Quando va in vacanza, il datore di lavoro le chiede se può lasciare la domestica a casa della madre per sbrigare le faccende domestiche

Quando va in vacanza, il datore di lavoro le chiede se può lasciare la domestica a casa della madre per sbrigare le faccende domestiche

SINGAPORE: Il suo datore di lavoro, che era in viaggio all’estero per una settimana, voleva sapere se poteva lasciare la sua assistente a casa di sua madre. In una lettera anonima indirizzata ad un gruppo di sostegno per colf e datori di lavoro, il datore di lavoro voleva sapere se poteva mandare la sua collaboratrice a casa di sua madre o se doveva mandare la domestica a stare in un alloggio retribuito per le collaboratrici. “Può aiutare lì, ad esempio, a pulire, a lavare i panni e a cucinare qualcosa? O rigorosamente a non fare i lavori domestici?”, ha chiesto la donna.

Le assistenti che hanno commentato il post della donna hanno chiesto al suo datore di lavoro di lasciare la sua assistente a casa sua, dove avrebbe potuto riposarsi e svolgere le faccende domestiche. Un imprenditore ha commentato: “Siamo andati nel Regno Unito per 3 settimane e la mia aiutante è rimasta a casa a prendersi cura del nostro gatto e le abbiamo anche lasciato abbastanza soldi per comprare cibo e altre cose. Le ho detto che poteva uscire quando voleva. Sembrava felice ma lo era ancora di più quando siamo tornati a casa perché c’è vita a casa! Haha.”

Un altro assistente ha scritto: “Lasciala riposare a casa tua e potrà anche fare le faccende domestiche.. Se il mio datore di lavoro va in vacanza, mi chiede anche di andare in un negozio cubano o parcheggiare la macchina per rilassarmi.. Anche gli assistenti hanno bisogno di riposare. non solo nei giorni festivi”. “.

Un altro assistente ha commentato: “Sto semplicemente raccontando del mio datore di lavoro che lavora per me da 14 anni. Vanno in vacanza per due o tre settimane. Mi lasciano stare a casa. Comprano pane, biscotti, caffè e dammi i soldi per comprare cibo da fuori. Ricevono 200 extra nel caso mi ammali. Mi hanno detto che puoi uscire a qualsiasi ora, solo non dormire fuori e non portare a casa nessuno o nessuno. Ho solo detto di sì signora e signore. Sono così felice di poter fare le pulizie e fare quello che voglio. Tipo sentirmi libero. Così buon datore di lavoro. “

READ  Varadkar ha definito Putin "l'Hitler del 21° secolo" mentre chiedeva più sanzioni contro la Russia

Secondo il Il Ministero del Lavoro“In qualità di datore di lavoro, sei responsabile del benessere e del mantenimento del tuo lavoratore domestico migrante (MDW). Ciò vale anche se ti trovi all’estero, ad esempio in vacanza o in viaggio d’affari. Dovrai continuare a pagarle lo stipendio durante la tua assenza.

Puoi effettuare una delle seguenti operazioni:

  • Lascialo a casa.
  • Permettendole di tornare nel suo paese/regione d’origine per il congedo domestico.
  • Lascialo a un amico o un parente. Hai bisogno:
    • Chiedi l’approvazione a Madre.
    • Assicurati che la persona con cui la lasci possa prendersi cura della sua sicurezza e non la mandi a lavorare.
  • Lasciarlo in alloggi disponibili in commercio come l’alloggio Lavoratori domestici Forniti da agenzie o dormitori per lavoratrici. È necessario ottenere l’approvazione della MOM.

Per ottenere l’approvazione:

  1. Invialo Ordinare on-line almeno 7 giorni lavorativi Prima del viaggio, includi i seguenti dettagli:
    • Il nome, l’indirizzo e la relazione della persona con cui risiederà il lavoratore domestico.
    • Nome dell’EA o dell’operatore del dormitorio.
    • Durata e date del soggiorno.
  2. Riceverai una risposta da MOM se la tua richiesta sarà approvata o respinta.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *