Quando e come apriranno le discoteche

Secondo le informazioni, i locali notturni e i bar che operano al chiuso riapriranno il 2 luglio, a meno che la situazione epidemiologica nel Paese non cambi.

I negozi funzioneranno al 50% di riempimento, mentre non ci saranno orari limitati. Dal weekend del 12-13 giugno, la musica sarà consentita solo nelle sale da pranzo all’aperto dove sono alloggiati solo i clienti seduti. Se la misura viene elusa, la sanzione sarà di 5.000 euro per la prima infrazione e 15 giorni di sospensione per la seconda.

Si comunica che la revoca del divieto di circolazione avverrà il 1° luglio, come già annunciato dal viceministro della Protezione civile, Nikos Hardalias.

Come riportato da MEGA, i negozi selezionati funzioneranno al 50% di pieno mentre sono ammessi solo i clienti seduti, mentre i bar in negozio non funzioneranno.

Per l’estate potranno divertirsi in questi negozi, fortificati o meno.

Tuttavia, va notato che non sarà consentito ballare e gli ospiti potranno godersi la musica.

La stessa misura si applicherà a matrimoni e ricevimenti, ha affermato il viceministro dello sviluppo e degli investimenti Nikos Papathanasis.

“Dato che siamo abituati a lavorare con la musica, lavoreremo secondo le regole”, ha detto il signor Papathanasis riguardo alla musica.

Tuttavia, da settembre solo coloro che sono stati vaccinati potranno entrare nei luoghi di ricreazione al coperto.

Parlando dei matrimoni, il signor Papathanasis ha dichiarato: “Dal 1 luglio, gli specialisti in malattie infettive hanno deciso che possiamo andare a 300 persone e sempre con procedure e regole, con sale rotonde da 8 persone”. A loro piace la musica ma non potranno ballare.

Per gli esercizi di ristorazione situati nei corridoi, le disposizioni operative si applicano a tutti quelli in corridoi ben aerati con solo due ingressi.

READ  . Pavlopoulos: Ioannis Kapodistrias è stato il meglio che la Grecia potesse avere

Cosa accadrà ai festival?

I festival dovrebbero essere consentiti il ​​1 luglio. Tuttavia, lavoreranno in unità territoriali in cui il tasso di immunizzazione totale supererà il 50%.

Nei prossimi giorni verrà aggiornato il relativo protocollo sanitario.

Papathanasis: con la musica, ma non i balli, i matrimoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *