Prima lega. Cinque domande sulla rivoluzione partigiana britannica. sport

Caos all’Old Trafford., Intitolato Daily Mail Sports Questo lunedì, 3 maggio mattina. “I fan conquistano l’Old Trafford.”, Lo stadio “Sotto assedio”, Legato alla sua parte Volte.

Domenica 2 maggio Alcune centinaia di fan hanno invaso Old Trafford Park a Manchester, Il che ha portato al rinvio della riunione della Premier League a una data sconosciuta tra Manchester United E il Liverpool. Per alcuni dei fumatori, quando altri fan hanno invaso le strade della città, i fan hanno voluto esprimere la loro opposizione ad Avram e Joel Glazer, i proprietari americani del club, e al figlio di Malcolm Glazer che ha acquistato il club nel 2005 (anche lui è morto nel 2014) .

Puoi comprare il nostro club, ma non puoi comprare i nostri cuori e le nostre animeUno striscione riassume la sua fan art, adornata con sciarpe gialle e verdi. Negli ultimi anni i tifosi disertori sugli spalti hanno indossato questi colori (la prima cosa che indossano i giocatori di Manconnian quando fondano il club). Simboleggia la sfiducia nei confronti dei proprietari, che non erano popolari all’Old Trafford.

Perché se l’opposizione tra i proprietari americani ei loro sostenitori non torna a ieri, si è ripresa Il progetto interrotto della Premier League (Il campionato chiudeva a 15 club per competere con la Champions League, con la sola élite europea), a cui partecipavano i Red Devils, e avrebbe potuto stravolgere il calcio inglese.

Se queste foto ricordano l’invasione del centro di addestramento La Commanderie a Marsiglia lo scorso febbraio da parte di quasi trecento fan, allora quello che sta accadendo in Inghilterra sembra diverso. Sono stati proprio gli inglesi a causare l’abbandono della Premier LeagueSeguono i club italiani e poi il Real Madrid in particolare, e sono anche loro che continuano a battere il ferro, per preservare lo “spirito” del loro sport.

READ  Il colombiano Egan Bernal gira in tour in Italia

Decifrare questo movimento unico in Europa.

Leggi anche: Colloquio. L’ex Manchester United Louis Saha ha capito l’ira dei suoi sostenitori

1. Perché i tifosi del Manchester hanno conquistato il campo?

“Ci sono due aspetti principali, da un lato, la vecchia protesta dei tifosi del Manchester United contro i proprietari americani del loro club, Il sociologo Nicholas Horcade spiega. Risale all’acquisizione del club da parte dei Glazers nel 2005. Molti sostenitori dubitano che i leader del club si preoccupino più della redditività finanziaria e dello sviluppo del marchio MU che non delle prestazioni sportive o della comunità locale. “

Nel 2005, i tifosi disertori hanno creato il proprio club: l’FC United of Manchester. Quindi il Manchester United non è stato scelto a caso per questa sfida. Gli altri hanno continuato a seguire MU, utilizzando i giallorossi del club che ha dato i natali al Manchester United, Lo specialista del tifoso di calcio continua. Questi colori, che abbiamo trovato nelle manifestazioni di domenica, sono un modo per i tifosi del club di mostrare il loro sostegno al club e la loro opposizione ai leader. “

Sostenitori di lingua inglese a Manchester il 2 maggio 2021 © PHIL NOBLE / REUTERS

“Il secondo elemento è la Premier League, Completa Nicholas Orchid. Agli occhi dei manifestanti, i leader Mancon hanno superato un’intollerabile linea rossa partecipando a questo progetto. Questo ha rivitalizzato il riempimento e gli ha dato più spazio. I fautori ora hanno il sostegno di ex giocatori, leader e attori politici che chiaramente non lo avevano prima. “

2. Gli effetti del progetto della Premier League sono ancora presenti?

La sensazione di tradimento era più forte in Inghilterra che altroveRonan Evin, amministratore delegato di Football Supporters Europe, conferma. A Liverpool, ad esempio, puntiamo molto sull’identità dei lavoratori … incompatibile con questo progetto! “

Il progetto della Premier League comprendeva sei club inglesi: Manchester United, Manchester City, Liverpool, Chelsea, Arsenal e Tottenham, tre italiani e tre spagnoli. Quindi l’Inghilterra è la più coinvolta nel progetto, il che spiega perché il conflitto attuale si sta svolgendo principalmente lì.

READ  Italia: Sono entusiasti di ... in Italia - questo ... - Sportdog.gr - Notizie sportive | notizia

Dietro questa occupazione dello stadio MU, c’è un messaggio dei tifosi verso i proprietari dei grandi club che dice in sostanza: ‘Ho provato a cambiare il panorama calcistico con la Super League, ma questa scena non può avvenire senza di noi tifosiNicholas Orchid spiega. Se vuoi cambiare il nostro sport, possiamo impedire che accada “.

3. Perché questa disputa sembra più importante in Inghilterra?

Meno di 48 ore dopo l’annuncio del piano “Twelve Villains”, il nome in codice dell’Inghilterra per i “traditori” che avevano partecipato al progetto della Premier League, i tifosi del Chelsea sono scesi in piazza per protestare, in vista della partita dei Blues contro il Brighton. . Il secondo simbolo di questa protesta è domenica 2 maggio, con l’assalto al parco da parte di 200 tifosi del Manchester United. Altrove, in Italia o in Spagna, l’opposizione è molto più debole.

In Inghilterra, la Premier League è stata l’ultima goccia: La mercificazione del calcio inglese è stata portata all’estremo per vent’anni. contro Era troppo costoso essere un sostenitore in Inghilterra e le libertà pubbliche dei suoi sostenitori furono severamente soppresse, e Gli inglesi hanno perso tutte queste battaglie. Il La sua ultima battaglia è stata la Premier League, motivo per cui la protesta è durata più a lungo ”.Avance Ronan Evin.

In tutti i paesi europei c’era una forte opposizione da parte dei sostenitori della Premier League, Nuance Nicholas Orchid. Ciò che definisce l’Inghilterra è la chiarezza e la portata delle procedure. In Inghilterra, molte associazioni di tifosi si sono già mobilitate vigorosamente contro la logica finanziaria dei proprietari dei club. C’è anche un forte attaccamento al campionato locale, alla storia del calcio inglese: questo sport è un importante indicatore dell’identità nazionale. Il calcio è una questione nazionale e politica lì. “

4. Sono possibili confronti in altri paesi, soprattutto in Francia?

“Lo vediamo a Nantes, Bordeaux, o positivamente a Parigi, con i tifosi che accompagnano i loro giocatori … Oggi è diventato l’unico mezzo di espressione rimasto per noi, senza gli stadi”.Ronan Evin si rammarica.

READ  Spagna-Italia, semifinali Coppa delle Nazioni Europee: quando e su quale canale?

A Bordeaux, i Girondini sono stati recentemente rilasciati da King Street, unico proprietario del club per un anno. A Marsiglia, Nantes e Bordeaux, i tifosi hanno recentemente manifestato contro i proprietari del loro club, in varie forme, che vanno dalle manifestazioni pacifiche alle violazioni violente, Nicolas Hourcade riprende, riferendosi all’invasione del Commanderie Training Center di Marsiglia. A Manchester contro i Glazers, come a Bordeaux contro l’azionista di King Street, le ragioni della rivolta dei tifosi sono le stesse: condannano la logica finanziaria dei proprietari americani. In queste diverse città, i leader che vedono il club come un business si oppongono ai tifosi che si presentano come garanti della storia e dell’identità del club. “

5. Questo tipo di conflitto potrebbe ripetersi?

Le riforme tanto attese dalla UEFA, soprattutto per quanto riguarda la Champions League, continueranno ad alimentare il clamore del pubblico. Le manifestazioni si ripeteranno, di sicuro, perché la rabbia è profonda tra i tifosi inglesi e c’erano già tante folle intorno ai club che partecipavano al progetto della Premier League, Nicholas Horkead conferma. Da un lato, le invasioni sul campo, è molto incerto che ci saranno nuove invasioni, poiché l’Inghilterra è ancora traumatizzata dai drammi associati al bullismo degli anni ’80. I media inglesi, i leader sportivi e i politici hanno confermato di comprendere le richieste, con i tifosi che insistono sulla necessità di non superare i limiti in termini di sicurezza. “

La separazione dei dirigenti del club dai loro tifosi e la redditività che il primo richiede, a scapito dello sport, sono le fonti di rabbia che continueranno. “Il club di calcio è una comunità, un territorio, un progetto socio-culturale. Questo è ciò che gridano i tifosi di lingua inglese: i nostri club di calcio non sono semplici sportelli automatici”.Ronan Evin conclude.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *