto una situazione in cui un rivenditore avrebbe dovuto abbandonare 20 console come parte di un rifornimento. In questo caso, i “produttori di bottiglie”, come li descriveva lui, avrebbero impostato i loro sistemi per cercare gli articoli in vendita “più e più volte, alla velocità del computer”.

“Una volta che sanno qual è l’articolo, viene aggiunto al carrello e il checkout inizia subito”, ha detto Kent. “Questi produttori di bottiglie lavorano in team in modo da avere le migliori possibilità di pagare e spedire l’articolo. Tieni presente che ogni robot rappresenta centinaia di persone che cercano di acquistare lo stesso articolo”.

“Avere meno offerta ha aumentato la domanda, il che rende la rivendita dai bot di acquisto una necessità per sempre più persone che desiderano articoli ad alta domanda”, ha affermato Kent. “Ciò ha provocato una reazione da parte dei rivenditori per creare ambienti ‘antirobotici’, ma queste tecnologie spesso aiutano i produttori di bottiglie”.

READ  Samsung presenta gli ultimi prodotti, servizi e innovazioni Galaxy al MWC 2023, la redazione globale di Samsung

Ad esempio, Kent ha spiegato che anche le code di acquisto favoriscono i bot, perché sono abbastanza veloci da lasciare la coda e terminare le transazioni; “Oltre alla capacità dei confezionatori di creare centinaia di account molto rapidamente, sono essenzialmente le prime 100 persone in fila”, ha affermato.

Aggiungi al carrello: come (provare) a bypassare i bot online

Sebbene possano esserci piccoli giocatori che possono fare per la carenza di chip e battaglioni di abili bot di vendita al dettaglio, ci sono trucchi o strategie che gli acquirenti possono provare per ottenere una console? La risposta breve: non proprio, ma non tutte le speranze sono perse.

In generale, potrebbero esserci opzioni limitate per aiutare i non imbottigliatori a battere le macchine online, come ha spiegato Kent, la strategia generale è quella di “essere nel posto giusto al momento giusto”. Il classico adagio può ancora essere valido nell’era digitale: se uno non ci riesce all’inizio, riprova. Se una persona inizialmente non è in grado di aggiungere un controller al proprio carrello, Kent ha affermato che potrebbe essere necessario “aspettare un po’ e riprovare”.

Lo schema Botter non è completamente infallibile e ci sono carenze anche con questo approccio automatizzato e il tempo è essenziale.

“I produttori di bottiglie hanno spesso problemi con il pagamento e l’inventario può tornare in piscina”, ha affermato. Entrambe queste strategie [the] Il massimo sforzo, perché i sistemi di vendita al dettaglio sono costruiti per la velocità così come i robot e gli esseri umani, sfortunatamente, sono molto lenti. ”

“Se puoi aggiungere l’articolo al carrello, paga immediatamente anche se hai più acquisti da fare”, ha detto. “Se perdi tempo cercando di acquistare oggetti aggiuntivi, i robot avranno già acquistato tutto l’inventario disponibile.”

READ  Windows 11 beta risolve un grave problema con la barra delle applicazioni, rimuove le vecchie impostazioni di Esplora file - Ars Technica

Quando è stato chiesto se ci sono determinate ore del giorno in cui i giocatori potrebbero avere maggiori probabilità di acquistare una console e battere i robot, Kent ha detto: “L’ora del giorno raramente conta”. Con quelle che ha definito “vendite di inventario a caldo” di beni di lusso come scarpe da ginnastica e console, lo stock sta colpendo il sito del rivenditore “in una volta sola” e “raccolto il più velocemente possibile”.

Vedo: Conciliare lavoro a distanza ed educare i bambini è un compito enorme. Ecco come possono aiutare i datori di lavoro (PDF gratuito) (Repubblica Tecnica)

Indipendentemente dalle strategie, dai tempi e dalla pura fortuna, Kent ha affermato che la “vera soluzione” è che i rivenditori implementino sistemi per identificare i bot durante il processo di acquisto e quindi impedire una transazione. A proposito, Kent ha detto di essere a conoscenza di rivenditori, come i clienti Cequence, che vietano tali bot, spiegando che “alcune aziende” scelgono di vietare tali agenti perché è un compito difficile e le aziende “hanno paura di bloccare una transazione valida”. .”

Durante la discussione sulle misure per impedire ai bot di appropriarsi dell’inventario, Renee Gittens, CEO dell’International Game Developers Association, ha affermato che alcuni rivenditori hanno fatto più di altri, sebbene “non tutti avessero le risorse di sviluppo o la motivazione per intraprendere tale azione”.

Gittins ha affermato che fornire ai clienti maggiori opportunità di acquisto di una console “aiuta a costruire fedeltà e relazioni con i clienti”, rendendo queste azioni un “utile investimento” per le aziende con “larghezza di banda di sviluppo o che si occupano di articoli comunemente ridimensionati”. Tuttavia, ha affermato che la creazione di un “sito Web resistente ai robot è quasi impossibile”, aggiungendo che ci sono una miriade di modi in cui gli imbottigliatori di vetro possono aggirare le misure preventive.

READ  Messaggi crittografati registrati - Delilah Dragojevic in una chat segreta con questa collaborazione su Philip? | ultime notizie

Un portavoce di Target ha risposto alle domande di TechRepublic e a una richiesta di commento, osservando che la società è “concentrata sul rendere più facile trovare e ottenere gli articoli che stanno cercando su Target”, aggiungendo che Target ha “molte misure in atto per proteggere il nostro sito Web dai bot e migliorare costantemente i nostri strumenti e le nostre tecnologie per tracciare e bloccare i comuni software di tracciamento.

Sebbene questo tipo di comportamento dei bot aumenti “di solito” durante le festività natalizie o intorno al rilascio iniziale del prodotto, ha affermato Gittins, le interruzioni legate alla carenza di chip hanno portato, almeno in parte, a continuare ad alti livelli di speculazione, anche diversi mesi dopo il rilascio iniziale di queste tastiere.

Per ora, le forniture di chip non dovrebbero tornare alla normalità presto e alcuni esperti di TechRepublic hanno rilasciato interviste. Aspettati che questa carenza continui fino al 2023Il che significa che questi robot potrebbero essere lì per far incazzare gli acquirenti delle vacanze in questa stagione e nel prossimo anno.

Che si tratti di acquistare schede grafiche, console di gioco o altri articoli tanto necessari, Gittins consiglia alle persone di cercare “rivenditori non standard”, identificare i negozi che vendono “combinazioni di questi esclusivamente di persona e unirsi a comunità online” dedicate ad aiutare i giocatori reali Ottieni i controller e gli altri elementi necessari.

Guarda anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *